Il Duomo di Monreale è stato costruito nel 1174 da Guglielmo II d’Altavilla in onore di Santa Maria Nuova. La leggenda riguardante il Duomo di Monreale racconta che la Vergine Maria sia apparsa in sogno a Guglielmo II il quale si ristorava sotto un carrubo dopo aver effettuato una battuta di caccia tra i boschi di Monreale.

La Vergine lo invitò a costruire in Suo onore un luogo di culto dopo avergli confessato il nascondiglio del tesoro del padre. Fu a seguito di questa sacra apparizione onirica che Guglielmo II decise di costruire il Duomo che si trova sui fianchi scoscesi del Monte Caputo. 

Duomo-di-Monreale-Palermo
I preziosi interni del Duomo di Monreale, Palermo

Descrizione del Duomo di Monreale

La magnificenza del Duomo di Monreale è subito visibile nell’imponente facciata con portico a trifora e due grandi torri fortificate, quella di destra venne trasformata in campanile. La facciata è inoltre caratterizzata dalla presenza di porte in bronzo di stimato e pregiato valore, una delle quali fu opera di Bonanno Pisano.

Il portico che si apre sulla sinistra fu realizzato tra il 1547-1549 ad opera di Giovanni Domenico Gagini e Fazio Gagini. Per quanto riguarda l’esterno del Duomo, esso ha subito notevoli modiche nel corso del tempo ma resta comunque evidente l’imprinting normanno e l’eco arabo dovuto, sempre nella parte esterna della struttura, a disegni formati da pietre nere e bianche. Il soffitto si presenta a volta quadrata, non c’è la cupola ed al termine dell’edificio ci sono tre absidi.

Le navate della Chiesa

Le navate sono separate da colonne con capitelli raffiguranti divinità sorreggenti archi a sesto di tipo arabo, la pavimentazione è realizzata in porfido e granito; per quanto riguarda le pareti delle absidi, esse sono rivestite da mosaici a fondo oro manifestanti le scene dell’Antico e del Nuovo Testamento.

Duomo-di-Monreale-Palermo
La facciata del Duomo di Monreale

Le cappelle del Crocefisso e di San Benedetto

All’interno di questa gloriosa chiesa sono presenti due cappelle quella del Crocefisso e quella di San Benedetto, chiari esempi di barocco siciliano. Il tesoro della Cattedrale conserva e custodisce arredi sacri (anche di fattura francese), una cassetta di rame smaltato del secolo tredicesimo ed un reliquiario della Sacra Spina, ovvero della corona di Cristo, la quale risale al periodo gotico.

Il Duomo di Monreale è affiancato dall’antico convento benedettino edificato al termine del dodicesimo secolo. Si tratta di un chiaro esempio di architettura bizantina, a pianta quadrata con portico ad archi ogivali a doppia ghiera. Questo convento è composto da 228 colonnine binate poggianti su un muretto, che sorreggono archi acuti, di tipo arabo, decorati a disegni geometrici.

Va ricordato che, al fine di godere delle meraviglie presenti in questa chiesa, il giorno in cui ci sarà la maggior concentrazione di luce all’interno del Duomo è il 21 dicembre, quando comincia il solstizio d’inverno.

Duomo-di-Monreale-Palermo
Il Cristo Pantocratore del Duomo di Monreale, Palermo

Come arrivare al Duomo di Monreale

Per arrivare al Duomo partendo da Palermo si può prendere l’autobus 389 oppure il bus AST da Piazza Indipendenza, dietro Palazzo dei Normanni.

Il costo del biglietto del bus è di 1,30 €. L’autobus vi lascerà a metà strada, facendo due passi a piedi potrete prendere una navetta gratuita che vi condurrà esattamente di fronte al Duomo di Monreale.

Il bus turistico City Sightseeing è un’alternativa per giungere al Duomo, ma il costo è più elevato: 10,00 €.

Contatti utili

Telefono: +39 327 3510886

Indirizzo: Piazza Guglielmo II, Monreale (PA)

Email: prenotavisitaduomo@alice.i