Piazzale Michelangelo a Firenze è uno dei principali luoghi d’interesse del capoluogo toscano. Si trova al di fuori del centro storico, e proprio grazie alla sua particolare posizione è in grado di offrire ai turisti un panorama mozzafiato su tutta Firenze.

Da qui vengono scattate alcune delle foto più belle che ritraggono la città fiorentina nelle più importanti guide turistiche italiane e internazionali. A seguire una breve descrizione dell’attrazione, oltre a una guida su cosa vedere e altre informazioni utili su Piazzale Michelangelo.

Descrizione di Piazzale Michelangelo a Firenze

L’idea di realizzare Piazzale Michelangelo sulla collina che sorge a sud del centro storico fiorentino è stata dell’architetto locale Giuseppe Poggi nella seconda metà dell’Ottocento, per poi rientrare tra le opere di ristrutturazione che interessarono le mura cittadine pochi anni più tardi la nascita del Regno d’Italia.

Il progetto originario dell’architetto Poggi prevedeva la presenza di tutte le opere più importanti di Michelangelo, tra cui la celebre statua del David e le sculture della famiglia dei Medici. Inoltre, Poggi aveva anche ipotizzato la realizzazione di un museo dedicato al genio dell’artista toscano Michelangelo Buonarroti.

David in Piazza Michelangelo a Firenze
David in Piazza Michelangelo a Firenze

Come è noto, l’ambizioso progetto dell’architetto Giuseppe Poggi non vide mai la luce. Gli abitanti di Firenze dovettero così accontentarsi del solo Piazzale Michelangelo, che riuscì però nel giro di pochi anni a riscuotere ugualmente un enorme successo tra la popolazione e i tanti turisti che arrivavano a Firenze per scoprire le meraviglie della culla del Rinascimento italiano.

Laddove sarebbe dovuto sorgere un museo in onore di Michelangelo oggi c’è un ristorante, mentre delle opere di Michelangelo figura soltanto una mastodontica copia in bronzo del David (l’originale è custodito nella Galleria dell’Accademia della città di Firenze). Infine, buona parte del piazzale è in realtà un enorme parcheggio per le auto, così da consentire ai turisti che visitano Firenze con una macchina a noleggio di fermarsi qui per qualche minuto e scattare una foto cartolina mozzafiato, come ricordo della città più importante della regione Toscana.

Cosa vedere nei pressi di Piazzale Michelangelo di Firenze

Prima di tutto, quando si arriva al Piazzale Michelangelo di Firenze la prima cosa da vedere è lo spettacolare panorama sul centro storico e sul fiume Arno. Quando le condizioni meteo sono favorevoli, il consiglio è di raggiungere il piazzale nel tardo pomeriggio e di attendere il tramonto, catturando in questo modo dei colori sublimi.

Da non perdere anche l’enorme copia del David di Michelangelo, se ancora non si è avuto modo di vedere l’originale nella Galleria dell’Accademia. La statua si trova al centro di Piazzale Michelangelo ed è la terza copia di una delle opere più celebri del Buonarroti. Infatti, oltre all’originale, c’è una seconda copia anche in Piazza della Signoria, esattamente di fronte al Palazzo Vecchio. A differenza dell’originale, che è realizzato in marmo, la copia del Piazzale Michelangelo è stata costruita in bronzo.

Vista di Firenze dalla piazza
Vista di Firenze dalla piazza

Oltre al panorama e alla copia del David, il piazzale progettato dall’architetto di Firenze, Giuseppe Poggi, ha un altro punto d’interesse: la loggia in stile neoclassico realizzata dallo stesso Poggi una volta terminati i lavori per la costruzione dell’area. Come anticipato, quella loggia avrebbe dovuto ospitare un museo dedicato all’artista toscano Michelangelo Buonarroti. Oggi, invece, è parte integrante di un famoso ristorante di Firenze, molto gettonato tra i turisti stranieri, che hanno l’opportunità di godersi un panorama eccezionale.

Salendo le scale che conducono al piazzale, poco prima di arrivare a destinazione è possibile visitare il romantico Giardino delle Rose, uno dei parchi più frequentati dagli abitanti della città e dagli stessi visitatori stranieri lungo Viale Giuseppe Poggi. In passato, il giardino era aperto esclusivamente durante la stagione della primavera. Oggi, invece, l’area è aperta tutti i giorni della settimana, in qualsiasi mese dell’anno, a partire dalle 9 del mattino fino al tramonto.

Informazioni utili

Come arrivare al Piazzale Michelangelo di Firenze? Chi vuole può scegliere di prendere l’autobus della linea 12 o 13, che mette in collegamento il centro storico del capoluogo fiorentino con il piazzale. La seconda alternativa è raggiungere la terrazza panoramica su Firenze a piedi, salendo la lunga scalinata che inizia da Piazza Poggi, situata sotto il piazzale (non a caso la piazza è intitolata al famoso architetto locale). Volendo è possibile arrivare anche in auto, per poi parcheggiare in uno dei parcheggi disponibili (sono circa 80 e tutti a pagamento).

Piazzale Michelangelo: dove mangiare?

Una volta arrivati si può anche decidere di restare a pranzo o a cena, approfittando della presenza del ristorante non lontano dalla copia in bronzo del David di Michelangelo. Nel menu non manca la classica carne fiorentina e la Ribollita di Firenze, due dei piatti tipici della cucina toscana, senza dimenticare la possibilità di poter ammirare tutta la città durante il pasto.