Data e durata:
May 20171 giorno
Tipologia di vacanza:
Mare
Persone:
2
Costo a persona:
100€
Mezzi di trasporto:
Auto, Treno, Traghetto
Tappa 1

Da Milano a Vernazza, perla delle Cinque Terre

Da Milano è possibile prendere treni Intercity che vi porteranno in due ore e mezza alla stazione di Monterosso al Mare, la prima delle Cinque Terre, l’unica dove si fermano i treni di lunga percorrenza. Da qui, in dieci minuti a piedi si può raggiungere il battello ed andare, ben prima di mezzogiorno, a Vernazza – un quarto d’ora di battello -, la perla delle Cinque Terre, un paesino sempre pieno ed affollato di turisti, specialmente nella bella stagione.

Vernazza, il lungomare

Visitare la chiesa di Santa Maria di Antiochia è un obbligo, così come visitare il castello – qualche euro per il biglietto – e godere di una vista mozzafiato sul paesino e sul mare.

Vernazza, chiesa di Santa Maria di Antiochia

Se volete, altrettanto bella è la vista che si gode dall’ex chiesa che ora funge da sede comunale. Pranzare qui può costare 10-15 euro a persona per una pizza, 30-70 euro a persona per un menù completo, a seconda dei tanti ristoranti presenti. Concluse un paio d’ore di visita, prendete il treno che in quattro minuti vi porterà a Corniglia.

Tappa 2

Corniglia, località di relax dai paesaggi stupendi

Corniglia è il paese al centro delle Cinque Terre e si può raggiungere dalla stazione ferroviaria con un bus navetta che passa ogni dieci minuti, o a piedi sulla strada, oppure lungo i quattrocento gradini della Scalinata Lardarina. Personalmente sono andato in paese con la navetta.

Corniglia si trova su uno sperone roccioso che gode di un panorama unico tra la terra ed il mare.

Corniglia, panorama

Visitando i vicoli di Corniglia si possono trovare tanti scorci fantastici, molte piante di limone e fioriture multicolore. Da una parte si trova la chiesa di San Pietro, dall’altra la cappella dei Flagellati.

Corniglia, la chiesa di San Pietro

Sono molti i locali che nel pieno pomeriggio, quando sono stato a Corniglia, offrivano gelati, spuntini ed aperitivi; inoltre, si può mangiare ad ogni ora ed i prezzi sono un po’ più bassi rispetto a Vernazza. Non mancate, però, il pezzo forte di Corniglia, l‘impareggiabile belvedere a picco sul mare, che spazia su tutto il Golfo dei Poeti.

Il mare visto dal belvedere di Corniglia

Per tornare alla stazione ho percorso in tutta tranquillità la strada in discesa verso verso di essa, venti minuti tra il verde ed il mare. Con un treno – in otto minuti – sono passato da Corniglia a Monterosso.

Tappa 3

Monterosso al Mare, tappa obbligata nelle Cinque Terre

Monterosso al Mare è la prima delle Cinque Terre: dalla stazione ferroviaria in dieci minuti si passa sotto lo sperone di roccia della chiesa di San Francesco, poi si giunge in paese e si possono visitare la Chiesa di San Giovanni Battista, in marmo bianco e nero, del tutto simile alla chiesa di Portovenere di San Pietro.

Monterosso, chiesa di San Giovanni Battista

Qui la chiesa è stretta tra le case. E’ possibile visitare negozi, locali e ristoranti, con prezzi simili a quelli di Vernazza.

Successivamente, nel giro di tre ore totali, si può riuscire anche a rilassarsi, percorrere parte del sentiero che porta a Vernazza e trovare scorci sul mare e su Monterosso impareggiabili.

Monterosso dall’alto

Tornate indietro, godetevi il mare e le onde che si infrangono sul bagnasciuga, poi potere ascoltare anche musica sul lungomare che porta in stazione: il tutto, con calma, si può svolgerlo in tre ore. Poi ho preso il treno alle 19:00 ed in due ore e mezza ero di ritorno a Milano.

Cosa mi è piaciuto

Le Cinque Terre sono meravigliose da qualunque angolo esse si vedano. Vernazza è un paese turistico ed affollato di gente, Corniglia è tranquilla e placida sopra il mare ed immersa nel verde, Monterosso ha i tratti del classico paese ligure, ma è nel centro di un parco naturale meraviglioso. Ce n’è per tutti i gusti, insomma.

Cosa non mi è piaciuto

In generale, i prezzi di ristoranti ed alberghi non sono sempre accessibili per persone che guadagnano uno stipendio “normale”: sono prezzi alla mercé di turisti tedeschi, inglesi, americani, russi e giapponesi, tutti con disponibilità superiore agli italiani. Comunque ci sono locali per tutti i gusti e si mangia sempre bene.

Claudio Bosisio

I consigli di Claudio Bosisio

Il mio viaggio è durato un giorno e l’ho svolto in tutta tranquillità, riposando una sola notte in un qualunque paese delle Cinque Terre è possibile visitare tutte e cinque le località – Manarola e Riomaggiore compresi – in due soli giorni, stando molto tranquilli. I paesi non sono grandi, in un’ora è possibile visitarli senza fare ‘le corse’: per questo è possibile assaporare le Cinque Terre anche in un solo giorno.

Voto al viaggio
Lo consiglierei? Si