Tenerife, con una superficie di 2.034,38 chilometri quadrati, è l’isola più grande dell’arcipelago, e forma con La Palma, La Gomera e El Hierro la provincia di Santa Cruz de Tenerife. Quest’ultima è il capoluogo delle Canarie insieme a Las Palmas de Gran Canaria; la popolazione di Tenerife è di circa 900.000 abitanti (pressappoco il 43% dell’intero arcipelago) e si tratta dell’isola più urbanizzata fra le sette.

Le località

Ecco una lista delle principali località turistiche di Tenerife, con una breve descrizione ed un elenco dei punti di maggiore interesse che si potranno trovare una volta giunti in loco.

Santa Cruz de Tenerife

Santa Cruz de Tenerife è il capoluogo dell’isola, è situata a Nord di Tenerife e si tratta di una città portuale abitata da circa 2000 anni. Il 3 Maggio del 1494 Alonzo Fernández De Lugo proclamò la nascita del regno di Santa Cruz de Tenerife, piantando una croce di madera che è ancora possibile vedere all’interno della chiesa della Concepción, e che viene portata in processione ogni 3 Maggio in onore di quell’avvenimento.

Il centro storico della città è ubicato nei pressi del mare, e tra gli edifici ed i monumenti da poter visitare vanno ricordati l’Auditorium di Tenerife, la Chiesa di San Francisco, la piazza di La Candelaria, il Mercato municipale di Nostra Signora de Africa, la piazza Principe de Asturias ed il Parco Marino Cesar Manrique, disegnato dall’omonimo artista ed architetto canario. Da non perdere anche il Teide National Park, che comprende l’omonimo monte (il più alto di tutta la Spagna e di tutto l’Atlantico con i suoi 3718 metri, oltre ad essere il terzo vulcano più grande del mondo) e, per gli appassionati di storia ed escursioni, si consiglia di visitare anche il villaggio di Taganana, fondato nel 1501 all’interno dei Monti Anaga.

Una curiosità: il Carnevale di Santa Cruz de Tenerife è considerato il secondo carnevale più importante al mondo, subito dopo quello di Rio de Janeiro, e la capitale dell’isola è gemellata con Rio proprio per questa ragione.

Tenerife
Una panoramica aerea di Santa Cruz de Tenerife, capoluogo e città più importante dell’isola

Puerto de la Cruz

Mantenendoci sul versante settentrionale di Tenerife troviamo Puerto de la Cruz, la località più turistica dell’isola che ha il suo centro in Plaza de El Charco, nei pressi della quale sorgono Casa de la Aduana, Casa Miranda e l’Hotel Maquesa. Qui si può ammirare il bellissimo Lago Martianez, opera di Cesar Manrique formata da sette laghi artificiali rappresentanti ognuno un’isola dell’arcipelago, alimentati direttamente con l’acqua dell’oceano. Nei pressi di quest’opera è presente anche un casinò. Sempre a Puerto sorgono anche il Parque Taoro, un rigoglioso spazio verde di quasi 100.000 metri quadrati e la bellissima chiesa di Nuestra Señora de la Peña de Francia, eretta nel 1697.

La Orotava

Da questa città si può godere della vista di paesaggi meravigliosi, e tra i luoghi più interessanti che offre si possono citare Casa Fonseca (o Los Balcones), uno dei più grandi esempi di barocco canario, l’Iglesia de Nuestra Señora de la Concepción, la più importante chiesa della città e Pueblochico, un parco tematico diviso in otto aree che riproduce i più importanti edifici delle Canarie in miniatura, in scala 1:25.

La Laguna

Fondata negli ultimi anni del XV secolo, questa città fu la capitale dell’isola prima di Santa Cruz ed è stata inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità dall’UNESCO. Le costruzioni storiche più importanti di La Laguna sono la cattedrale di Los Remedios (in Plaza de Fray Albino), la chiesa de La Concepción, Plaza de Adelanto nella quale si trovano il Palazzo dell’Ayuntamiento, il Monastero de Santa Catalina de Siena ed il Palazzo de NavaCasa Montañés e Casa Lercaro. In questa città si trova anche il Museo di Storia di Tenerife, che raccoglie ed espone importanti testimonianze riguardanti i trascorsi dell’isola.

Tegueste

Questo piccolo paese si trova in una valle circondata da verdi colline, sempre a Nord di Tenerife, e la sua economia è basata sull’agricoltura. Tegueste è un posto molto caratteristico da poter visitare, nel caso si voglia trascorrere qualche ora tranquilla lontani dalla movida che imperversa nel resto dell’isola.

Tacoronte

Questa città di circa 30.000 abitanti si trova a Nord-Est di Tenerife, qui viene prodotto il vino Tacoronte-Acentejo e venne fondata nel XV secolo dal portoghese Sebastian Machado. Si tratta di uno dei poli culturali più importanti dell’isola, con edifici come la chiesa di Santa Catalina de Alejandra Martire, il convento dei Padri Agostini, la chiesa santuario del Cristo de los Dolores (risalente al 1649) e gli eremi La Caridad, San Juan e San Jeronimo, datati XVII secolo. Da non perdere anche Il Calvario ed il Corn Exchange, il quartiere con le case più antiche.

Garachico

Situata a Nord-Ovest di Tenerife, questo paesino è diviso in due parti: l’area urbana, che va da Caleta de Interián fino ad El Guincho ed è un’area costiera che comprende le bellissime piscine naturali del Caleton, oltre a numerosi edifici storici e l’area di mezzo, consistente nelle zone di San Juan del ReparoGenovésSan Francisco de la Montañeta, zone dedite prevalentemente all’agricoltura.

Tenerife
La splendida area costiera di Garachico, sviluppatasi letteralmente a ridosso dell’oceano

Icod de Los Vinos

Questo comune venne fondato nel 1501 ed è anch’esso ricco di luoghi da visitare come piazza de Càceres Lorenzo, nella quale si trova il monumento all’eroe della causa indipendentista venezuelana Josè Antonio Pàez, il Museo dell’arte sacra nella chiesa di San Marco ed il cosiddetto “Drago” che sorge nei suoi pressi, un albero secolare simbolo della città (appartenente alla specie Dracaena draco, endemica nelle Canarie). Di particolare rilevanza sono anche Playa San Marco, una baia ricca di storia e Cueva de Viento, la più grande grotta vulcanica del mondo, lunga ben 17 chilometri.

Due curiosità relative ad Icod de Los Vinos sono la presenza dell’ArtLandya PuppenMuseum, un museo interamente dedicato all’esposizione di bambole e pupazzi e la festa del Vino, celebrata ogni 29 Novembre, durante la quale si possono mangiare anche ottime caldarroste.

Candelaria

Questa cittadina ospita la basilica di Nostra Signora di Candelaria, patrona delle Canarie, ed è un luogo di culto mariano molto importante per i cattolici spagnoli e sudamericani, a tal punto che Candelaria viene spesso paragonata a Fatima o a Guadalupe. Va da sé che il turismo da queste parti sia prevalentemente catalizzato da motivi religiosi.

Güímar

Qui si possono ammirare le caratteristiche piramidi dei Guanci, la popolazione che abitava quest’area prima dell’invasione spagnola, la Cueva de Chinguaro, la Casa del Paseo, la Casa del Buon Retiro, la Casa de la Raya, la Casa del Santo Domingo, il quartiere di San Juan, e le caratteristiche cave di tufo.

Costa Adeje

Quest’area comprende bellissime spiagge, e la stessa Costa Adeje, a Sud-Est di Tenerife, è una delle più quotate dell’intero arcipelago delle Canarie. Qui si possono praticare diversi sport acquatici, e vi si trova quello che è forse il miglior campo da golf dell’isola. Sotto il profilo naturalistico merita una citazione Barranco dell’Inferno, uno spettacolare sentiero che s’articola attraverso la caratteristica vegetazione locale. Sempre a Costa Adeje sorgono anche i parchi di Aqualand Costa Adeje ed il Siam Park.

Los Gigantes

Situata a Sud dell’isola, questa località è famosa per le sue scogliere che misurano fino a 600 metri d’altezza, si estendono per ben 10 chilometri e rappresentano di fatto la spina dorsale della catena montuosa del Teno.

Tenerife
Le scogliere di Los Gigantes, uno spettacolo di proporzioni monumentali

Las Americas

Arrivati a Las Americas, saremo forse di fronte al luogo più alla moda dell’intera Tenerife. Qui sono raggruppati numerosi alberghi, ristoranti e locali notturni, ed oltre alle spiagge si può ammirare la Piramide di Arona, un monumentale edificio che ospita eventi come balletti, concerti e conferenze, e può vantare una delle sale più grandi di tutta Europa (con una capacità di 1874 posti a sedere).

Los Cristianos

Situata a Sud-Ovest dell’isola, questa cittadina era un tranquillo villaggio di pescatori fino agli anni ’70, ma in seguito al boom del turismo sono sorti sul suo territorio un gran numero di alberghi, appartamenti e villaggi turistici. Il luogo più caratteristico di Los Cristianos è la Playa Las Vistas, facilmente riconoscibile dall’enorme fontana eretta proprio a ridosso della riva, dalla quale sgorga ininterrottamente l’acqua stessa dell’oceano.

Le spiagge

Tenerife offre ai suoi avventori spiagge meravigliose, tra le quali si può citare Playa Tejita, una delle spiagge naturali più grandi di tutta l’isola, situata a Granadilla de AbonaPlaya Teijta giunge fino alla Montaña Roja, laddove sorge una piccola baia conosciuta per essere frequentata da chi pratica il nudismo.

Las Teresitas è invece una spiaggia artificiale, il suo arenile è infatti formato da sabbia proveniente dal Sahara, e si trova a circa 10 minuti di macchina da Santa Cruz. Poco distante sorge San Andrés, un antico villaggio di pescatori nel quale si dice che si possano trovare i migliori ristoranti di pesce di tutta l’isola. La spiaggia di El Duque è invece situata sulla punta occidentale di Costa de Adeje, mentre Fañabé -sempre nei suoi pressi- è la meta ideale per gli amanti degli sport acquatici.

Tenerife
Una suggestiva fotografia della spiaggia di La Tejita al tramonto, una delle spiagge più vaste dell’intera isola

Proseguendo si trova El Bollullo, caratterizzata da sabbia vulcanica e circondata da scogliere, raggiungibile mediante un sentiero che attraversa le piantagioni di banane. Si tratta di una delle spiagge naturali più suggestive dell’isola, si trova a La Orotava e sempre nella stessa zona  si possono trovare le spiagge di Los Patos e Playa de Pozo, ideali per praticare il surf. Anche la spiaggia di Los Gigantes è famosa per il suo paesaggio incontaminato, è circondata da scogliere che superano i 600 metri d’altezza ed è una delle meno frequentate.

Proseguendo alla scoperta delle migliori zone costiere di Tenerife troviamo Masca, una spiaggia dalla parvenza selvaggia raggiungibile solo tramite una lunga marcia attraverso una fantastica gola e Playa Jardín: questa spiaggia è la più conosciuta di Puerto de la Cruz, è situata a Nord di Tenerife ed ha un’estensione di circa 700 metri. Playa Jardín è circondata da giardini, bagni e locali, e di recente è stata soggetto di un’operazione di riqualificazione, nel corso della quale sono stati estratti 200 metri cubi di sabbia dai fondali marini per ricompattarla. L’ideatore di questa splendida spiaggia fu il geniale César Manrique, pittore, scultore ed architetto che ideò il paesaggio che circonda ora questo splendido angolo di paradiso.

Las Vistas è invece una delle mete preferite dalle famiglie, è situata ad Arona e misura in lunghezza circa 850 metri. Las Vistas offre uno spettacolare specchio d’acqua calma e bassa, l’ideale per fare il bagno in sicurezza, sebbene proprio per questa ragione risulti spesso una delle più affollate nel corso dell’alta stagione. A Santa Cruz si trova poi Playa de Benjio, vicino alle montagne di Anaga, conosciuta perlopiù per i suoi magnifici panorami e per il fatto che anche questo sia uno dei luoghi preferiti dai nudisti. Sempre nella capitale dell’isola troviamo anche Playa al Magica, Playa Draguillo e Playa del Roque de las Bodegas fra le spiagge più famose.

Tenerife
La spiaggia di Benjo, uno dei luoghi più belli di Tenerife nonché meta abituale di chi pratica il nudismo

La spiaggia di El Medano è invece la più grande di tutta Tenerife, è ubicata a Granadilla de Abona e presenta ben due chilometri di sabbia dorata, oltre a servizi di ogni genere, dalle docce ai chioschi caratteristici, ai bar ed ai ristoranti. La vicina spiaggia di Cabezo ospita invece manifestazioni internazionali di windsurf. A Sud dell’isola si possono trovare anche altre bellissime spiagge come quella di Los Cristianos, dalla quale è possibile scorgere Gomerra ed El Hierro, Playa de Las Americas e Playa de Las Americas II, oltre alla Playa de San Juan, una località famosa sia per le tonalità folkloristiche, relative all’attività dei pescherecci attorno al porto ed al suo caratteristico mercato di paese, sia per le sue due bellissime spiagge.