La basilica cattedrale di San Martino è l’edificio religioso più importante di Belluno. Già dal 1980, nel suo secondo anno di pontificato, papa Giovanni Paolo II la elevò alla dignità di basilica minore; è, inoltre, la cattedrale della diocesi di Belluno-Feltre.

La chiesa è dedicata a San Martino di Tours, vissuto nel IV secolo, e sembra esser stata costruita già due secoli dopo dal vescovo Felice II. Dopo aver superato i secoli bui del Medioevo, nel 1517 fu in gran parte ricostruita per mano di Tullio Lombardo, e fu riconsacrata solo nel 1878 dopo una serie lunghissima di restauri, prima di essere elevata a basilica, a testimonianza della sua grande importanza religiosa e architettonica, un secolo dopo.

Descrizione

Situata in Piazza Duomo, la parte esterna della chiesa è composta da una semplice facciata in pietra (peraltro incompiuta); di notevole interesse il portale barocco e le due finestre gotiche, oltre alle raffigurazioni dei santi Gioatà, Lucano e Martino sul vetro che chiude il rosone centrale.

piazza-duomo-basilica-san-martino
La Piazza Duomo con la basilica cattedrale di San Martino

La parte interna è decisamente più interessante da un punto di vista artistico. Disegnato su linee rinascimentali, il Duomo di Belluno richiama l’architettura gotica nel suo slancio verso l’alto. Lo spazio interno è composto da tre navate; il presbiterio è composto da triple file di stalli e la cupola è molto luminosa.

Il catino dell’abside semicircolare sull’ultimo arco maggiore è stato affrescato da Paoletti (l’Assunta). Altri due artisti importanti che hanno contribuito alla definizione dell’interno della chiesa sono Gaspare Diziani e Egidio Dall’Oglio.

interno-basilica-san-martino-duomo-belluno
Il magnificente interno della basilica cattedrale di San Martino

Uscendo dalla chiesa, sulla sinistra potrete trovare un elemento di spicco del complesso della basilica: il campanile, in stile barocco, dell’altezza di quasi 72 metri. Il campanile del Duomo di Belluno fu costruito nel primo quarto del XVIII secolo dall’architetto messinese Filippo Juvara, utilizzando come materiali sassi e la prestigiosa Pietra di Castellavazzo. In cima al campanile, noterete la bellezza dell’angelo in legno rivestito in rame (della’altezza di 4,63 metri) realizzato dallo scultore e intagliatore bellunese Andrea Brustolon.

basilica cattedrale di San Martino
Gli interni della basilica cattedrale di San Martino

Come arrivare

Dalla stazione centrale di Belluno, la piazza è facilmente raggiungibile a piedi in 10 minuti. Una volta usciti, girate a sinistra e poi subito a destra incamminandovi su via Dante Alighieri; da qui, basta proseguire per circa 700 metri su questa via, che diventa prima via Loreto e poi via Matteotti; poi girate a destra per Piazza Castello, proseguite per altri 200 metri, e troverete la piazza sulla vostra destra.