Data e durata:
August 20195 giorni
Tipologia di vacanza:
Montagna
Persone:
3
Costo a persona:
100€
Mezzi di trasporto:
Auto
Tappa 1

Camminando tra i sentieri dell’altopiano di Lavarone

Nell’altopiano di Lavarone ci sono sentieri abbastanza facili da percorre, adatti a tutti e solo a tratti prevedono qualche salita ripida, da fare con calma. I sentieri e le tappe della mia uscita in montagna sono stati il lago di Lavarone, il Giro del Tablat, il Forte Belvedere, il cimitero di Slaghenaufi e il Giro dei Piccoli con ritorno al lago.

Il lago di Lavarone non è molto grande, ma abbastanza per permettere a piccole imbarcazioni di muoversi nell’acqua. Tutt’attorno si sono persone che passeggiano o che, come in una spiaggia, prendono il sole.

Albero abbattuto dall’uragano del 2018

Il Giro del Tablat, come anche quello dei Piccoli ha avuto degli imprevisti: i sentieri erano chiusi dagli alberi abbattuti dall’uragano nell’ottobre 2018. Ciò nonostante il nostro percorso è continuato su sentieri aperti, o su tratti di strada asfaltata.

Iperico e Bardana, piante medicamentose

I paesaggi che si aprivano davanti a noi erano davvero molto belli. Quasi tutte le nostre passeggiate sono state accompagnate dal profumo dei ciclamini che spuntavano ovunque: lungo la strada, sulle rocce, tra le cortecce di alberi abbattuti o sotto le radici di quelli rovesciati dal vento. Alcuni cartelli, disposti lungo un tratto del sentiero, ci hanno dato indicazioni sulle piante medicamentose presenti: l’iperico, ottimo su piaghe e scottature, capace di calmare i dolori reumatici e le sciatalgie e la depurativa e diuretica bardana.

Fortezza austro-ungarica: Belvedere

Il Forte Belvedere, a 1.177 metri d’altezza, posizionato sulla roccia, nel suo esterno mostra le postazioni dei soldati, all’interno si può visitare il museo della Grande Guerra. Il grigiore, nel suo complesso, dà tanta tristezza.

Tappa 2

Visita al Cimitero militare Austro-Ungarico di Slaghenaufi (1914-1918)

Il cimitero militare Austro-Ungarico di Slaghenaufi, nel comune di Lavarone, in provincia di Trento, si trova non molto distante da un ospedale militare da campo austro-ungarico in cui prestavano il loro servizio i Cavalieri di Malta.

Cimitero militare Austro-Ungarico, le croci

A Slaghenaufi, a 1280 metri di altezza riposano le salme di 748 soldati caduti sul fronte, molti dei quali sono stati sepolti con rito funebre già durante il conflitto mondiale, celebrato nella cappellina in legno. Grazie al rifacimento del 1954 e il restauro del 1992 veglia silente sui soldati. In assenza di celebrazioni particolari, la si può vedere solo esternamente.

Cappellina al Cimitero militare Austro-Ungarico

Grazie a degli accordi tra il Commissariato Generale OnoranzeCaduti in Guerra e la Croce Nera Austriaca, il cimitero mantiene ancor oggi le caratteristiche iniziali. 

Panorama dalla Cappellina del Cimitero militare Austro-Ungarico

Qua e là accanto alle croci si possono vedere i segni di amicizie e parentele che anche se lontane nel tempo hanno lasciato un fiore, una candela e forse anche una preghiera.

Cosa mi è piaciuto

Mi sono piaciuti i paesaggi e le passeggiate in mezzo al verde, il profumo dei ciclamini e la cura dei fiori nelle case, nelle strade e nei prati, il muggito e i campanacci delle mucche, la cordialità della gente, i giorni di sole e il silenzio della notte, tutte situazioni di pace e di calma.

Cosa non mi è piaciuto

Difficile è dire che cosa non è piaciuto, ma qualcosa c’è, senza colpa di nessuno, ma c’è. I sentieri impercorribili non sempre erano segnati all’inizio e dopo essersi inoltrati bisogna tornare indietro. A volte le indicazioni nei cartelli erano scarne. Mi sarebbe piaciuto conoscere l’altitudine o i km dalla meta.

Marilena Carraro

I consigli di Marilena Carraro

Consiglierei a chi vuol trascorre qualche giorno sull’altopiano di Lavarone di munirsi di cartine con le indicazioni per percorsi alternativi, di portare con sé bastoni, acqua (qualche fontana c’è, ma non sempre è garantita la potabilità). Il cellulare prende abbastanza bene, ma Google map non riconosce le strade dei sentieri e non dà indicazioni.

Voto al viaggio
Lo consiglierei? Si