Visitare Copenaghen approfittando di un weekend, fermandovi perciò solo tre giorni, potrebbe essere molto impegnativo ma assolutamente entusiasmante!

Vi consigliamo, pertanto, di pianificare attentamente i vostri spostamenti, individuando i luoghi che volete visitare. Acquisire il maggior numero di informazioni possibili sui mezzi pubblici e gli orari di apertura di musei e monumenti, vi permetterà di sfruttare al massimo del vostro tempo. Considerando che perderete metà del primo giorno tra gli spostamenti dall’aeroporto, il check-in nell’hotel oppure il ritiro delle chiavi dell’appartamento o della stanza che avete affittato, rimarranno a vostra disposizione poco più di due giorni e mezzo per godervi la Capitale danese.

blur-16706_1920
Autobus

Vi consigliamo di pianificare un itinerario di visita prima di partire, consapevoli che una volta arrivati in città sarà necessario, con molta probabilità, adattarlo e modificarlo. Per cominciare vi sarà utile una mappa su cui individuare i luoghi d‘interesse e salvare sul vostro smartphone l’elenco dei siti ufficiali dei musei e dell’ufficio del turismo di Copenaghen, per avere sempre a portata di mano gli orari di apertura dei vari siti. Una volta arrivati in aeroporto cercate gli espositori con le brochures di musei, attrazioni ed eventi in città, per avere un aggiornamento puntuale di quanto potrete vedere a Copenaghen. Eccovi un possibile itinerario turistico da sviluppare in poco meno di tre giorni, che tocca tutte le principali attrazioni turistiche che davvero non potete perdervi anche se rimarrete in città per poco tempo.

Primo giorno

Una volta arrivati all’aeroporto di Copenaghen e ritirati i vostri bagagli, se avete intenzioni di spostarvi in città con l’aiuto di autobus o metropolitana, vi consigliamo di acquistare la Copenaghen Card (CC). La CC vi servirà immediatamente per arrivare in centro città, sia che decidiate  di sfruttare la metro che il treno.
Giunti nel luogo che avete scelto per il vostro riposo, depositati i bagagli ed espletate le formalità di rito potete finalmente partire alla scoperta della meravigliosa capitale danese.

copenhagen-237563_1280
Ny Carlsberg Glyptotek

Ny Carlsberg Glyptotek

Gli amanti dell’arte saranno felici di cominciare il loro tour dalla Ny Carlsberg Glyptotek: situato in pieno centro città, in Dantes Plads 7, vicinissimo alla stazione centrale,  il museo si compone di due edifici uniti da un romantico giardino d’inverno e raccoglie più di diecimila opere tra dipinti e sculture. Il museo ha due sezioni principali: la più grande  collezione di arte antica del Nord Europa e un’importante raccolta di opere danesi e francesi del XIX secolo: spiccano fra tutte le opere di Manet, Renoir, Cézanne, Degas e Van Gogh. Per visitare l’intera struttura, senza soffermarvi troppo sulle opere minori, vi serviranno un paio d’ore. Giunta ormai l’ora di pranzo vi consigliamo di approfittare dei tanti chioschi presenti in città per mangiare un saporito hotdog e ripartire verso al prossima visita.

copenhagen-169052_1280
Una sala nella Ny Carlsberg Glyptotek

Il tempo a disposizione in questo primo giorno non è troppo, perciò vi consigliamo di evitare di  inserire troppe mete e godervi il centro città. Partendo dalla Radhuspladsen (piazza del Municipio) potrete ammirare l’imponente edificio, per l’appunto il Municipio, che la sovrasta e la torre campanaria che lo affianca. Nella sala d’ingresso del Municipio potete vedere l’orologio astronomico di Jens Olsen. Il Municipio è aperto nei giorni feriali dalle 8.30 alle 16.30 e l’accesso è gratuito.

copenhagen-359358
La fontana nella piazza del Municipio

A questo punto basterà che vi guardiate intorno per scorgere singolari palazzi, come la Richshuset, un edificio la cui torre è animata da un barometro in cui una signora con l’ombrello e una signorina in bicicletta annunciano le previsioni meteorologiche.
Sempre nei pressi del Municipio potrete farvi una bella foto vicino al noto scrittore Andersen immortalato in una bella statua, che si trova alla destra del palazzo comunale; mentre dall’altro lato del viale potete farvi affascinare dal palazzo rinascimentale, detto il Castello di Andersen, che attualmente sede del museo delle cere. La piazza del Municipio è il punto d’inizio della famosa e amata via dello shopping danese: lo Strøget.

Lunga quasi due chilometri, questa strada è un susseguirsi di negozi, bar e locali di tutti i gusti. Vi consigliamo di accontentare i vostri bambini e portarli all’interno di uno dei negozi esclusivamente dedicati alla vendita di dolci e caramelle; sicuramente anche i più grandi non riusciranno ad uscire a mani vuote: fate solo attenzione alle liquirizie salate, forse un po’ troppo eccentriche nel gusto per i palati che non le hanno mai assaggiate. Vale la pena di dare uno sguardo alle vetrine della Royal Copenaghen che vende le famose porcellane danesi blu e bianche.
È ora di tornare verso il Municipio, approfittatene per prendere una Kanelsnegle, la famosa girella alla cannella, mentre passeggiate verso l’ultima tappa della giornata.

cinnamon-99655_1920
Le favolose Kanelsnegle

Tivoli

Il parco divertimenti Tivoli è uno dei più visitati al mondo; passare la serata al suo interno vi catapulterà in un mondo fatato e magico. L’ambiente è suggestivo, con splendidi giardini curati, in cui  potrete vedere anatre e pavoni che girano liberamente e giostre mozzafiato. Al tramonto verrete sorpresi dall’accensione di migliaia di luci. Se siete a Copenaghen durante il periodo estivo avrete l’occasione di assistere ad uno dei tanti concerti che vengono organizzati nei week-end. Per la cena vi consigliamo di fermarvi all’interno del parco in uno dei tanti bar o ristoranti e magari deliziarvi con un waffel.

Tivoli_698973a
La magia del Tivoli

Accanto all’ingresso principale del Tivoli si trova anche l’Hard Rock Cafe, meta irrinunciabile per i collezionisti delle famose magliette.

hard-rock-cafe-236022_1920
Hard Rock cafe a pochi passi da Tivoli

Secondo giorno

Dopo esservi goduti il meritato riposo e aver fatto una bella colazione calorica, in vero stile danese, è ora di ripartire verso la prima meta della giornata.

Chiesa di Frederiks

La chiesa di marmo (raggiungibile a piedi, in bici, con l’autobus 11A o con la metropolitana scendendo alla stazione di Kongens Nytorv) è un bellissimo edificio religioso, ovviamente costruito in marmo, visibile da lontano grazie alla sua bella cupola di color verde. Se volete ammirare il magnifico panorama della città, potrete salire sulla cupola. Ricordate che durante le funzioni non è possibile accedere all’interno. Terminata la visita alla chiesa vi basterà uscire e fare pochi passi per arrivare alla seconda tappa in programma.

l'interno della Chiesa di marmo
L’interno della Chiesa di marmo

Amaliensborg

A pochi metri dalla Chiesa di Frederiks potrete ammirare gli eleganti palazzi settecenteschi che ospitano la famiglia reale danese. Si tratta di un complesso di quattro edifici che sorgono attorno ad un’ampia piazza ottagonale che ospita la statua equestre di re Federico V.

Suggestiva vista della statua equestre
Suggestiva vista della statua equestre di re Federico V

Mentre aspettate che arrivi mezzogiorno per assistere alla suggestiva parata del cambio della guardia, potete visitare il piccolo museo sito all’interno del palazzo Lavatzau. Se volete assistere a tutto il cerimoniale del cambio della guardia dovrete riservarvi almeno un’oretta.

marching-243187_1920
Il cambio della guardia

Quando riuscirete a disincantarvi dalle ritmiche movenze della guardie, bellissime nelle loro divise col caratteristico cappello in pelliccia d’orso, potrete avviarvi verso la bella e malinconica Signora della città: la Sirenetta. Arrivando da Amaliensborg, mentre vi state recando verso lo scoglio più famoso al mondo, vi consigliamo una terza tappa:

Giardini di Kastellet, la cittadella

È un’antica fortificazione militare aperta al pubblico formata da graziose casette rosse dai tetti spioventi. L’area è a forma di stella, contornata da un terrapieno su cui è possibile passeggiare e magari riposarvi su una delle panchine sparsi tra il verde parco. Proseguite quindi verso la Sirenetta.

Le suggestive costruzioni del Kastellet
Le suggestive costruzioni del Kastellet

La Sirenetta

Il simbolo della città di Copenaghen, il monumento che assolutamente non potete mancare di vedere è, senza alcun dubbio la statua della Sirenetta. La personificazione della famosa favola di Andersen è adagiata su uno scoglio davanti al porto di Copenaghen. Vi basterà poco tempo, giusto quello di ammirare la statua e fare qualche scatto fotografico e poi potrete tornare verso il centro città. Se non avete pianificato un pranzo a sacco vi basterà scegliere  di fermarvi presso uno dei tanti locali per ristorarvi e riposare un po’ le gambe e magari approfitterete per assaggiare uno Smorrebrod bevendo una Tuborg. È ora di avviarsi verso l’area più verde della città!

La Sirenetta
La Sirenetta

Castello di Rosenborg

Il castello di Rosenborg è un incantevole costruzione rinascimentale costruita nel 1606 per ospitare la famiglia reale. All’interno potete ammirare le collezioni reali tra cui le stupende le corone e le spade. Le visite al castello terminano alle ore 16, pertanto vi consigliamo di programmare bene i vostri spostamenti, magari utilizzando una comoda bicicletta, se siete troppo stanchi o un po’ in ritardo sulla tabella di marcia potete arrivare al castello con il bus linea 5, 10, 14, 16, 31, 42, 184 e 185.
Il castello è bellissimo con i suoi mattoncini di arenaria rossa e i tetti in rame, ma anche i giardini (Kongengens Have) che lo circondano vi lasceranno senza parole.
Terminata la visita al sito reale sarà arrivata l’ora di recarsi verso il porto nuovo.

copenhagen-385679_1280
I giardini attorno Castello di Rosenborg

Nyhavn

Nyhavn è la zona del porto nuovo, uno dei luoghi più pittoreschi della città. Si tratta di una grande area caratterizzata dalle suggestive casette colorate che si affacciano al canale animato da decine di imbarcazioni ormeggiate. Vi consigliamo di prendervi 10 minuti per sedervi in riva al canale in uno dei tanti locali o taverne. Mentre riposate, tenete sotto controllo gli attracchi presso i due moli: da lì, ogni 30 minuti, parte un’escursione in battello che vi porterà tra le ramificazioni dei canali, tra città e il mare aperto. Durante il tour potrete rivedere la Sirenetta, da una prospettiva diversa (di spalle), la Royal Library e l’Opera. Il tour dura circa 45 minuti. Adesso che siete stati seduti e avete riposato un po’ le gambe potrete puntare verso l’ultima tappa.

copenhagen-93005_1280
Il porto di Nyhavn

Christiania

Scendendo nel quartiere di Christiashavn dall’autobus 2A, passeggiando tra le vecchie case, arriverete velocemente all’ingresso di Christiania: la città libera fondata abusivamente da un gruppo di hippie nel 1971. All’interno della città hippie si gira esclusivamente a piedi o in bicicletta; l’atmosfera è tranquilla ma è necessario attenersi a tre regole fondamentali che troverete riportate su diversi cartelli all’interno del quartiere: 1- divertirsi, 2- non fotografare, 3- non correre (crea panico); per quest’ultima imposizione lasciamo a voi ogni considerazione… All’interno dell’area ci sono parecchi locali e ristorantini dove potrete fermarvi per la cena, godetevi la serata passeggiando lungo il laghetto interno e ammirate le particolari casette prima di ritirarvi per il meritato riposo.

Uno degli ingressi a Christiania
Uno degli ingressi a Christiania

Terzo giorno

Vi auguriamo che il vostro risveglio sia salutato da un bel sole, nel caso contrario non preoccupatevi, perché la mattinata sarà dedicata alla visita del museo nazionale.

Museo nazionale Danese

Il museo nazionale si trova non lontano dallo Strøget ed è il posto migliore da visitare per conoscere la storia danese. I reperti conservati vanno dall’epoca preistorica a quella contemporanea; non manca una sezione dedicata al periodo classico e, al sempre suggestivo, antico Egitto. Il museo si sviluppa su tre piani, oltre al terreno ed espone ceramiche, armi, rune, navi vichinghe e molti altri oggetti interessanti.

L'ingresso al museo nazionale
L’ingresso al museo nazionale

Arrivata l’ora di pranzo potrete fermarvi nel ristorante interno; il buffet propone una buona varietà di piatti caratteristici della cucina danese. Vi aspetta ora l’ultima meta del vostro soggiorno a Copenaghen:

Rundetårn, la torre Rotonda di Copenaghen

La storica torre rotonda (Rundetaarn) che, si trova al centro della città, venne costruita per volere di re Cristiano IV tra il 1637 e il 1642. La torre, che è alta 36 metri, venne concepita per essere un osservatorio astronomico e utilizzata per questo scopo fino al 1861. Per salire al punto di osservazione, posto sulla sommità della torre, è necessario percorrere una  rampa elicoidale lunga 209 metri. Dalla piattaforma potrete osservare la città di Copenaghen da un punto di vista unico e mozzafiato.

La Rundetårn
La Rundetårn

È giunta l’ora di tornare a prendere i bagagli e partire alla volta dell’aeroporto.
Copenaghen è un’incantevole e romantica città, sicuramente quando sarete tornati a casa vi sembrerà di sentire ancora il profumo dei dolci…tranquilli non siete matti: avete solo un po’ di nostalgia!

Indirizzi web utili

Copenaghen Card (CC): http://www.copenhagencard.com

Ufficio del turismo di Copenaghen: http://www.visitdenmark.it

Metropolitana: http://intl.m.dk

Ny Carlsberg Glyptotek: http://www.glyptoteket.dk/

Tivoli: http://www.tivoli.dk/

Castello di Rosenborg: http://dkks.dk/

Museo nazionale Danese: http://natmus.dk/

Rundetårn: http://www.rundetaarn.dk/