La città di Novara conserva ancora oggi la memoria della presenza dei romani, che la conquistarono nel 187 a.C., evidente nelle mura che circondavano la città e in alcuni palazzi come l’Istituto Santa Lucia e l’ex caserma dei vigili del fuoco.

Con il governo Sabaudo, Novara visse un’importante crescita economica e edilizia, ponendo le basi per un‘eccezionale espansione economica.

Restano evidenti in tutta la città, non solo le tracce romane, ma anche le influenze medioevali, come nelle belle Piazza Erbe e Piazza della Repubblica che conservano l’antico impianto medievale, proprio come molte delle vie ciottolate e i piccoli slarghi.

6fdccc919528c6f9fbfedf8695316814_paesaggio-notturno-piazza-novara
Piazza della Repubblica detta Piazza Duomo

Cosa vedere a Novara

Un’altra nota medievale in città la dona il Castello di Novara, attualmente oggetto di restauro e che ha una storia vecchia di almeno 2000 anni. La costruzione sorge sulla cinta muraria romana, occupandone esattamente l’angolo di sud-ovest. Sul muro di base di epoca romana si innalza la muratura del castello che conserva due ordini di merlature di diverso tipo a testimonianza delle diverse occupazioni medievali guelfe o ghibelline.

Sempre in pieno centro storico, sorge Piazza Matteotti su cui si affaccia uno degli edifici storici più interessanti della città: Palazzo Natta con la Torre dell’Orologio, della quale si hanno notizie risalenti al 1268.

Palazzo-Natta-Novara
Vista prospettica di Palazzo Natta

Tra gli edifici più interessanti da vedere nelle vicinanze di Palazzo Natta la villa di Pellegrino Pellegrini. Come in tutte le città, anche a Novara, il centro storico è il luogo più amato dai cittadini per fermarsi a godere delle ore di svago, per un buon caffè in un bar del corso o per un aperitivo prima di cena. Il cuore della città si trova all’incrocio tra Corso Mazzini e Corso Italia.

La piazza più grande di Novara è piazza Martiri della Libertà, dove potrete vedere la statua equestre intitolata a Vittorio Emanuele II, che fu incoronato re proprio a Novara. Sulla piazza si affacciano il Castello Visconteo-Sforzesco e il Teatro Coccia.

Piazza Martiri della Libertà è un punto di ritrovo per i novaresi, nella quale si allestiscono durante l’anno fiere e mercati stagionali.

7409438
Il monumento a Vittorio Emanuele II in Piazza Martiri della Libertà

Tra le architetture più interessanti in città la Cattedrale di Santa Maria Assunta. Si tratta di un’imponente struttura realizzata in stile neoclassico, costruita tra il 1863 e il 1869 sul luogo in cui in precedenza si trovava una chiesa romanica consacrata nel 1132. Accanto al duomo, sono ancora visibili il campanile ed il chiostro della canonica legati all’originaria chiesa. All’interno del duomo meritano di essere visti gli arazzi fiamminghi con scene della Vita di Salomone e lo Sposalizio di S. Caterina di Gaudenzio Ferrari.

8903754_x
Cattedrale di Santa Maria Assunta

Alla chiesa è collegato l’Oratorio di S. Siro con l’adiacente sagrestia, un edificio decorato da un importante ciclo di affreschi con le storie di San Siro.

Interessante anche il Broletto, che in età medioevale era il Palazzo del Comune e dove si svolgevano le assemblee e si amministrava la giustizia: è un edificio che sorge in centro a Novara, nelle vicinanze del duecentesco Palazzo del Comune, al Palazzo del Podestà e al Palazzo dei Paratici, che ospita oggi le sale del Museo Civico e della Galleria d’Arte moderna “Paolo e Adele Giannoni”.

Novara_Broletto
Il Broletto

Tra gli edifici religiosi, da vedere anche la basilica di San Gaudenzio che conserva al suo interno le spoglie del Santo, primo Vescovo di Novara. La basilica costituisce il maggiore luogo di culto cittadino ed è uno degli edifici più significativi, grazie alla sua grande cupola costruita nell’Ottocento dall’architetto Antonelli e che ricorda l‘altra famosissima opera dell’architetto: la Mole Antonelliana. Si tratta di un’ardita costruzione che spicca per ben 121 metri, visibile praticamente da ogni punto della città. All’interno della basilica da vedere il grandioso polittico del 1516, opera di Gaudenzio Ferrari.

Nei dintorni di Novara merita di essere vista complesso monumentale dell‘abbazia dei Santi Nazario e Celso nel comune di San Nazzaro. Si tratta di un bellissimo luogo ricco di atmosfera, particolare con la sua cinta muraria e le torrette angolari. Il complesso comprende l’alto campanile romanico, la chiesa in stile gotico e il bel chiostro in cui sono stati eseguiti gli affreschi con le storie di San Benedetto.

51675187
Abbazia dei Santi Nazario e Celso

Cosa fare a Novara

Se cercate qualcosa da fare in città, state tranquilli perché a Novara non mancano occasioni per fare festa a partire da gennaio con l’antica Sagra patronale di San Gaudenzio con le sue caratteristiche bancarelle. Da marzo a novembre si svolgono fiere che popolano il centro della città.

La più caratteristica sicuramente è quella legata alla festività di San Martino, in novembre, con molte bancarelle di abbigliamento, oggetti vari e prodotti tipici.

Il Mercatino dell’antiquariato è una realtà tradizionale che si svolge il primo sabato di ogni mese e coinvolge 35 espositori provenienti da tutto il Piemonte e dalla vicina Lombardia.

Cosa mangiare a Novara

Infine ci sentiamo in obbligo di ricordarvi che la bella Novara è conosciuta anche come la “Dolce terra”, appellativo legato non solo alla bellezza dei suoi paesaggi ma anche alla bontà dei suoi prodotti gastronomici. I prodotti più tipici di Novara sono il riso e il gorgonzola, che abbinati insieme danno vita ad un risotto esplosivo.

Nei ristoranti cittadini, se volete provare qualcosa di davvero tipico, potrete chiedere la “paniscia”, riso cotto in brodo vegetale con salsiccia e fagioli oppure un bel piatto di Gnocchi con il Gorgonzola.

paniscia

Per secondo è d’obbligo un bel tavoliere di salumi tipici come il fidighin, una mortadella di fegato di maiale ed il “salam dela duja” e per i più temerari un buon piatto di rane fritte.

Finite il vostro pranzo con un bel caffè e un buon gianduiotto, di meglio non potrete trovare.

SalamDlaDuja14-800
Salam dela duja

Come arrivare a Novara

In treno: Novara è servita anche dalle Ferrovie Nord Milano e dalla direttrice ferroviaria Milano – Torino.

In aereo: Gli aeroporti più vicini alla città sono i due milanesi, Malpensa  e Linate. Utilizzabile anche l’aeroporto Città di Torino a Caselle.