La Piazza Rossa è la piazza principale di Mosca, e separa il Cremlino, un tempo residenza dello zar dal Kitaj-gorod, il medievaleggiante quartiere dei mercanti. La piazza è considerata il centro stesso della Russia dal momento che, volendo parafrasare un noto proverbio nostrano, tutte le strade portano alla Piazza Rossa. Tutte le vie principali della capitale nascono infatti da qui, per poi diventare autostrade una volta fuori città.

La Piazza Rossa splendidamente illuminata dai fuochi d'artificio
La Piazza Rossa splendidamente illuminata dai fuochi d’artificio

La storia

La Piazza Rossa nacque originariamente come il luogo principale in cui i mercanti usavano ritrovarsi, per commerciare beni di ogni genere. Essa fu teatro, nel corso dei secoli, di numerosi eventi cruciali per la vita del Paese: cerimonie pubbliche, proclamazioni ufficiali e persino incoronazioni degli Zar.

Un altro evento che la piazza era solita ospitare erano le esecuzioni pubbliche. Quando giungerete nella Piazza Rossa, potrete notare una piattaforma sopraelevata circolare in pietra, dal diametro di 13 metri, posta di fronte alla Cattedrale di San Basilio. Trattasi del Lobnoe Mesto, letteralmente posto dei teschi, e nei suoi pressi venivano allestiti i patiboli per le esecuzioni. Diversi Zar erano soliti rivolgersi al popolo proprio dalla sua sommità, ed il primo a farlo secondo i documenti storici fu Ivan il Terribile nel 1547.

La Piazza Rossa ebbe un notevole diminuzione di importanza quando Pietro il Grande trasferì la propria Corte a San Pietroburgo, privando Mosca del titolo di capitale della Russia. L’afflusso di persone che erano solite riunirsi nella piazza diminuì, ma fu una perdita di popolarità solo momentanea. Quando il nuovo governo bolscevico restituì a Mosca il titolo di capitale, infatti, anche la Piazza Rossa tornò ai suoi antichi fasti, e fu utilizzata dal regime sovietico per le sfilate ufficiali, nonché come cimitero memoriale nazionale per i più illustri esponenti del comunismo.

Sotto la guida di Lenin, la Piazza Rossa tornò ad occupare una posizione di primaria importanza per la Russia
Sotto la guida di Lenin, la Piazza Rossa tornò ad occupare una posizione di primaria importanza per la Russia

Nel 1924 vi fu costruito il Mausoleo di Lenin, che si può ammirare ancora oggi, ma la rivoluzione edilizia che i sovietici avevano in mente per la piazza (e che prevedeva fra le altre cose la distruzione del Museo di Storia e dei magazzini GUM) non si concretizzò mai fino in fondo: lo scoppio della guerra focalizzò gli sforzi della nazione verso altre priorità. Particolarmente famosa fu la parata del 7 Novembre 1941, quando l’esercito russo marciò incontro agli invasori italiani e tedeschi passando proprio per la piazza, con l’intento propagandistico di sollevare l’animo della popolazione, e ravvivare l’ideale della lotta al nazifascismo.

Cosa vedere nella Piazza Rossa

La Piazza Rossa è così chiamata non per il colore degli edifici che l’attorniano, né per una qualche analogia cromatico-ideologica con il comunismo. Il suo nome è dovuto all’aggettivo russo  красная, che può significare tanto “bella” (l’accezione corretta del termine in questo caso) quanto “rossa“. Essa è piena di monumenti famosi in tutto il mondo, che andremo subito a trattare in breve.

Mausoleo di Lenin

Si tratta del più importante monumento relativo al periodo sovietico, e fu costruito (come suggerisce il nome) per ospitare le spoglie del famoso statista russo. All’inizio si trattava di una semplice struttura lignea, ma nel 1929 diventò un complesso scolpito nel marmo e nel granito, ideato allo scopo di conservare la salma di Lenin per lungo tempo. Dal 1953 vi fu sepolto anche Stalin, almeno fino a quando Nikita Chrutščëv non decise di rimuoverlo dal Mausoleo nel corso del suo processo di destalinizzazione della Russia.

Il Mausoleo di Lenin
Il Mausoleo di Lenin

Cattedrale di San Basilio

La cattedrale di San Basilio fu edificata nel 1556 per volere del primo Zar della storia, Ivan IV, per commemorare la conquista russa dei territori del khanato di Kazan. Si tratta di una delle cattedrali più belle di tutto il Paese. Si tratta di un vero capolavoro dal punto di vista estetico ed architettonico, una meraviglia tale da aver alimentato numerose leggende, la più famosa delle quali riguarda la lucida ferocia per la quale Ivan IV era ben conosciuto: si narra infatti che avesse ordinato di accecare l’architetto (dall’identità tutt’ora sconosciuta, sebbene le speculazioni successive lo indichino nella persona di Postnik Jakovlev) così che non potesse mai più creare un edificio di tale magnificenza in un’altra parte del mondo.

C’è tuttavia da sottolineare che, secondo le documentazioni, Postnik sembra risultare attivo nella progettazione di edifici almeno fino al 1560.

La Cattedrale di San Basilio
La Cattedrale di San Basilio

Magazzini GUM

Si tratta di un palazzo decisamente imponente, che occupa tutto il lato della Piazza Rossa che sta dirimpetto al Cremlino. Occupa una superficie di 80.000 km quadrati, è alto tre piano ed è suddiviso in tre gallerie scoperte. Originariamente nato quale grande magazzino, il GUM è oggi il centro commerciale più famoso di Mosca, nonché una delle principali mete turistiche della città, con i suoi numerosissimi negozi dedicati alle grandi marche della moda internazionale.

Una galleria del centro commerciale GUM
Una galleria del centro commerciale GUM

Museo statale di storia

Fondato nel 1872, questo museo possiede una collezione di inestimabile valore, che spazia dal paleolitico fino al termine del XVIII secolo. Raccoglie nelle sue esposizioni circa un milione di reperti, comprese le preziosissime reliquie appartenute alla dinastia dei Romanov.

Il Museo statale di storia russa
Il Museo statale di storia russa

Come raggiungere la Piazza Rossa

Le stazioni metropolitane più vicine alla Piazza Rossa sono le stesse che conducono alla residenza ufficiale del capo di Stato russo: la stazione della metropolitana di Borovitskaja, e la stazione della metropolitana della Biblioteka imeni Lenina

Orari di Apertura

Potrete arrivare nella Piazza Rossa quando vorrete, essendo a tutti gli effetti una piazza pubblica, quindi non vincolata da orari di apertura e chiusura. Per quel che riguarda i monumenti, essi sono aperti secondo i seguenti orari:

Mausoleo di Lenin: aperto nei giorni di martedì, mercoledì, giovedì, e sabato dalle 10:00 alle 13:00, e la domenica dalle 10:00 alle 14:00. Rimane invece chiuso il lunedì ed il venerdì.

Cattedrale di San Basilio: aperta tutti i giorni dalle 1o:00 alle 17:00, esclusi i martedì ed il primo lunedì di ogni mese.

Magazzini GUM: aperto tutti i giorno dalle 10:00 alle 22:00.

Museo statale di storia: aperto tutti i giorni dalle 11:00 alle 19:00, tranne i martedì ed il primo lunedì di ogni mese.

Tariffe

Mausoleo di Lenin: gratuito.

Cattedrale di San Basilio: il costo dei biglietti per la visita della cattedrale è di circa 3 euro.

Magazzini GUM: essendo un centro commerciale, si potrebbe dire che l’entrata sia gratuita. Ma visti i prezzi, se vi lascerete trasportare da un accenno di shopping compulsivo rischierete di lasciarci migliaia di euro. Consigliati gli acquisto mediante carta di credito, giusto per non essere costretti a girare con il portafoglio a fisarmonica.

Museo statale di storia: il prezzo dei biglietti è di 250 rubli (5 euro) per il biglietto intero, 60 (circa un euro e venti) per il ridotto (bambini), 80 (un euro e sessanta) per studenti ed anziani.

Contatti

Mausoleo di Lenin

Indirizzo: Piazza Rossa, Mosca, Russia

Cattedrale di San Basilio

Indirizzo: 109012, Mosca, Piazza Rossa
Telefono: 495 698 33 04
Sito webhttp://www.saintbasil.ru/ (disponibile unicamente in lingua russa)

Magazzini GUM

Indirizzo: Russia, Mosca, Piazza Rossa, 3 – 8

Museo statale di storia

Indirizzo: 109012, Mosca, Piazza Rossa
Telefono: (495) 692-37-31
Sito webhttp://www.shm.ru/ (disponibile unicamente in lingua russa)