Il Lago Trasimeno è compreso nel Comprensorio del Trasimeno della provincia di Perugia, nella regione Umbria. È il quarto lago italiano per estensione, subito dopo il Lago di Como; con una superficie di circa 130 km² è, però, il più esteso lago dell’Italia centrale, ma non è molto profondo; infatti, la sua profondità media è di circa 4,5 metri, mentre quella massima raggiunge i 6 metri. La larga estensione e la scarsa profondità lo rendono un lago laminare. Il suo perimetro è di circa 53 km.

La zona del Trasimeno era abitata sin dall’epoca preistorica, come testimoniano i ritrovamenti oggi conservati nel Museo archeologico nazionale dell’Umbria.

Il Lago Trasimeno è sprovvisto di un emissario naturale; quello artificiale, invece, attraverso il torrente Caina, fa confluire le eventuali acque in eccesso nel fiume Tevere. L’acqua del lago è alimentata principalmente dalle precipitazioni e dai torrenti Rigo Maggiore, Tresa, Moiano e Maranzano, che confluiscono nell’immissario artificiale dell’Anguillara. Paganico e Pescia, invece, sono i due torrenti immissari naturali del Trasimeno.

lago-Trasimeno
Uno scorcio del Lago Trasimeno

Flora

Le piante che vegetano nella zona del Lago Trasimeno sono quasi tutte tipiche del clima mediterraneo; è possibile trovare canneti, alghe, muschi, felci, acacie, pini, ginepri e, soprattutto, querce. Oltre a queste, sono presenti pioppi, cipressi, salici e olmi (ne restano pochi esemplari a causa di una malattia trasmessa da un tipo di fungo); altre piante caratteristiche che circondano il lago sono l’agrifoglio, l’alloro, l’edera, il biancospino, l’oleandro, il noce, il fico d’india, il sambuco, il rosmarino.

Fauna

Diverse le specie animali che vivono nella zona; oltre ai tipici mammiferi come il cinghiale, l’istrice, la volpe, la nutria, troviamo anche il topo-ragno; le specie di uccelli variano molto in base alle migrazioni, ma è comunque possibile trovare gabbiani, cormorani, fagiani, germani reali, falchi di palude, pavoni, martin pescatore. Per quanto riguarda la fauna ittica, invece, il bacino lacustre presenta diverse specie di pesci: tra le più comuni abbiamo lucci, carpe, persici, alborelle, gambusie, ghiozzetti, anguille.

La sopravvivenza di questi pesci, però, è a rischio a causa di un inquinamento ambientale dovuto all’introduzione di specie esotiche come il pesce gatto, il pesce rosso, il gambero rosso della Louisiana.

Inoltre, nella zona del Trasimeno non mancano anfibi e rettili; fra i primi va ricordata la rana verde (si nutre di insetti, lumache, vermi, piccole lucertole e piccoli roditori), mentre la specie più diffusa tra i rettili è la biscia d’acqua (si nutre di rane, lucertole, giovani uccelli, piccoli mammiferi e pesciolini).

Passignano - Lago Trasimeno
Passignano – Lago Trasimeno

Località

Sulle rive del Lago Trasimeno si affacciano le seguenti località, elencate in ordine alfabetico:

Invece, le località che appartengono al Comprensorio del Lago Trasimeno sono:

  • Castiglione del Lago
  • Città della Pieve
  • Magione
  • Paciano
  • Panicale
  • Passignano sul Trasimeno
  • Piegaro
  • Tuoro sul Trasimeno
trasimeno-tramonto
Tramonto sul Lago Trasimeno

Cosa vedere

Oltre alle splendide località situate nei dintorni del Trasimeno, è presente anche un parco naturale il cui territorio si estende lungo il perimetro del lago e comprende tre isole: l’Isola Polvese (la più estesa), l’Isola Maggiore (a dispetto del nome che porta non è la più grande..!) e l’Isola Minore (di proprietà privata).

I centri della riviera ed i piccoli borghi di pescatori danno l’idea che il tempo si sia fermato; ancora oggi, infatti, è possibile vedere personaggi intenti a riparare le reti da pesca oppure a falciare il canneto; i veri protagonisti sono i pescatori che da sempre animano le acque del lago solcandole con le loro barche, inseriti perfettamente nel contesto lacustre, dediti alla conoscenza delle acque e delle fasi lunari; dedizione generalmente tramandata da padre a figlio.

Il Parco del Lago Trasimeno

Si tratta del più grande fra i parchi regionali umbri e fu istituito nel 1995 con lo scopo di preservare e valorizzare tutta la zona, di altissimo valore naturalistico e storico-artistico.

La rete dei sentieri presenti nel parco permette di raggiungere (a piedi, a cavallo, in bici) i numerosi e caratteristici centri storici situati sui colli che circondano il lago; questi percorsi sono ideali per apprezzare il territorio del Trasimeno sia dal punto di vista ambientale, sia da quello storico e culturale.

All’interno del parco operano due entità autonome:

  • Il Parco scientifico didattico di Isola Polvese, a cura della Provincia di Perugia
  • L’Oasi naturalistica “La Valle”, a cura dell’associazione ambientalista Legambiente

La prima è un centro di educazione ambientale ubicato in un’area naturale protetta di particolare interesse storico e naturalistico. Rappresenta un esempio di gestione ambientale secondo criteri di sostenibilità con agricoltura biologica, impianti di depurazione e sistemi di risparmio energetico.

L’oasi, invece, è la parte naturalisticamente più interessante di tutto il lago; grazie alle sue acque aperte, alla presenza di animali rari, alla vegetazione, si configura come un vero e proprio “gioiello” del Trasimeno.

È dotata di un centro visite, un centro di educazione ambientale, un laboratorio scientifico, un centro di documentazione, una stazione per l’inanellamento scientifico degli uccelli ed una passerella con osservatorio sul lago.

trasimeno-passerella-oasi-la-valle
Oasi La Valle

Dal 2012 è attiva la “Foresteria dell’Oasi”, un rifugio escursionistico dotato di un’ampia sala da pranzo con angolo cottura, due confortevoli camere (12 posti letto) e due bagni, ciascuno con vano doccia.

L’Oasi “La Valle” è aperta tutto l’anno, con possibilità di visite guidate, sia la mattina (9:00/13:00) sia il pomeriggio (da ottobre a maggio 15:00/18:00; da giugno a settembre 16:00/20:00).

Per informazioni:
e-mail: oasilavalle@gmail.com
telefono:
 075 8472865
sito web: www.oasinaturalisticalavalle.it

Le Isole

Come scritto in precedenza, le isole presenti nel Lago Trasimeno sono tre: in ordine di grandezza, la Polvese, la Maggiore e la Minore.

Isola Polvese

È la più estesa delle tre (quasi 70 ettari) e, dal 1995, è stata dichiarata “Parco scientifico-didattico” dalla Provincia di Perugia; in quest’isola è possibile svolgere attività di ricerca scientifica, didattica e sperimentazione ambientale.

Fa parte del comune di Castiglione del Lago ed ospita importanti edifici storici come la Chiesa di San Secondo, il Monastero Olivetano, la Chiesa di San Giuliano ed un castello risalente al XIV secolo recentemente restaurato.

lago-Trasimeno-Isola-Polvese
Isola Polvese – Lago Trasimeno

Molto interessante è la Piscina del Porcinai, conosciuta anche come “Giardino delle piante acquatiche”.

Isola Maggiore

È l’unica delle tre ad essere stabilmente abitata (18 abitanti); si estende per circa 24 ettari, con un perimetro di 2 km. L’isola è collegata alla terraferma tramite un servizio di traghetti ed è coperta da una fitta rete di sentieri.

Si caratterizza per la presenza di un affascinante borgo di pescatori risalente al ‘400 e diversi monumenti. Fa parte del comune di Tuoro sul Trasimeno.

trasimeno-isola-maggiore
Isola Maggiore – Lago Trasimeno

Isola Minore

Ha una superficie di circa 50 m², la forma che ricorda una virgola, con dimensioni di circa 450 x 260 metri. L’isola si eleva per una ventina di metri dalla superficie del lago, a circa 260 metri sul livello del mare. L’isola fa parte del territorio di Passignano sul Trasimeno ed è di proprietà privata.

trasimeno-isola-minore
Isola Minore – Lago Trasimeno

L’aeroporto Eleuteri

Chiamato così in onore dell’aviatore umbro Leopoldo Eleuteri, fino al secolo scorso era un aeroporto militare; ora, invece, è una zona verde incontaminata (circa 100 ettari) che rappresenta il punto di partenza di itinerari di trekking e percorsi a piedi, a cavallo o in bicicletta, oltre ad offrire numerosi punti di osservazione delle specie di fauna e flora presenti nella zona lacustre.

Prodotti tipici enogastronomici

Assolutamente da provare sono il brodo di pesce, condito con l’olio dei colli del Trasimeno, e il riso con il sugo bianco a base di filetti di pesce persico e anguilla. Altri prodotti tipici della zona del lago sono: l’olio d’oliva e i vini DOC Colli del Trasimeno e Pieve del Vescovo, il vin santo, il novello, i formaggi e il miele; ma anche la fagiolina tipica del Trasimeno, il Torciglione (dolce) e lo zafferano.