A partire dal 1563, per difendersi dal pericolo delle invasioni da parte dei Saraceni, a Salerno cominciarono i lavori per la costruzione di un sistema difensivo, costituito da una serie di torri poste nei luoghi più strategici.

Il Forte La Carnale, edificato attorno al 1569, faceva parte proprio di questo grande complesso di difesa, ed era una torre cavallara – così denominata perché al suo interno vi si trovavano milizie a cavallo che avevano il compito di correre presso le mura e dare l’allarme alla popolazione non appena avessero scorto un pericolo in avvicinamento dal mare – che raggiungeva originariamente la costa, ed è ora stata ridimensionata per facilitare la costruzione della strada statale SS18; il Forte La Carnale è situato nei pressi della foce del fiume Irno.

Organizzata intorno ad una pianta quadrata con merlature sovrastata da una piccola torre adibita ad alloggio per i soldati, la fortezza deve probabilmente il suo nome ad una sanguinosa strage di Saraceni avvenuta nell’872 attorno al promontorio su cui sorge.

carnale-salerno
Il Forte la Carnale visto dalla litoranea

Nel Seicento il Forte La Carnale fu la sede del Comando Popolare di Ippolito di Pastina, animatore della rivolta di Salerno contro i soprusi degli spagnoli tra il 1647 e il 1648. Divenuto luogo di raccolta dei cadaveri durante la terribile carestia del 1764, nel 1828 il Forte La Carnale si trasformò in fortezza borbonica e acquisì il nuovo appellativo di ‘la Polveriera‘, per via dell’uso di munizioni militari che i borbone ne fecero in questi anni.

La fortezza mantenne questo ruolo fino al 1924, per poi essere rinforzata con numerosi bunker durante il secondo conflitto mondiale, durante il quale subì molti danni, in particolare in occasione dello sbarco di Salerno nel settembre del ’43.

Il Forte La Carnale oggi

Ristrutturato completamente negli anni ’80, il Forte La Carnale fa oggi parte di un complesso turistico sul litorale di Salerno, da dove è possibile ammirare il panorama sul golfo della città, sulla costiera amalfitana e su quella cilentana.

Sede di esposizioni, mostre, concerti e riunioni, il ‘nuovo’ Forte La Carnale costituisce uno dei punti di ritrovo più affermati della città di Salerno, grazie alle diverse possibilità che offre, tra ristorante-pizzeria, lounge barlive music e manifestazioni artistiche e culturali.

forte-la-carnale-salerno-interno
L’interno del Forte La Carnale

Come arrivare

A piedi

Per raggiungere a piedi il Forte La Carnale dalla stazione ferroviaria di Salerno, prendere via Giuseppe Aquaro e seguirla fino alla svolta a sinistra in via Luigi Barrella. Svoltare, quindi, nuovamente a sinistra in Corso Giuseppe Garibaldi e poi a destra imboccando via la Carnale, percorrendo la quale incontrerete la fortezza.

In autobus

Una volta usciti dalla stazione ferroviaria di Salerno, dal piazzale antistante potrete prendere i bus della SITA, della CSTP o altri autobus delle numerose compagnie dirette verso Battipaglia o verso la costiera cilentana. Vi consigliamo di scendere due fermate dopo Piazza della Concordia. Scesi dall’autobus vi basterà attraversare la strada e troverete il Forte La Carnale sulla vostra sinistra.

Contatti

Telefono: 089-9358211
Indirizzo: Via la Carnale 1, Salerno