Kiev, lussureggiante capitale dell’Ucraina, sorge e respira nella parte Settentrionale del paese lungo le sponde del fiume Dnepr, caratterizzata da un clima continentale con inverni molto rigidi e freddi ed estati calde.

Kiev ha una popolazione di circa 2.587.000 abitanti ed incarna il precipuo centro commerciale dell’Ucraina, con le sue numerose industrie tessili, meccaniche, chimiche elettrotecniche ed alimentari. La splendida e suggestiva Kiev esprime la sua intensa bellezza in particolare modo nel suo centro storico, dimora di monumenti di rara suggestione e di notevole pregio, testimoni della sua antica fondazione, intorno al V e VI secolo in veste di prima capitale russa.

Kiev non è solo il centro commerciale del paese ma è altresì l’anima spirituale dell’Ucraina e uno dei più rilevanti ed importanti centri spirituali della Chiesa Ortodossa. La scenografica capitale ucraina offre allo sguardo del visitatore, palazzi, chiese, basiliche, piazze meravigliose, prevalentemente collocate nella parte della Città Vecchia; la via più importante e principale di Kiev, nasce e si dirama dalla Città Vecchia in direzione di uno dei quartieri più caratteristici di Kiev, il Podil, sede del porto fluviale.

piazza-dell-indipendenza-kiev
La grandiosa Piazza dell’ Indipendenza di Kiev

Cenni storici

La storia di Kiev è foriera di curioso interesse e fascino; secondo quanto narrato dalla leggenda, la capitale ucraina fu fondata dagli slavi, precisamente da 4 fratelli, 3 maschi ed una femmina. Fu il fratello maggiore dei 4, Ky, a battezzare la città e, in omaggio ed onore ai 4 fratelli, sulle rive del fiume Dnepr, svetta una monumentale statua. Da Novgorod, dopo che furono decorsi ben 4 secoli, giunsero in città i vichinghi conferendo a Kiev prosperità e floridezza. Il sovrano scandinavo Oleh, desideroso di un’egemonia ancora più importante ed un controllo più intenso sulla città, scese a Kiev e si proclamò sovrano della città. Da quel momento, prese forma e vita la Rus’ di Kiev.

Nel corso del 1240, la Rus’ di Kiev venne completamente demolita a causa della violenta incursione mongola e, di conseguenza, passò sotto il controllo ed il dominio prima dello stato di Galic di Volinia, poi della Lituania, successivamente della Polonia e, infine, della Russia. Nel 1941 la città di Kiev venne occupata dall’esercito nazista durante la Seconda Guerra Mondiale e rimase sotto l’egemonia tedesca sino al 1943, anno in cui Kiev venne riconquistata dall’Armata Rossa sovietica. Solo nel 1991, Kiev divenne capitale dell’Ucraina indipendente.

guida-di-kiev-2.jpg
Kiev, con le dorate e suggestive cupole dorate della Basilica di Santa Sofia

Soggiornare a Kiev

Kiev, generosa capitale ucraina, offre ai suoi visitatori monumenti di grande bellezza, atmosfere suggestive e tradizioni affascinanti. La munificenza di questa romantica città sul fiume Dnepr, non si esaurisce qui; Kiev consegna ai turisti non solo la sua anima palpitante ma anche la possibilità di scegliere tra un ventaglio ampio di sistemazioni in cui poter trascorrere un fine settimana o una vacanza più lunga, tra le sue meraviglie.

A Kiev sfilano indisturbati nel suo centro storico, la maggior parte degli Hotel e dei B&B della città. Alberghi a 5, 4 e 3 stelle svettano con disinvoltura tra storici palazzi e in monumentali piazze: la scelta dell’alloggio, dal Premier Palace Hotel, lussuoso 5 stelle, al più modesto Bakkara Hotel, è rinviata alle esigenze ed alle possibilità economiche del viaggiatore.

Per ulteriori approfondimenti, potrete consultare la guida Soggiornare a Kiev.

guida-di-kiev-premier-palace-hotel
Il Premier Palace di Kiev, hotel a 5 stelle della città

Cosa vedere a Kiev

Kiev è una città molto suggestiva e particolare in cui poter ammirare bellezze architettoniche di notevole interesse e suggestione. I due monumenti principali di Kiev, simbolo della città sono: la Cattedrale di Santa Sofia, il Monastero delle grotte e la piazza più importante è Piazza dell’Indipendenza.

La Cattedrale di Santa Sofia è uno dei luoghi più importanti di Kiev ed è stata inserita nel sito dei patrimoni dell’Umanità dell’Unesco. Le prime fondazioni della Cattedrale risalgono al 1037. La chiesa è caratterizzata da 5 navate, 5 absidi e 13 cupole. Internamente presenta affreschi e mosaici di notevole valore e pregio. Nel corso dei secoli la cattedrale fu protagonista di diversi interventi, modifiche e restauri sino a raggiungere nel 1740 l’aspetto attuale.

Il Monastero delle grotte di Kiev è un antico e monumentale monastero databile intorno al 1501 fondato dai monaci Teodosio e Antonio e oggi dimora del Metropolita di Kiev. Ab originem il monastero era caratterizzato da chiese, celle e cappelle edificate in legno. Nel 1703 cominciarono nuovi lavori di costruzione della Cattedrale in pietra e furono terminati nel 1089. Il Monastero delle grotte svetta su una collina donando un forte senso di maestosità ed imponenza, dal 1990 è stato dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco in quanto incarna uno dei più riusciti monumenti architettonici in stile barocco e rococò ucraino.

La Piazza dell’Indipendenza di Kiev è la piazza precipua e centrale della città che nel corso degli anni fu protagonista di variegate vicende che la etichettarono con nomi diversi. Sede di numerose manifestazioni di Kiev, Piazza dell’Indipendenza fu protagonista della Rivoluzione Arancione nel 2004 e di altri avvenimenti contro il regime nel corso dell’inverno 2013 e 2014.

guida-di-kiev-monastero-delle-grotte
Il Monastero delle grotte di Kiev, patrimonio dell’umanità dal 1990

Dove e cosa mangiare a Kiev

La tradizione culinaria di Kiev è foriera di ricette semplici ma gustose e saporite. Caratteristica precipua dei piatti ucraini sono le notevoli calorie e l’abbondanza dei carboidrati a causa sia del clima rigido e ostile che dell’indigenza del paese.

L’Ucraina è la patria del frumento, in virtù di questa sua caratteristica è stata battezzata “Paniere d’Europa“. Tra le principali specialità ucraine e della sua capitale, Kiev si possono rubricare: il Borscht, gli Holubtsy, il Kasha, le Frittelle, i Vareniki, il Tovtchenyky, il Kholodet, il Pampouchly e il Churchkheli.

guida-di-kiev-vareniki
I Vareniki, tipici ravioli ripieni ucraini

Nel novero dei ristoranti di Kiev in cui poter gustare una cena tipica della tradizione gastronomica locale, si possono citare alcuni dei più caratteristici, conosciuti e rinomati come il Taras Bulba, l’O’Panas e il Pervak.

Taras Bulba: il Taras Bulba è uno dei più famosi ristoranti di Kiev sito nel cuore del centro storico della città. In questo ristorante dall’atmosfera calda e suggestiva, si potranno gustare piatti tradizionali ucraini gustosi e saporiti.

O’Panas: delizioso ristorantino ubicato all’interno di un parco, l’O’Panas, regala ai suoi clienti piatti della tradizione ucraina con prodotti sempre freschi provenienti dalla fattoria dei proprietari stessi.

Pervak: ristorante elegante di Kiev in cui trascorrere una serata gustando ottimi piatti locali in un’atmosfera avvolgente impreziosita dalla costante musica di sottofondo, fedele presenza del ristorante.

Per ulteriori informazioni ed approfondimenti, potrete consultare la guida Dove e cosa mangiare a Kiev.

guida-di-kiev-pervak
Il Pervak di Kiev, suggestivo ristorante della capitale ucraina

Cosa fare a Kiev di sera

Kiev è una città ricca di locali, bar, ristoranti, club, pub e discoteche in cui trascorrere una serata all’insegna del divertimento e dell’intrattenimento. La vita notturna della capitale ucraina è foriera di atmosfere frizzanti, ferventi e di grande suggestione.

Divertirsi a Kiev è facile grazie al ventaglio di opzioni e di opportunità variegato che offre. Tra i vari e molteplici locali, bar e club presenti a Kiev si possono menzionare alcuni dei più conosciuti e frequentati sia dai cittadini che dai turisti: lo Shooters, l’Art Club 44, la Decadence House ed il Caribbean Club.

Per ulteriori approfondimenti e consigli potrete consultare la guida Cosa fare a Kiev di sera.

guida-di-kiev-decadence-house
La Decadence House di Kiev, una delle discoteche più élitarie della città