Tra gli edifici più importanti e conosciuti della città, vi è sicuramente il Cabildo, una struttura imponente che, durante il periodo coloniale, fu utilizzato come sede del governo durante il periodo coloniale: qui, infatti, risiedeva il Viceré di Rio de La Plata, la massima autorità della vecchia Montevideo, che era appunto sotto giurisdizione spagnola.

Situato in Plaza Constitucion (o Plaza Matriz), nella Ciudad Vieja, oggi la struttura è visitata non solo per il suo valore storico e architettonico, ma anche – e soprattutto – perché ospita un importante museo e l’Archivio Storico della città: se soggiornate a Montevideo, questa è un’altra delle tappe obbligate!

Cenni storici

L’edificio, situato all’ angolo tra Juan Carlos Gómez e Sarand’, nella Ciudad Vieja (il centro storico di Montevideo), è opera dello spagnolo Tomás Toribio, che si occupò di mettere ‘nero su bianco’ il progetto per il Cabildo e Real Prison, approvato dalla Corte Reale nel 1804. L’edificio venne realizzato tra il 1804 e il 1812, ma la sua costruzione fu completata solo nel 1869.

In questa struttura vennero comprese la sala capitolare, il salone, il carcere, la guardiola, la sala dell’infermeria e la cappella. Dopo l’indipendenza (1825), il Cabildo ha ospitato i tribunali superiori di giustizia, il capo della polizia, il Consiglio Nazionale e il Ministero degli Affari Esteri. Nel 1958 divenne la sede del Museo Storico Municipale.

cabildo-montevideo-facciata
La facciata principale del Cabildo

Descrizione

Costruito in stile neoclassico spagnolo con una serie di colonne in stile dorico e ionico sormontate da un timpano, il Cabildo è una costruzione di pietra estratta dalle cave di Cerro de Montevideo. Tutti gli ornamenti scultorei degli interni del Cabildo, situati all’interno delle residenze, provengono invece dal quartiere di Montevideo Prado; l’unica eccezione è data dalla fontana, che si trova al centro di uno degli ingressi (in particolare, è quello che permette di entrare nell’edificio dalla sinistra); si tratta della prima fontana pubblica che ha avuto la città di Montevideo.

Una pietra miliare utilizzata nella costruzione del Cabildo de Montevideo, collocata nel 1894 dal capitano Wharton (Ufficiale della Marina britannica), determina la Wharton Zero che viene utilizzata come riferimento per le altezze geodetiche in Uruguay. Nel 2012 è iniziato un lento processo di ristrutturazione, che vede coinvolti in particolare i tetti e la facciata principale; prima che i lavori vengano completati del tutto, comunque, ci vorrà ancora qualche anno.

Il Museo e l’Archivio Storico

Diventato polo museale, come detto, nel 1958, il Museo Storico del Cabildo è diviso in 3 collezioni. La prima, letteralmente Acervo en Papel, è costituita da circa 4.000 documenti cartacei, che costituiscono la maggioranza del materiale a disposizione del museo, ed è divisa in importanti collezioni come quella Assuncao, quella Pierre Fossey, o ancora gli importantissimi Libri del Catasto di Montevideo.

La seconda è detta Acervo Textil, il ‘patrimonio tessile’ del museo, come alcuni ventagli, ombrelli e abiti femminili che rispecchiano le mode e gli usi del passato. Infine, la terza collezione è quella riguardante i metalli e altri materiali, con numerosi oggetti dal grande valore storico.

La raccolta documentaria dell’Archivio Storico di Montevideo è una sottosezione del Museo Storico aperto il 21 settembre 1958. Questo archivio deve molto al meticoloso lavoro di Horacio Arredondo di recuperare tutta la documentazione storica che è stata dispersa in vari uffici dell’istituzione, salvandoli da un concreto rischio di perdita. Un’altra sottosezione del Museo Storico sono gli archivi digitalizzati del Comune di Montevideo.

interno-cabildo-montevideo
L’interno del Cabildo

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione centrale General Artigas, il Cabildo dista poco meno di 2 chilometri, ed è facilmente raggiungibile anche a piedi. Una volta usciti dalla stazione, girate a destra su Avenida Paraguay, per poi svoltare a sinistra, dopo circa 350 metri, su La Paz; proseguite dritto e, all’incrocio con la Rambla Franklin D. Roosevelt, girate a sinistra e continuate fino a trovare sulla vostra sinistra, dopo circa 400 metri, Florida; continuate su questa strada, superando Avenida Uruguay che la taglia in due e, dopo altri 400 metri, svoltate leggermente a destra su Mercedes; continuate su questa strada per qualche decina di metri, fino ad entrare in Rincón; dopo circa 300 metri, svoltate a sinistra su Juan Carlos Gómez: dopo una cinquantina di metri, troverete il Cabildo sulla vostra destra.

In metro

Le fermate della metro più vicine al Cabildo sono quella di Plaza Matriz (altrimenti detta Plaza Constitucion), con il capolinea della Linea A (linea rossa), e la fermata La Puerta della Linea B (linea blu).

cortile-cabildo-montevideo
Il cortile interno dell’edificio

Contatti e informazioni utili

Museo

Sito web: www.cabildo.montevideo.gub.uy
Tel.: +598 2 1950 1474 / +598 2 2915 9685
Indirizzo: Juan Carlos Gómez, 1362 – Montevideo
Orari: da lunedì a venerdì h. 12-17.45; sabato h. 11-17

Archivio storico

Sito web: www.cabildo.montevideo.gub.uy
E-mail: archivohistorico.im@gmail.com
Tel.: +598 2 1950 1474 / +598 2 2915 6282
Indirizzo: Juan Carlos Gómez, 1362 – Montevideo
Orari: da lunedì a venerdì h. 13-17