Laion è un Comune italiano di poco meno di 3.000 abitanti della provincia di Bolzano, in Trentino Alto Adige. Il Comune ha una superficie di 37 chilometri quadri, che si estendono dai 470 metri di altitudine di Novale di Sotto ai 2.270 metri di Raschotz. Il centro del paese, invece, si trova ad un’altitudine intermedia di 1.100 metri. Laion è una delle più rinomate località turistiche della provincia di Bolzano, soprattutto nel periodo invernale, grazie alla meravigliosa cornice delle Dolomiti, Patrimonio Mondiale dell’Umanità UNESCO dal 2009.

Cosa vedere a Laion

Laion viene tradizionalmente considerata la porta delle Dolomiti, in quanto si trova all’ingresso della Val Gardena. Come potrete immaginare, sono le bellezze paesaggistiche a farla da padrona, anche se abbiamo un paio di cose da segnalarvi anche dal punto di vista architettonico. Innanzitutto, sarà impossibile per voi quando sarete in vacanza nella località bolzanina non visitare il centro storico, un piccolo gioiellino con abitazioni private curate in ogni minimo dettaglio, quasi come se si fosse sul set di un film!

La Chiesa di San Pietro a Laion
La Chiesa di San Pietro a Laion, la chiesa parrocchiale del paese appartenente alla diocesi di Bolzano-Bressanone

Degna di nota è anche il luogo sacro che si trova in questo centro storico, ovvero la Chiesa di San Pietro. E’ la chiesa parrocchiale del paese, che dà anche il nome alla frazione in cui è situata. La chiesa che troverete, non è la costruzione originaria, di periodo tardogotico; si tratta, invece, di una ricostruzione Settecentesca. Consacrata nel 1767, è sede parrocchiale dal 1914 ed appartiene alla diocesi di Bolzano-Bressanone.

Come detto, però, Laion è principalmente conosciuta per le sue bellezze naturalistiche e per le sue escursioni. E’ per questo che la località bolzanina è l’ideale anche nel periodo estivo, dove gli appassionati di trekking troveranno il loro paradiso! Le escursioni guidate sono possibili da metà giugno a fine ottobre, organizzate e pensate proprio per farvi conoscere i segreti di questa splendida terra.

Una vista dall'alto della frazione San Pietro di Laion, a quota 1.200 metri
Una vista dall’alto della frazione San Pietro di Laion, a quota 1.200 metri

Imperdibile per i turisti è inoltre il Percorso dei Sapori, con locali e pronti ad offrire e far conoscere i sapori tradizionali legati alla propria terra. Escursioni guidate e visite con sosta e degustazione in questi locali tradizionali rappresentano il modo migliore per conoscere questo straordinario mondo: numerose ricette della cucina contadina vi aspettano!

Appassionante per gli amanti del trekking è il Sentiero Dolorama che, attraverso 4 tappe, porta dall’Alpe di Rodengo/Luson fino a Laion. Il percorso è lungo 61 chilometri e inizia in modo dolce per portare attraverso il paesaggio della Valle Isarco. Dal paesaggio d’altura ricco di varietà floristica dell’Alpe di Rodengo/Luson ci si avvia sempre più verso le scoscese rocce delle Odle di Eores e di Funes, scendendo fino a Laion, come detto porta d’accesso della Val Gardena, con uno sfondo irripetibile: le Dolomiti, passando dal Sass de Putia alla fine della valle di Luson, dal passo Göma nel parco naturale Puez-Odle alle Odle di Funes, per chiudere con una meravigliosa vista su Sassolungo, Sasso Piatto e Sciliar.

Lo spettacolare paesaggio che troverete quando deciderete di affrontare il Sentiero Dolorama, tra i più belli delle Dolomiti
Lo spettacolare paesaggio che troverete quando deciderete di affrontare il Sentiero Dolorama, tra i più belli delle Dolomiti

Il sentiero Dolorama è particolarmente indicato anche per i meno esperti, correndo quasi interamente su sentieri segnalati, con un unico attraversamento di una strada asfaltata. Lungo il sentiero si trovano diverse baite dove pernottare per la notte e ristoranti dove gustare il buon cibo trentino. Il percorso, della durata di quattro giorni, può essere affrontato in diversi modi: numerosi i bivi dove poter iniziare o al limite accorciare il percorso. Inoltre i punti di partenza e arrivo sono facilmente raggiungibili con mezzi pubblici… Insomma: un’esperienza sulle Dolomiti unica!

Se capitate durante le feste natalizie, sarà impossibile per voi perdervi il Mercatino Medievale di Natale di Chiusa, a pochi chilometri da Laion, con gli stand per la vendita in legno, e i venditori vestiti con abiti d’epoca tradizionali della Val Gardena. Qui troverete numerosi oggetti dell’artigianato locale, cibo tradizionale e molti, moltissimi souvenir, il tutto con centinaia di candele a creare un’atmosfera unica!

Il Mercatino Medievale di Natale di Chiusa, a pochi chilometri da Laion: un tuffo nel Medioevo della Val Gardena!
Il Mercatino Medievale di Natale di Chiusa, a pochi chilometri da Laion: un tuffo nel Medioevo della Val Gardena!

Hotel a Laion

Nonostante le piccole dimensioni della località bolzanina, Laion presenta un buon numero di strutture ricettive per i turisti, a causa del fatto che, negli anni, è diventata una delle principali mete turistiche (sia in inverno che in estate) dell’intera provincia di Bolzano.

Segnaliamo innanzitutto l’Hotel Hubertusstube, un delizioso albergo a 3 stelle situato a soli 5 minuti d’auto dal centro di Laion, di fronte ad una fermata dell’autobus Ski Express, con il quale potrete facilmente raggiungere il comprensorio sciistico di Ortisei, distante appena 10 chilometri. L’hotel offre nelle aree comuni un ristorante à la carte, una terrazza solarium, una connessione wifi gratuita (presente anche nelle camere) e un giardino con lettini. Nelle camere, arredate in stile alpino con mobili in legno, troverete invece TV satellitare a schermo piatto, pavimento in parquet, bagno privato con asciugacapelli e set di cortesia, oltre ai balconi con vista sul giardino e sulle montagne circostanti, presenti in molte di essa. Il rapporto qualità-prezzo, poi, è tra i migliori di Laion: consigliatissimo!

Al
L’Alpin Stile Hotel di Laion, albergo a 3 stelle tra i più gettonati della località trentina

Altra struttura molto apprezzata dai turisti è l’Alpin Stile Hotel, situato nel cuore delle Dolomiti e ad appena 4 chilometri dal comprensorio sciistico Superski-Dolomiti. Sauna finlandese o alle erbe e vasca idromassaggio, bus navetta gratuito collegato con la funivia di Ortisei, connessione wifi gratuita sono i servizi che troverete nelle sale comuni; nelle camere, oltre alla connessione, potrete disporre di di bagno interno, TV a schermo piatto da 32 pollici con canali satellitari e, in alcuni casi, balcone con vista panoramica sulle Dolomiti. Niente male, per un albergo a 3 stelle!

Clima e Meteo a Laion

Il clima di Laion è particolarmente adatto ai turisti che vogliono visitare questa località durante le vacanze invernali o estive, più che nelle mezze stagioni. L’inverno è molto rigido, con temperature che spesso scendono sotto lo zero (soprattutto di notte), ma che ovviamente permettono il mantenimento di una neve compatta ideale per le vostre sciate sui comprensori delle Dolomiti! L’estate, invece, abbastanza mite e quasi sempre fresca e ventilata, si configura come ideale per le vostre passeggiate per i numerosi sentieri presenti.