Il Parco Guell è l’ennesima dimostrazione di come Antoni Gaudì abbia inciso profondamente sulla struttura di Barcellona. Oltre a diversi lavori all’interno della città, oltre alla magnifica Sagrada Familia, il nome del maestro del Modernismo catalano è indissolubilmente legato a questa realizzazione nella zona nord di Barcellona, già dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO nel 1984.

Storia

Il Parco Guell deve il suo nome al mecenate di Gaudì, Eusebi Guell, che commissionò l’opera all’artista dopo aver acquistato una collina (El Carmel) a nord della città. Il progetto originario prevedeva un complesso di abitazioni (circa 60), studi, un parco e una cappella. In realtà, venendo acquistato da Guell soltanto uno dei lotti, fu completata la costruzione soltanto di due abitazioni, una delle quali fu utilizzata per diversi anni dallo stesso Gaudì. Oggi, quella residenza è adibita a museo, all’interno del quale possiamo trovare diversi mobili progettati e realizzati dall’artista catalano.

Consigliato: acquista il Barcelona City Pass e ottieni un risparmio sia in termini di tempo (saltando la fila) che di costi (sul prezzo dei biglietti). Clicca qui per maggiori informazioni sul Barcelona City Pass.

parco-guell-bis
Una scultura all’interno del Parco Guell

Descrizione

All’interno del terreno a sua disposizione, Gaudì ha potuto dare libero sfogo a tutto il suo estro, trasformando il Parco Guell in un vero paesaggio incantato.

Obiettivo di Gaudì fu quello di non alterare le forme naturali, e di adattarsi ad esse nella progettazione di tutte le costruzioni all’interno del parco: selezionarne alcune a discapito di altre è un delitto, ma proveremo a delineare quelle che ci sembrano, per meri gusti personali, le più significative.

Innanzitutto, di grande valore artistico è la doppia scalinata che conduce alla Sala Ipostila, ricca di decorazioni molto originali e affiancata da meravigliose fontane; chiamata anche Sala delle 100 colonne (benché ne siano state costruite soltanto 85), è situata sotto la piazza centrale del parco (Piazza della Natura), quasi a sorreggerla. Da ammirare il tetto e i quattro rosoni realizzati con la tecnica del Trencadis, e che rappresentano le quattro stagioni

Da Piazza della Natura, originariamente progettata per essere un teatro greco, è possibile godere di una vista mozzafiato su Barcellona. La piazza è delimitata da panca sinusoidale, il Banc de Tracadis, simile a un serpente e lunga 150 metri, decorata con mosaici e pezzetti di ceramica che le donano un aspetto quasi surreale.

sala-ipostila-parco-guell
La Sala Ipostila del Parco Guell

Altra grande  scultura del parco è sicuramente la Salamandra del Parco Guell (meglio conosciuta come Il Drago), situata nella scalinata dell’ingresso principale: è di certo l’attrattiva più ‘popolare’ tra i turisti provenienti da tutto il mondo.

Da menzionare, inoltre: il Portico della Lavandaia, che deve il suo nome alla somiglianza di una figura scolpita in una delle sue colonne con una lavandaia e rappresenta l’ideale sfondo per le foto dei turisti, incuriosisce in particolare per le sue forme ondulate; la Casa del Guardiano, o meglio quella che originariamente avrebbe dovuto essere la casa del guardiano, oggi è sede del Museo di Storia di Barcellona, all’interno del quale si trova il Centro di Interpretazione del Parco Guell, che cura la mostra di “Gaudì e Barcellona: espressione di un ideale urbano”, che spiega nel dettaglio la progettazione e la successiva realizzazione del parco e del suo inserimento all’interno del più ampio contesto del Modernismo catalano, chiaramente dando un occhio di riguardo all’esperienza dello stesso Gaudì

salamandra-parco-guell
La Salamandra del Parco Guell

Come raggiungere il Parco Guell

In metro, utilizza la Linea Verde (L3) e scendi alla fermata ‘Lesseps’. Una volta lì, segui le indicazioni per il parco. Ricorda, però, che il parco dista circa una ventina di minuti dalla fermata della metro, e che gli ultimi 200 metri ti aspetta una salita anche abbastanza ripida: un’alternativa consigliabile sono i taxi e gli autobus (per info, contatta l’ufficio informazioni turistiche di Plaça de Catalunya.

Orari e prezzi

Orari di apertura: dal 25 ottobre al 23 marzo, dalle 8:30 alle 18; dal 24 marzo al 24 ottobre: dalle 8 alle 21:30

Tariffe: adulti, 7€; bambini 7-12 anni: 5,60€; over 65: 5,60€; visitatori disabili: 5,60€; bambini sotto i 7 anni: gratis.
Non tutte le zone del parco sono a pagamento, ma per visitare il meglio delle sculture di Gaudì consigliamo vivamente di pagare l’entrata. Il biglietto d’entrata non dà diritto all’ingresso nella casa-museo di Gaudì all’interno del parco: per visitarla, occorre acquistare i biglietti separatamente. Ultimo piccolo consiglio: in un’ora possono entrare massimo 800 visitatori, cifra facilmente raggiungibile nei mesi estivi, per cui conviene munirsi di biglietto tramite prenotazione telefonica o sul sito internet.

Contatti

Indirizzo: Carrer d’Olot, s/n – Barcelona
Sito web: www.parkguell.cat
Tel: (+34) 902 200 302