Data e durata:
September 20114 giorni
Tipologia di vacanza:
Arte e Cultura
Alloggio:
Hotel
Persone:
4
Costo a persona:
400€
Mezzi di trasporto:
Aereo

La città divisa in due

Come tutti sanno, anticamente Buda e Pest erano due città distinte e separate. Ancora oggi, infatti, le “due città” conservano due identità separate, una più moderna ed una più antica.

Arrivati a Budapest abbiamo approfittato subito, per avere una bella visuale totale della città, della Funicolare del castello.

Budapest vista dal castello

Arrivati nell’antico castello oltre alla splendida visuale abbiamo visitato prima i bellissimi giardini di palazzo reale e dopo il suo interno. Abbiamo visitato il famoso Bastione dei peccatori, che si trova sempre nell’immediate vicinanze del castello e la chiesa del corvino.

Scesi dal castello abbiamo visitato il bellissimo Ponte delle catene (il ponte più antico, che per a prima volta unì le due città). Spinti dalla fame all’ora di pranzo, abbiamo deciso di andare in un ristorante che proponeva cucina locale, l’Hungarikum Bisztró, dove sicuramente si può assaggiare un’ottima cucina locale a prezzi moderati.

Abbiamo successivamente ripreso il giro della città ed abbiamo deciso di visitare il Parlamento ungherese, molto bello con i suoi interni lussuosissimi. Abbiamo anche fatto una visita all’Operetta Theatre, molto interessante.

Operetta Theatre a Budapest

Dopo abbiamo deciso di tornare in albergo per un po’ di realx e, soprattutto, per prepararci per la cena.

Il giorno successivo abbiamo deciso di riprendere il giro perlustrativo della città iniziando proprio dalla Basilica di Santo Stefano, dedicata proprio al primo re d’Ungheria. Poi abbiamo deciso di visitare anche la sinagoga più grande d’Europa ma, purtoppo, dentro non è possibile fare foto. E per vedere le enormi differenze abbiamo visitato anche la grande sinagoga ortodossa, che è meno sfarzosa della grande sinagoga ma altrettanto bella.

Il giorno successivo abbiamo deciso di dedicarci al relax assoluto e abbiamo deciso di visitare uno dei più grandi complessi termali di Ungheria, ed anche il più antico ancora in uso, i Bagni Széchenyi.

Usciti dalle rilassanti terme abbiamo visitato il Szimpla Market che è un mercato molto antico e da visitare assolutamente; all’interno è possibile anche mangiare cucina tipica a prezzi veramente bassissimi.

L’ultimo giorno abbiamo deciso di dedicarlo completamente al relax ed allo shopping nella via Vaci Utca dove si trovano un sacco di negozi di qualsiasi genere.

Grande statua di uno scrittore Ungherese

Cosa mi è piaciuto

Ho veramente amato questa città che è particolarissima e bella in ogni suo angolo più nascosto. Molto bello è il giro perlustrativo dell’Operetta Theatre a Budapest, che ospita i più grandi concerti di musica classica. Suggestiva è anche la passeggiata nel quartiere ebraico con i resti dell’antico muro che delimitava il ghetto.

Cosa non mi è piaciuto

Come ho detto è una città veramente bella ed è difficile trovare dei difetti, forse l’unico monumento che mi è piaciuto meno, anche se ricco di significato simbolico, è il monumento delle scarpe lungo il Danubio. Il godsu udvar è un cortile accerchiato da molti locali, non vi consiglio di andarci a pranzo, a cena offre una visuale sicuramente migliore.

Antonio Amadeo

I consigli di Antonio Amadeo

Consiglio sempre a tutti di visitare questa meravigliosa città, soprattutto nei mesi caldi, altrimenti correte il rischio di trovare un rigido inverno che molto probabilmente potrebbe bloccare i vostri spostamenti. Consiglio di fare una bevuta nel famoso Icebar (bar di ghiaccio), un locale molto piccolo ma al suo interno tutto è fatto di ghiaccio, anche i bicchieri in cui berrete.

Voto al viaggio
Lo consiglierei? Si