Se avete deciso di trascorrere un piacevole fine settimana nella capitale spagnola, per visitare alcune delle sue più belle attrazioni di particolare interesse architettonico e monumentale come il Palazzo Reale, la Cattedrale Almudena oppure alcuni dei suoi musei più noti come quello del Prado o il Reina Sofia, allora dovrete adottare alcuni accorgimenti per riuscire a visitare il meglio di Madrid in tre giorni.

La scoperta della città di Madrid in tre giorni, seppur complicato e stancante, non è assolutamente impossibile. Tuttavia, è necessario ricordare che per visitare un’importante metropoli come Madrid, piena zeppa di attrazioni interessanti e luoghi da visitare, sarà importante utilizzare ogni minuto, sfruttando al massimo il poco tempo a disposizione. Consigliamo, quindi, di munirsi in anticipo di un carnet con più biglietti, o di un biglietto di abbonamento di tre giorni, utilizzabili sia per metropolitana che bus, per evitare delle inutili e infinite code in biglietteria.

meteo-di-madrid
Un piacevole giornata di primavera a Madrid

Quando prenotate il biglietto aereo per recarvi a Madrid, se ne avete la possibilità, vi consigliamo di scegliere il primo volo della giornata di partenza e l’ultimo di quella del ritorno, in modo da massimizzare il tempo per la visita di Madrid in tre giorni. Ricordiamo anche di non preoccuparvi della distanza tra aeroporto e centro città, percorribile velocemente e con facilità grazie all’utilizzo di mezzi pubblici, quali bus e metropolitana, oltre che taxi.

Passiamo ora, all’analisi di un ipotetico tour che potrete seguire per visitare Madrid in tre giorni, inserendo anche una breve descrizione delle attrazioni più importanti che non dovreste perdervi una volta giunti in città. Bisogna anche dire, però, che questo non è l’unico tour percorribile e che ciascuno potrà personalizzare il proprio programma di escursioni scegliendo quali monumenti, chiese, piazze e locali visitare, attribuendo a ciascun punto una priorità così da riuscire a vedere prima le cose più importanti. Sarebbe bene che partiste già con le idee chiare, munendovi di una cartina di Madrid sulla quale segnare il vostro itinerario, in modo tale da evitare indecisioni che vi farebbero perdere soltanto minuti preziosi.

Giorno 1: Plaza Mayor, Mercato di San Miguel, Gran Via

Dopo essere atterrati all’aeroporto Barajas, dirigetevi verso il capolinea del mezzo che avete deciso di prendere, bus o metro, per raggiungere il centro della città.

Per iniziare il tour della città, vi consigliamo di scendere alla fermata che vi farà scoprire la Plaza Mayor. La piazza, situata al centro preciso della città, rientra fra le attrazioni più rilevanti dell’intera città, oltre ad essere un affollato luogo di incontro dei madrileni. È anche uno spazio molto utilizzato per concerti e manifestazioni. Potrebbe essere un’idea interessante recarsi in piazza di sera e prendere un aperitivo in uno dei molti bar, lussuosi o economici, per rilassarsi in compagnia e godersi le novità della serata.

madrid-in-tre-giorni
La Plaza Mayor di Madrid

Essendosi fatta probabilmente ora di pranzo, vi consigliamo di fermarvi in uno dei molti ristoranti intorno alla piazza per assaporare una delle tante specialità della cucina madrilena.

Uscendo dalla piazza, vi consigliamo di fermarvi ad ammirare il magnifico Mercato di San Miguel, dove potrete trovare tantissime bancarelle con prodotti alimentari dal costo veramente basso, in genere pochi euro, che sapranno conquistare la vostra fiducia con degustazioni gratuite.

Per concludere la prima pagina del tour di Madrid in tre giorni, vi suggeriamo di imboccare la meravigliosa Gran Via, una delle più importanti di Madrid, da percorrere con il naso per aria per osservare i magnifici palazzi e hotel a più piani, nella quale potrete dedicarvi allo shopping più sfrenato. Non appena avrete terminato, potrete tornare in albergo, pronti a riposare prima di affrontare il giorno successivo.

Giorno 2: Parco del Buen Retiro, Puerta del Sol

Dopo aver fatto un’abbondante colazione, per ricaricare le energie perse il giorno prima, sarete pronti per affrontare il secondo round del frenetico tour di Madrid in tre giorni. Per passare una mattina differente, ecco a voi un programma all’aria aperta.

La metà principale della giornata, infatti, sarà il Parco del Buen Retiro, uno dei luoghi più interessanti della capitale, che con i suoi 118 ettari saprà intrattenervi per diverse ore. Oltre che importante in ambito architettonico ed artistico, il parco è l’ideale per godersi la natura e svagarsi. Inoltre, grazie alla sua area ristorazione e zona per pic-nic, è possibile pranzare in questo luogo suggestivo che rimarrà per sempre nei vostri ricordi. Fra le attrazioni offerte dal parco, vi consigliamo la visita al Palazzo di Cristallo, che si ispirò a quello della Londra vittoriana.

Parco del Buen Retiro
Parco del Buen Retiro

Nel pomeriggio, una buona scelta potrebbe essere rappresentata dalla Puerta del Sol. Centrale e rumorosa, è uno dei simboli di Madrid. Nella sua pianta abbiamo molti degli elementi che rappresentano la città, ad esempio il famoso orologio di Casa de Correos, che ogni 31 dicembre festeggia con rintocchi e suoni il nuovo anno.

Se per caso avete fame e voglia di provare uno spuntino tipico madrileno, vi consigliamo di recarvi in un bar e consumare Churrus y chocolate. Si tratta di tipiche frittelle da intingere nella cioccolata bollente, al prezzo di 3.80 Euro per sei churrus e una tazza di cioccolata.

puerta-del-sol-madrid
La Puerta del Sol di Madrid

Giorno 3: Las Ventas, rientro in Italia

L’ultimo giorno della vostra visita di Madrid in tre giorni costituirà il naturale completamento del vostro tour, per cui non focalizzate la vostra attenzione sulla partenza ma cercate di godervi al massimo anche le ultime tappe che stiamo per descrivervi.

Se vi siete sempre fatti domande a proposito delle corride, ma mai avete visto una delle piazze nella quale si svolgono, sicuramente il vostro ultimo luogo di interesse non può che essere Area Monumentale di Las Ventas. Questa piazza enorme dispone di un’arena di ben 60 metri di diametro, oltre che più di ventimila posti per gli appassionati delle corride, vantando il primato di una delle plazas de toros più grandi al mondo.

madrid-in-tre-giorni
Una corrida madrilena

Ospita anche un importante museo taurino, che permette al visitatore di conoscerne la storia. Inoltre, è possibile visitare al suo interno la cappella dedicata alla Vergine di Guandalupe e a quella della Paloma, rispettivamente protettrici del Messico e Madrid.

A questo punto, dirigetevi verso l’aeroporto di Madrid per ritornare in Italia con un bagaglio pieno di ricordi e di emozioni madrilene.