L’Isola di Salina è la seconda isola per estensione delle Eolie, ed è l’unica tra queste a non appartenere, da un punto di vista amministrativo, al comune di Lipari: è divisa, infatti, tra tre comuni del messinese: Santa Marina, Malfa e Leni. Conta circa 2.300 abitanti, ed ha un’estensione di poco più di 26 chilometri quadri.

Come le altre Eolie, anche Salina ha origine dalla fusione di vulcani (sei, per la precisione), e presenta sul suo territorio il primo e il terzo rilievo delle Eolie: il Monte Fossa delle Felci (962 metri) e il Monte dei Porri (860 metri). Il nome attuale deriva da un piccolo lago presente nella frazione appartenente al comune di Santa Marina di Salina, dal quale appunto si estraeva il sale.

Cosa vedere all’Isola di Salina

Il miglior modo per visitare quest’isola, ben collegata da un punto all’altro, è sicuramente quello di affittare uno scooter o un’automobile (la bicicletta la sconsigliamo, viste le ripide salite che dovreste affrontare!), e di dividere mentalmente l’isola in blocchi, per poter meglio gestire il periodo della vostra visita.

Le suggestive grotte saracene di Santa Marina di Salina
Le suggestive grotte saracene di Santa Marina di Salina

Partiamo dalla frazione appartenente al comune di Santa Marina, situata alle pendici del Monte Fossa delle Felci. Qui potrete ammirare una splendida chiesa settecentesca, ed è ricchissima di negozietti e locali che la rendono il centro principale della vita notturna di Salina. Nella zona ovest, in località Serro dell’Acqua, potrete imboccare il sentiero che porta alle meravigliose grotte saracene, scavate nel tufo e un tempo utilizzate come rifugio per sfuggire alle scorribande dei pirati, all’interno delle quali sono ancora visibili numerose incisioni.

Nel borgo di Lingua, andando verso sud (ma nella zona nord-orientale dell’isola) troverete, in località Vallone Zappini un ponte in pietra settecentesco, parte di un’antica strada. Qui troverete anche un laghetto di acqua salmastra che una sottile striscia di terra separa dal mare: è la sede delle saline di cui vi parlavamo. Si tratta di una riserva naturale, paradiso per gli amanti del bird watching!

Nel borgo di Malfa, invece, situato nel vallone tra Monte Rivi e Monte Porri, troverete il graziosissimo porto detto Scario Galera, riservato alle piccole imbarcazioni. Nella piazza principale è presente una chiesa dedicata a Sant’Anna, che ospita diversi elementi di pregio al suo interno e che presenta anch’essa tanti negozi e locali.

Il Santuario della Madonna di Terzito
Il Santuario della Madonna di Terzito

Passiamo poi a Pollara, resa celebre dall’ultimo film di Massimo Troisi, che qui ha ambientato la sua ultima opera prima della prematura morte, Il Postino, e che regala suggestivi scorci sul mare. Anche Leni è particolarmente rinomata, soprattutto per la presenza del Santuario della Madonna del Terzito, nato sui resti di un piccolo edificio sacro ed edificato nel 1962. Qui è presente anche il piccolo bordo di Rinella, un piccolo borgo di pescatori con una vallata che porta direttamente sul mare.

Le spiagge dell’Isola di Salina

Anche a Salina, comunque, come nel resto delle Eolie, la padrona incontrastata è una: la spiaggia, e non è un caso se molte di esse sono state collocate ai primi posti dalle classifiche elaborate dal Touring Club Italiano.

La spiaggia dello Scario
La spiaggia dello Scario

Molto famosa è la spiaggia dello Scario, composta da ciottoli e sassi levigati, e bagnata da un limpido mare. Molto facile da raggiungere (è a 5 minuti dal centro abitato), questa spiaggia ha anche una valenza storica: fu scalo dei velieri che navigavano tra Sicilia e Campania. Rinomata è anche la spiaggia Pollara, nel comune di Malfa, situata sotto una suggestiva scogliera a ‘forma di anfiteatro’. Nella parte nord troverete la bellissima baia “Balate”, dai cui fondali è visibile un cratere sommerso molto suggestivo.

Splendida è anche la spiaggia Rinella, situata nel comune di Leni, con la sua caratteristica forma a mezzaluna e la sabbia nera, con delle grotte scavate nel tufo che fungevano da riparo per le imbarcazioni: qui, più che altrove, è ben visibile l’attività vulcanica con gli ‘sconcassi’, che consistono in emanazioni di gas e vapori dal fondale. Chiudiamo con la splendida spiaggia di Santa Marina, situata nei pressi del porto principale e molto ampia, bagnata da un mare blu cobalto e composta di grossi sassi levigati.

La Spiaggia Rinella
La Spiaggia Rinella

Hotel all’Isola di Salina

Sono molte le strutture ricettive presenti sull’isola, pensate per tutti i tipi di esigenze da parte dei clienti. In questo paragrafo, ve ne consigliamo in particolare due, quelle secondo noi migliori dal punto di vista del rapporto tra qualità e prezzo.

La prima è una struttura di lusso, ma dai prezzi accessibili: il 5 stelle Capofaro Malvasia & Resort, situata nel comune di Malfa, sulla costa orientale. Si tratta di una meravigliosa struttura, con piscina panoramica all’aperto, massaggi ayurvedici su prenotazione e un ristorante gastronomico che serve piatti della cucina mediterranea e una colazione a buffet. Camere splendide, tutte con terrazza vista mare. Insomma: il top di gamma!

Relax sulle sdraio della terrazza del Capofaro Malvasia
Relax sulle sdraio della terrazza del Capofaro Malvasia & Resort

A 3 stelle ma decisamente consigliato è anche l’Hotel Punta Barone, nel comune di Santa Marina di Salina, a un paio di minuti a piedi dalla spiaggia. Si tratta di un albergo che offre camere con minibar, TV a schermo piatto, scrivania e bagno privato con doccia, set di cortesia e asciugacapelli. Tra i servizi e gli spazi offerti, segnaliamo una terrazza solarium in comune con spettacolare vista sul Mediterraneo, connessione wifi gratuita in tutta la struttura, colazione a base di dolci servita ogni mattina. Più che consigliato!

Clima e Meteo dell’Isola di Salina

Il clima di Salina è un clima tipicamente mediterraneo, della stessa tipologia delle altre Isole Eolie. Questo clima prevede degli inverni molto miti anche rispetto alle altre località del Meridione (con temperature che difficilmente arrivano ai 5°), ed estati particolarmente calde ma ventilate, grazie alla brezza marina che rinfrescherà le vostre giornate.

Come arrivare all’Isola di Salina

via mare

Trattandosi di un’isola e non avendo un aeroporto, ovviamente l’unico modo per arrivare nella suggestiva Salina è via mare. Vi sono numerosi traghetti che partono ogni giorno da Reggio Calabria, Palermo, Napoli, Messina Milazzo, coi biglietti prenotabili online o acquistabili direttamente sul nei porti di queste città.

in treno

Sono numerosi i treni di Trenitalia che vanno verso Milazzo: partono da Milano, Torino, Palermo, Venezia o Messina. Una volta arrivati a Milazzo, potrete quindi prendere il vostro traghetto per arrivare sull’isola di Salina.

in aereo

Gli aeroporti collegati direttamente con Milazzo o con Messina tramite autobus sono quelli di Palermo, Catania, Trapani Reggio Calabria; una volta arrivati, potrete arrivare sull’isola di Salina tramite traghetto.