Il Teatro Flavio Vespasiano è una delle attrazioni più belle di Rieti oltre che il teatro principale della città. È legato ad un passato decisamente travagliato, che ha inizio nel 1838, in cui anche la natura ha giocato un ruolo fondamentale nel suo destino.

Attualmente il Teatro assume un’importanza rilevante soprattutto per i numerosi spettacoli di danza e di musica lirica dalla fama internazionale, grazie all’acustica perfetta che lo contraddistingue.

teatro-flavio-vespasiano
Vista prospettica del Teatro Flavio Vespasiano

Cenni storici

L’esigenza di costruire un nuovo teatro, che prevedesse maggiori condizioni di sicurezza ed un miglior comfort, nacque nel 1838. Quest’opera dalle dimensioni imponenti, definita “bella impresa”, non ebbe uno sviluppo facile tanto che l’inizio dei lavori non partì fino al 16 Dicembre del 1883.

Per capire il motivo della partenza dei lavori in quello specifico anno, bisogna fare un salto indietro di circa un anno, quando una disposizione del Governo sanciva il divieto di usare teatri costruiti in legno. In seguito a tale normativa Rieti dovette fare a meno del teatro dei Condomini.

Teatro Flavio Vespasiano
Una vista del Teatro Flavio Vespasiano

I lavori per il nuovo teatro, il cui progetto fu affidato all’architetto Achille Sfondrini (famoso per aver posto la sua firma al Costanzo di Roma), però, procedevano molto lentamente a causa del notevole impegno economico che l’opera richiedeva. Ben presto si trovò la soluzione a tale problema con la partecipazione della Cassa di Risparmio di Rieti.

Durante l’esecuzione dei lavori si decise che il teatro dovesse riportare il nome dell’imperatore Flavio Vespasiano. Dopo il difficile inizio, i lavori furono completati in breve termine ed il 20 settembre del 1893 la città di Rieti poteva vantare un nuovo e spettacolare luogo dove mettere in scena le opere teatrali più belle. Per l’occasione vennero rappresentati la Cavalleria Rusticana ed il Faust.

Descrizione

Dopo soli 5 anni, la natura si scaglio contro tutto quello che l’uomo aveva creato, con un terremoto molto violento che procurò danni enormi al Teatro. In particolare, la cupola affrescata da Giacomo Casa risultò irrecuperabile e venne affidato a Giulio Rolland il compito di ridipingerla. L’atrio, decorato con targhe e busti delle figure più rilevanti del teatro, è stato decorato da Antonino Calcagnadoro, mentre gli affreschi del soffitto sono opera di Guglielmo Ballester.

La platea del Teatro Flavio Vespasiano è suddivisa in due parti, per un totale di 240 posti a cui si aggiungono i ventidue palchi per ciascuno dei tre piani. A prescindere dal pregio delle rifiniture, ciò che contraddistingue il Teatro Flavio Vespasiano è l’acustica perfetta ed è per questo motivo che in questo luogo si è celebrata la I edizione del Premio nazionale per l’acustica.

Teatro Flavio Vespasiano
Una vista del Teatro Flavio Vespasiano con gli affreschi del soffitto

Contatti

Telefono: 0746.271335
Indirizzo: Via Garibaldi, 265-267 – 02100 Rieti
Sito Web: http://www.comune.rieti.it/teatro-flavio-vespasiano
Email: teatro@comune.rieti.it