Con oltre 300 mila visite l’anno, la Walker Art Gallery si configura come una delle attrattive principali di Liverpool e, al di fuori dei musei londinesi, è considerata una delle maggiori collezioni d’arte di tutto il Regno Unito. La Walker Art Gallery fa parte del polo museale del National Museums Liverpool, e viene anche chiamata la “National Gallery del Nord” in quanto, non essendo considerato museo locale né regionale ma museo nazionale, è gestito direttamente coi fondi del Governo.

Cenni storici

L’inizio della storia della Walker Art Gallery porta la data del 1819, quando furono acquistati i primi 37 dipinti dalla collezione di William Roscoe, costretto a vendere la sua piccola collezione a causa di difficoltà finanziarie. Nel 1843 la raccolta, appartenente alla Royal Institution, fu esposta per la prima volta in un edificio apposito, accanto alla sede principale dell’istituzione.

Nel corso dei decenni successivi, la collezione crebbe notevolmente, grazie ad importanti episodi come l’acquisto da parte del Comune di Liverpool di una collezione della Liverpool Academy (1851) e da parte della neonata (1858) Liverpool Society for the Fine Arts. Nel 1860 apre il Museo “William Brown”, dentro il quale, nel 1871, il Comune organizza la prima Liverpool Autumn Exhibition, il cui successo convince il comitato del museo all’acquisto di numerose opere permanenti a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

sculture-walker-art-gallery-liverpool
Una delle sale di sculture della Walker Art Gallery

La vera e propria Walker Art Gallery fu però fondata solo nel 1877 da Edward Henry Stanley, quando viene aperto l’edificio costruito su progetto degli architetti locali Sherlock e Vale; la struttura prende il nome da Sir Andrew Barclay Walker, il benefattore del progetto.

A partire dal 1893, e per diversi anni a venire, la Royal Institution concede alla Walker Art Gallery in prestito le sue opere, comprese quelle della collezione Roscoe (dal 1948). La Walker Art Gallery, a causa dei danni subiti durante la Seconda Guerra Mondiale, fu riaperta solo nel 1951, dopo che il Ministero dell’Alimentazione aveva rilevato l’edificio e disperso la collezione per ragioni di sicurezza. Dal 1986, la galleria raggiunge lo status di museo nazionale, e riapre nel 2002 dopo diversi anni di ristrutturazione.

Le collezioni e le mostre

La Walker Art Gallery ospita una vastissima collezione che va dai dipinti italiani e fiamminghi del periodo dal 1300 al 1550, e di arte europea dal 1550 fino al secolo scorso (tra cui alcuni Rembrandt e Degas) e dell’arte britannica del XVII e XVIII secolo, con alcune importanti opere dell’era vittoriana; molto ampia sono anche le collezioni di stampe, disegni e acquarelli del secolo scorso, e quella delle sculture.

dipinti-walker-art-gallery-liverpool
Una sezione della collezione pre-raffaellita della Walker Art Gallery

Nel secolo scorso, alla Walker Art Gallery di Liverpool si cominciano a tenere le prime importanti mostre e competizioni, come nel 1957, con il John Moore’s Contemporary Painting Prize, che dopo due anni è diventato il premio di pittura contemporanea più importante del Regno Unito; nel 2004, inoltre, la galleria ha dimostrato la sua apertura alla modernità, con l’importante mostra del movimento artistico Stuckist, la The Stuckists Punk Victorian.

Oggi, la Walker Art Gallery ospita un regolare ciclo di mostre temporanee, tra le più visitate d’Inghilterra, e continua con le acquisizioni, come quella del 17 dicembre 2011, che fece molto scalpore: fu acquistata, infatti, la statua di un cardinale risalente al XVIII secolo che fu vandalizzata dal famoso artista metropolitano Banksy, che ne deturpò la faccia – si pensa, in risposta ai continui abusi sui bambini degli uomini di Chiesa -; dopo l’acquisto di quella che venne ribattezzata Cardinal sin, furono installate sul suo viso delle piastrelle di diverse sfumature, che danno l’impressione di un volto ‘pixelato’; anche per il clamore suscitato, questa è oggi una delle opere contemporanee più conosciute della Walker Art Gallery.

cardinal-sin-walker-art-gallery-liverpool
Il “Cardinal Sin”, famosa statua esposta alla Walker Art Gallery

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione di Liverpool Central, la Walker Art Gallery di Liverpool dista poco più di 600 metri. Una volta usciti dalla stazione, girate a sinistra e proseguite su Fairclough Street, per poi girare a destra all’incrocio con Ranelagh Street; dopo pochi metri, girate a sinistra sulla Great Charlotte Street e continuate seguendo questa strada, che si trasformerà in Elliot Street e poi in Lime Street; camminerete per circa 400 metri, fino a trovare sulla vostra sinistra William Brown Street: dopo pochi metri, troverete la Walker Art Gallery sulla vostra destra. Tempo di percorrenza: 10 minuti circa.

In bus

La fermata più vicina alla Walker Art Gallery è quella di Fraser Street, servita dalla linea 892, che vi lascerà su London Road; proseguite per qualche decinxxa di metri, fino ad entrare in William Brown Street e ritrovarvi a destinazione.

Orari e tariffe

Orari d’apertura: tutti i giorni h. 10-17;
Giorni di chiusura: dalle h.14 del 24 dicembre; tutto il giorno il 25 e 26 dicembre, e il 1° gennaio;
Prezzi: ingresso gratuito.

Contatti

Sito web: www.liverpoolmuseums.org.uk/walker
Telefono: 0151 478 4199
Indirizzo: William Brown Street – Liverpool, L3 8EL