Il Duomo di Messina svetta nel cuore del centro storico messinese ed è dedicato alla Madonna della Lettera; il duomo di Messina è conosciuto anche come Basilica Cattedrale Protometropolitana dell’Arcidiocesi di Messina-Lipari-Santa Lucia del Mela.

Secondo la leggenda, quando san Paolo arrivò a Messina ebbe la fortuna di incontrare un popolo che suffragava il Cristianesimo e la relativa conversione ad esso. Quando Paolo era in procinto di lasciare la città per dirigersi in Palestina, alcuni messinesi chiesero di poterlo affiancare al fine di arrivare a conoscere Maria ed una volta giunti in loco ci riuscirono. Maria stilò una missiva il cui epilogo in ebraico significava: “benedico voi e la vostra città“.

Duomo-di-messina
Interni del Duomo di Messina

Cenni storici

Il Duomo di Messina è un edificio di grande pregio e bellezza architettonica nonché una delle Cattedrali più antiche ma al tempo stesso nuove del nostro paese. La sua storia è costellata di eventi drammatici quali terremoti ed incendi; l’ultimo terremoto che malauguratamente interessò Messina risale al 1908 e provocò un numero copioso di decessi, circa 60.000. La magnificenza della struttura del Duomo risulta essere terminata nel 1150, nel periodo normanno, ma è sotto l’egemonia Sveva che avvenne la sua consacrazione, intorno al 1197, in presenza dell’Imperatore Enrico VI e della sua consorte, la regina Costanza.

Da questo momento in poi il Duomo di Messina subì numerose e varie rettifiche; fu nel periodo dell’egemonia spagnola che il Duomo fu protagonista di modifiche impegnative che ne snaturarono i tratti medievali rendendolo ampolloso e ridondante con decori e stucchi barocchi. Fu negli anni ’20 dello scorso secolo che la Cattedrale tornò alle sue forme originarie. Il 13 giugno del 1943 la Basilica venne bombardata dagli americani che ne causarono la distruzione interna, ma i lavori di ristrutturazione furono celeri e solerti e già 4 anni dopo, da questo terribile evento la chiesa fu riaperta.

messina-duomo-2
La Cattedrale di Messina in Piazza Duomo baciata dalla limpidezza del cielo

Descrizione

Il Duomo di Messina è stato costruito in stile gotico, barocco e neogotico. La facciata della Basilica presenta ancora, nella parte sud, la struttura normanna costituita da fasce di marm0 di più colori; il portale centrale è adornato ai lati da due colonne tortili le quali poggiano su due leoni, nel lunotto invece splende la statua della Vergine, nella cuspide di marmo, infine, è possibile ammirare l’incoronazione della Vergine.

Per quanto riguarda il Campanile di prorompente bellezza, la sua costruzione è successiva al 1908 ad opera dell’architetto Valenti. Il campanile è alto ben 60 metri ed è stato inaugurato nel 1933. Nella facciata del Campanile è possibile mirare un cerchio metà nero e metà dorato sotto al quale si trova il disco del planetario al cui interno sono raffigurati i segni zodiacali.

Al suo interno, la Cattedrale presenta nell’abside centrale l’altare maggiore dedicato alla Madonna della lettera, nell’abside di sinistra invece si trovano la Cappella e l’Altare del Sacramento, capolavori architettonici di Jacopo de Luca. Al centro tra l’abside di destra e quello centrale si trova il Monumento sepolcrale dell’Arcivescovo Guidotto De Tabiatis.

duomo-di-messina-campanile
La sentinella del cielo, il Campanile del Duomo di Messina

Come arrivare

Dalla Stazione ferroviaria di Messina, sita in Piazza della Repubblica, in auto, procedere in direzione nord-ovest verso Via Giuseppe la Farina; svoltare poi a destra ed imboccare Via Giuseppe la Farina continuando poi su Via Luigi Rizzo. Proseguire in direzione Via Vittorio Emanuele II e svoltare a sinistra verso Via Giuseppe Garibaldi. Prendere la prima a sinistra ed imboccare Via Giuseppe Garibaldi, infine svoltare a destra ed imboccare Via Loggia dei Mercanti (ingresso zona a pedaggio), vi ritroverete nei pressi di Piazza Duomo dove è ubicata la vostra destinazione.

Orari

Il Duomo di Messina è aperto al pubblico tutti i giorni dalle 7.30 alle 19.00.

La Santa Messa viene celebrata nei giorni festivi alle ore 08.00-11.00-12.15-17.30 e nei giorni feriali alle ore 09.30-17.30.