L’isola del Giglio: mare, natura, storia, archeologia. In questa perla dell’Arcipelago Toscano sono tante le località da visitare per chiunque non volesse vivere una vacanza solo all’insegna di splendide spiagge. Abitata sin dall’Età del Ferro, vide poi il susseguirsi di diversi popoli, dagli Etruschi ai Romani fino all’influenza della famiglia Medici durante il Medioevo: tutto ciò è ancora provato dale tante testimonianze storiche visibili. Ecco allora tutto ciò che c’è da vedere sull’isola.

Le spiagge

Le prime località da visitare sull’isola del Giglio sono di certo le spiagge. Ce ne sono di tutti i tipi e per tutte le esigenze e chi soggiorna su questa isola non può perdersele. La più grande e la più famosa è quella del Campese, sulla costa nord-ovest: è adatta a tutti ed è bellissima al tramonto. La seconda per grandezza è la spiaggia delle Cannelle dalla quale avete la vista bellissima della Cala dello Smeraldo; c’è poi la Cala dell’Arenella, più tranquilla e molto affascinante e infine una serie di calette più nascoste raggiungibili attraverso sentieri o via mare. Queste ultime sono quelle più adatte a coloro che vogliono fuggire dal turismo di massa.

allume-cala
L’acqua meravigliosa di Cala Allume

Le frazioni

L’isola del Giglio è un unico comune che fa capo alla provincia di Grosseto ed è formato da diverse frazioni, località interessanti da visitare durante il soggiorno. La più importante e la prima che conoscerete al vostro arrivo è Giglio Porto con le sue caratteristiche case colorate: nonostante si tratti del punto di attracco delle imbarcazioni che raggiungono l’isola, l’acqua è molto pulita. La testimonianza potete averla facendo una bagno nella vicina Cala del Saraceno. Immediatamente visibile è la Torre del Saraceno, risalente al 1596 e fatta costruire da re Ferdinando I. Per concludere la visita fate una passeggiata tra i suoi vicoli e perdetevi tra i locali e le botteghe d’artigianato.

porto
Giglio Porto

A 405 metri sul livello del mare c’è poi Giglio Castello, l’altra località da visitare all’isola del Giglio. Siamo nel punto più alto dell’isola, un tempo costruito come difesa contro gli attacchi esterni. Il suo borgo è ancora oggi come un tempo e ciò rende la visita molto suggestiva e interessante soprattutto per gli appassionati di storia. Qui potete vedere la Rocca Aldobrandesca che affaccia su Piazza XVIII Novembre e ancora la Chiesa di San Pietro Apostolo del XV secolo ma soprattutto archi, piazzette e scalinate che in estate si animano grazie ai locali che mettono i loro tavoli all’aperto.

giglio-castello
Giglio Castello

L’ultima località da visitare a livello di centro abitato è Giglio Campese, conosciuta soprattutto come la frazione più turistica per via della sua ampia spiaggia. Tutto ruota intorno ad essa e quindi, soprattutto nei mesi estivi, questa è la zona più animata dell’isola, anche perché il sole tramonta sulla baia permettendo ai bagnanti di restare in spiaggia fino a pomeriggio inoltrato. Dalla stessa potete godervi tramonti d’impareggiabile bellezza incorniciati da un lato dalla Torre Medicea e dall’altro dal faraglione.

giglio-campese
La Torre Medicea di Giglio Campese

I siti archeologici

Chi è appassionato di storia legga infine qui ricordando i nomi di queste località da visitare. Appena arrivati potete vedere la Villa del Saraceno, a Giglio Porto: risale al I-II secolo d.C. e ne rimane poco a parte i resti di una vasca utilizzata dai romani per la pesca. Molto interessanti sono le diverse torri costiere: oltre a quella del Saraceno che vi abbiamo già segnalato, c’è quella del Campese, fatta costruire dai Medici nella seconda metà del Cinquecento e oggi divenuta residenza privata; c’è infine la Torre del Lazzaretto, opera voluta sempre dai Medici che venne appunta trasformata in lazzaretto e oggi ospita invece una struttura ricettiva.

giglio-porto
Il porto dell’isola del Giglio

La natura

L’isola del Giglio è splendida anche dal punto di vista naturalistico. La sua macchia mediterranea crea, insieme al blu intenso del mare, uno spettacolo unico che è possibile vedere passeggiando lungo le strade, soprattutto arrivando fin su a Giglio Castello. Sono tanti i sentieri da percorrere tutto l’anno alla scoperta delle località più nascoste e affascinanti dell’isola: chiedete nei Punti Informazione e preparatevi al trekking. Se volete avere un’idea dei diversi sentieri con relative difficoltà cliccate qui.

SONY DSC
Scoprite la stupenda natura dell’isola del Giglio