Roma è una città ricca di tantissimi monumenti e palazzi da visitare, che ogni anno attirano tantissimi turisti da tutto il mondo. Tra questi, però, ce ne sono alcuni che sono diventati un vero e proprio simbolo della città eterna e del nostro paese in generale, come ad esempio il Colosseo o l’Altare della patria. Un’altra grande attrazione è sicuramente costituita dalla Fontana di Trevi, diventata ormai una vera istituzione per i turisti, che si cimentano nel famoso lancio della monetina e si scattano selfie e foto ricordo usando come sfondo questa bellissima costruzione storica.

La Fontana di Trevi, inoltre, è stata in passato teatro anche di molti film di successo, tutt’ora ricordati ed apprezzati, come “La dolce vita” di Fellini, nel quale la bellissima e provocante Anita Ekberg fasciata in un vestito nero si immerge  nelle acque della Fontana di Trevi, mentre chiama Marcello Mastroianni.

La Storia

La Fontana di Trevi è stata realizzata durante il pontificato di Clemente XII nel 1735 d.C. davanti Palazzo Poli. È stata progettata dall’architetto Nicolò Salvi e viene ancora oggi alimentata dall’acquedotto Vergine, progettato invece dal console Agrippa nel 19 d.C.

Per quanto riguarda il nome della Fontana di Trevi ci sono diverse ipotesi circa la sua origine: c’è chi sostiene che il nome derivi da “Trivia”, la fanciulla che avrebbe indicato a Marco Agrippa la sorgente che servirà poi la fontana; altri invece ritengono più probabile l’allitterazione del toponimo latino “regio trivii” con il quale molto probabilmente si indicava la caratteristica della Fontana di Trevi di avere tre getti d’acqua distinti oppure l’incrocio di tre strade nel quale sorgeva la fontana romana.

fontana-di-trevi
Vista frontale della Fontana di Trevi

La Fontana di Trevi negli anni ha subito tante ristrutturazioni e restauri per conservare questo meraviglioso monumento nella maniera migliore possibile. La prima ristrutturazione è stata varata da Papa Nicolò V Parentucelli ed è stata affidata a Leon Battista Alberti e a Bernando Rossellino. In seguito il Bernini ha progettato una nuova fonte, demolendo il prospetto rinascimentale preesistente.  I lavori, però, si sono fermati alla messa in opera di un basamento ad esedra.

L’attico della Fontana di Trevi è decorato con quattro statue che rappresentano, partendo da sinistra, l’Abbondanza dei frutti di Agostino Corsini, la Fertilità dei campi di Bernardino Ludovisi, I Doni dell’autunno di Francesco Queirolo e L’Amenità dei prati di Bartolomeo Pincelotti ed ultima con una grande iscrizione voluta da papa Clemente XII.

fontana-di-trevi
Particolare della Fontana di Trevi

Nella nicchia più grande, posta al centro della Fontana di Trevi, si trova l’imponente statua di Oceano, che è stata progettata da Giovan Battista Maini ma è stata scolpita da Pietro Bracci. Questo conduce un cocchio a forma di conchiglia, guidato da Tritone e trainato da due cavalli marini alati. I due cavalli sono uno placido e tranquillo ed uno iroso, mentre ai lati si trovano le personificazioni della Salubrità e dell’Abbondanza di Filippo Della Valle.

Il progetto di Salvi è stato poi portato a termine da Giuseppe Pannini, che ha realizzata dei bacini regolari con i bordi levigati in marmo nella parte centrale della scogliera.

Il lancio della monetina

La Fontana di Trevi è uno dei monumenti più visitati ed apprezzati al mondo e la piazza che la ospita è di certo una delle più affollate della città. Non c’è turista che arriva a Roma che non vada a visitare la Fontana di trevi, ma sopratutto che non si cimenti nel classico lancio della monetina, che assicura ai visitatori il ritorno nella famosa città eterna. Per chi, invece, è in cerca dell’amore bisogna gettare una seconda monetina. Infine, per essere sicuri di convolare presto a nozze, allora sarà bene tirarne una terza.

I Selfie

Esiste anche un’applicazione per smartphone che si chiama “Fontana di Trevi” e che consente a tutti i visitatori di potersi scattare una foto con la famosa Fontana come sfondo e di poterle poi caricare in un’area del sito web dedicata proprio ai selfie.

fontana-di-trevi
Alcune statue della Fontana di Trevi

Orari

La Fontana di Trevi, dal 5 Giugno 2014, è sottoposta ad ulteriori lavori di restauro. Per questo, infatti, è recintata da una rete metallica e da pannelli trasparenti, che consentono comunque di poter vedere la Fontana.

La Fontana di Trevi è visitabile dai turisti dal 4 Luglio dalle 16,00 alle 1,30 e da fine Luglio dalle 9,30 alle 21,30. Per consentire la visita alla Fontana di Trevi è stato realizzato un ponte panoramico, che accoglie 240 persone a turno. Inoltre, due schermi posti lungo la recinzione del cantiere mostrano le immagini attuali della Fontana di Trevi e quelle legate invece alla sua storia.

Il lancio della monetina è comunque possibile per i turisti, grazie ad un allestimento scenografico che è stato posto al centro della recinzione del cantiere.

fontana-di-trevi
Vista serale della Fontana di Trevi

Come raggiungere la Fontana di Trevi

Per raggiungere la Fontana di Trevi in metropolitana bisogna prendere la Linea A e scendere alla stazione Barberini – Fontana di Trevi. In autobus, invece, si dovrà prendere il numero 175 e scendere alla fermata Tritone / Fontana di Trevi.