Il Palazzo Comunale di Modena è un edificio del XI secolo collegato a Piazza Grande mediante il versante orientale e settentrionale del suo porticato, ed è l’attuale sede del Comune della città.

Sebbene sia chiamato Palazzo Comunale per praticità, il palazzo in sé è in realtà un agglomerato di edifici sorti a partire dal 1046, tutti adibiti a sedi amministrative e di rappresentanza del governo cittadino medievale.

Queste strutture furono successivamente ristrutturate in massa tra il XVII ed il XVIII secolo e l’attuale Torre Mozza, un tempo chiamata Torre Civica, deve il suo nome odierno al crollo che la danneggiò nel 1671, in seguito ad un forte terremoto.

Cosa vedere

L’ala Nord del complesso ospita la famosa Sala delle Bifore, una sala in cui è recentemente stata riscoperta una porzione dell’antica facciata medievale.

Un’altra sala particolarmente importante è la Sala del Fuoco, che può vantare una serie di dipinti raffiguranti l’assedio che Modena subì nel 44 a.C., nei quali sono presenti figure di spicco dell’antica storia romana come Marco Antonio e Bruto Augusto.

In questa sala v’era un braciere che ardeva perennemente, e proprio in virtù del fatto che non veniva mai spento era abitudine consolidata dei cittadini modenesi l’attingere alle sue braci per accendere i fuochi domestici.

Palazzo Comunale di Modena
La piazza Grande

Nel cosiddetto Camerino dei Confirmati è invece presente la Secchia rapita, uno dei simboli stessi della città e fonte d’ispirazione per la stesura di numerose opere, fra le quali il famoso poema eroicomico di Tassoni. Questa secchia altro non è che un comunissimo secchio di legno, che assume un valore inestimabile semplicemente per il fatto che commemora la vittoria della Battaglia di Zappolino, ottenuta nel 1325 ai danni dei bolognesi. Questo secchio sarebbe infatti un trofeo di guerra rubato ad uno dei pozzi di Bologna, divenuto con il tempo l’emblema stesso del trionfo di Modena sulla città rivale.

Un altro cimelio custodito nel Palazzo Comunale è la Preda Ringadora, un blocco di marmo ubicato a pochi metri di distanza dal palazzo stesso, ritenuto parte di un antico edificio di epoca romana. Questo blocco veniva un tempo adibito sia a palco per le orazioni, sia a luogo per l’esecuzione delle sentenze capitali; in quest’ultimo caso i cadaveri venivano solitamente lasciati esposti sullo stesso blocco sul quale vennero giustiziati.

Il Palazzo Comunale può vantare poi un altro monumento di grande rilevanza, consistente in una statua conosciuta come “La Bonissima”, eretta nel 1268 in Piazza Grande e raffigurante una figura femminile non meglio identificata. Ad oggi la Bonissima è esibita al di sopra del portico del Palazzo Comunale, e la tradizione vuole che il soggetto dell’opera sia un’aristocratica modenese che si distinse nell’antichità per la sua magnanimità nei confronti dei poveri. Secondo un’altra ipotesi la statua rappresenterebbe invece semplicemente la Buona stima, ovverosia la precisione per quel che riguarda misure e compravendite, poiché ai piedi dell’opera erano incise antiche misure mercantili in uso a Modena.

Tra le strutture visitabili del Palazzo Comunale vi sono, oltre a quelle più importanti già citate, anche il Corridoio di accesso al palazzo, la Sala della Torre Mozza, il Loggiato ed i corridoi di passaggio, la Sala del Vecchio Consiglio, la Sala degli Arazzi e la Sala dei matrimoni.

Palazzo Comunale di Modena
Un particolare della Torre dell’Orologio

Come arrivare al Palazzo Comunale

Arrivando in auto è utile sapere che tutto il centro cittadino di Modena, in quanto centro storico, è soggetto a limitazioni di traffico, ma attorno all’anello del Viali sono presenti diversi parcheggi a pagamento. Da lì proseguire verso il centro seguendo le indicazioni, il Palazzo Comunale di Modena si trova in corrispondenza di Piazza Grande, la piazza principale della città.

Si può arrivare al Palazzo Comunale anche in autobus, scendendo alla fermata Duomo, servita dalle linee 6 e 11 o alla fermata di Piazza Mazzini, servita dalle linee 7 e 11, e proseguendo verso il palazzo distante circa due minuti a piedi da ambedue.

Orari e tariffe

Le sale sono visitabili gratuitamente dal lunedì al sabato dalle 8:00 alle 19:00. La domenica la struttura è visitabile gratuitamente dalle 9:30 alle 12:30, mentre dalle 15:00 alle 19:00 e l’ingresso è a pagamento, il costo del biglietto in questo caso è di 2 euro.

Contatti

Indirizzo: Piazza Grande, 16 – primo piano – Modena – MO
Telefono: 059 2032644
Sito web: http://turismo.comune.modena.it/it