Palermo, città immensa e speciale per la sua architettonica bellezza, la sua storica tradizione e la sua atmosfera suggestiva, è il capoluogo di una delle regioni più belle d’Italia: la Sicilia.

Fu fondata dai Fenici intorno al 734 a.c. ed è da sempre stata nodo commerciale e culturale tra Occidente ed Asia. Il suo patrimonio culturale è estremamente esteso tant’è che spazia dai resti delle mura puniche fino alle ville in stile liberty passando dalle residenze in stile arabo-normanno, alle chiese barocche ed ai teatri neoclassici.

Camminare a Palermo è fondamentale per poterla ammirare nella sua interezza e per lasciarsi totalmente rapire dal suo cuore pulsante.

Cosa-fare-a-Palermo-di-sera
Uno scorcio notturno della città di Palermo

Cosa vedere a Palermo

La maggior parte dei monumenti è dislocata all’interno del centro storico di Palermo, e numerosi edifici che caratterizzano la città risalgono al periodo normanno; il Palazzo dei Normanni e la Cappella Palatina sono esempi architettonici di grande bellezza. 

Vicino al Palazzo dei Normanni  è ubicata la Chiesa di san Giovanni degli Eremiti, la quale con le sue particolari e tipiche cupole rosse è assurta a uno dei più importanti simboli della città. La Chiesa della Martorana è una delle più fascinose chiese bizantine del Medioevo e la Chiesa di San Cataldo è una chiesa dell’epoca normanna con la caratteristica facciata tripartita.

La chiesa della Martorana a Palermo
La chiesa della Martorana a Palermo

Altro monumento di incantevole bellezza è il Duomo di Monreale, che rappresenta il maggior luogo di culto di Monreale e fu edificato nel 1174; la Cattedrale di Palermo invece presenta una commistione interessante di stili architettonici quali il gotico, il romanico normanno, il barocco ed il neoclassico ed è il maggior luogo di culto cattolico della città.

A Palermo aleggiano anche miti come quello riguardante il Monte Pellegrino ed il Santuario di Santa Rosalia; il monte pellegrino venne definito il “promontorio più bello del mondo” in quanto si respirano magici e trasognanti contrasti quali dolcezza e grandiosità. Il Santuario di Santa Rosalia si trova fagocitato dalla natura fitta e selvaggia del monte a 429 metri di altitudine. La leggenda che tale Santa porta con sé è tutt’ora raccontata; essa narra di come l’epidemia di peste che affliggeva la città si indebolì con il passaggio della “Santa”.

Monte-pellegrino-Santuario-di-santa-rosalia-palermo
L’interno del Santuario di Santa Rosalia, sul Monte Pellegrino a Palermo

Camminando per Palermo non può mancare l’appuntamento in Piazza Pretoria altresì conosciuta come Piazza della Vergogna in quanto la Fontana che venne costruita dallo scultore manierista Francesco Camilliani presentava statue nude che crearono sdegno e diniego ai palermitani dell’epoca. La Fontana Pretoria risale al 1554 e le statue in essa distribuite rappresentano gli Dei dellOlimpo e diverse figure mitologiche nonché allegoriche. Essa costituisce una delle sculture più belle e ricche della città.

Palermo non è solo storia ed architettura dalla bellezza mozzafiato ma anche la città baciata dal sole per il suo clima mite e per il suo cielo terso. Per godere interamente di queste meraviglie atmosferiche, dopo aver visitato i monumenti principali della città ed aver mangiato e bevuto qualcosa per rigenerarsi, un piccolo viaggetto alla spiaggia di Mondello è d’obbligo.

spiaggia-di-mondello-2
Spiaggia di Mondello

La spiaggia di Mondello è frequentata da numerosissimi turisti e cittadini e rappresenta uno dei lidi maggiormente ambiti di tutta la Sicilia. Caratteristiche di questa spiaggia sono le acque adamantine, i fondali che si mantengono bassi bassi per metri e metri e la sabbia è bianchissima; unico inconveniente è rappresentato dalla massiva affluenza di persone spinte proprio dalla sua unicità.

A Palermo oltre al mare, al clima mite ed accogliente, le architetture di grande prestigio, è presente l’orto botanico considerato un vero e proprio museo a cielo aperto ed al cui interno sono conservate numerose specie di piante, molte delle quali di grande rarità e bellezza come il loto indiano, l’albero del sapone, l’albero della bottiglia ed il monumentale ficus magnoliodes.

orto-botanico-Palermo
Un edificio dell’orto botanico di Palermo

Cefalù

Tra i vari comuni della provincia palermitana, Cefalù è sicuramente una delle più suggestive e visitate, considerata come una piccola perla ai piedi di un promontorio roccioso che ha conservato il suo fascino antico intorno alla Cattedrale voluta da Ruggero II. Essa, infatti, è stata inclusa nel club dei borghi più belli di Italia. Attualmente Cefalù viene vissuta quale meta turistica durante l’estate grazie al clima asciutto e caldo, grazie alle sue spiagge ed alle opere d’arte che custodisce.

Nelle stradine anguste del centro di Cefalù, che hanno un imprinting medievale, si presentano palazzi abbelliti da decori architettonici e diverse chiese che manifestano e sottolineano la sua importanza di sede vescovile. Di fascino personale e caratteristico è il borgo marinaro con le sue case affacciate sul mare .

Cefalù-palermo
Vista dal mare di Cefalù

Cosa mangiare a Palermo

La ricchezza di Palermo è indubbiamente ad ampio spettro; paesaggistica, naturalistica, architettonica e certamente enogastronomica. Le specialità palermitane sono, infatti, particolarmente amate anche dai turisti oltre che dai cittadini per i sapori decisi, personali e caratteristici.

Il panino alla milza è il prodotto più conosciuto e sperimentato, così come le sarde a beccafico e lo sfincione (variante della pizza tradizionale). Quello che maggiormente caratterizza l’anima gastronomica della città è il cibo da strada, collocato al quinto posto tra i cibi da strada del mondo.

panino-con-la-milza
il caratteristico panino con la milza di Palermo

Vita notturna

Palermo non è solo città d’arte baciata dal sole ma anche sede della movida notturna siciliana. Numerosi sono, infatti, i locali, wine bar, ristoranti, discoteche in cui turisti e cittadini possono recarsi per divertirsi, ballare o semplicemente bere un buon bicchiere di vino, sorseggiare un cocktail adornati da un’atmosfera speciale, tipica e generosa. La maggior parte dei locali e dei ristoranti tipici sono ubicati nel cuore del centro storico palermitano dove imperano luci, magia e suggestione.

Cosa-fare-a-Palermo-di-sera
La movida notturna di Piazza San Domenico a Palermo

Dove soggiornare a Palermo

Trovare sistemazione ed alloggio a Palermo è semplice in quanto date le sue dimensioni e l’affluenza copiosa di turisti tutto l’anno, pullula di strutture, hotel, b&b ed appartamenti da affittare. Gli hotel siti nel centro storico sono numerosissimi e spaziano dalle cinque stelle, per gli amanti del lusso e della raffinatezza, alle tre stelle per chi ama hotel più contenuti ma comunque eleganti e caratteristici.

Ma la scelta non si esaurisce qui, infatti ci sono anche appartamenti da prendere in affitto ideali per coloro che preferiscono gestire il proprio tempo o per una permanenza più lunga, in modo più autonomo e “casalingo”.