Il Palazzo Reale di Napoli, costruito nel Seicento da Domenico Fontana su commissione del vicerè Fernando Ruiz de Castro, con funzione di palazzo vicereale, è situato molto vicino al porto della città, questo perché i vicerè dovevano essere in grado di fuggire velocemente in caso di invasioni e attacchi nemici.

I lavori andarono a rilento soprattutto i primi anni, per poi sbloccarsi attorno al 1610-1620; nel 1734 il palazzo divenne dimora reale borbonica, e proprio a questo periodo di dominio di Carlo di Borbone – e successivamente di suo figlio Ferdinando IV di Borbone – si devono importanti aggiunte e ammodernamenti.

Se durante il Settecento furono edificati la parte verso il mare e il “braccio nuovo” – ovvero l’ala del palazzo che dà verso il Maschio Angioino e dal 1927 è la Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III -, l’Ottocento portò a Palazzo Reale decorazioni, sculture e arredamenti neoclassici, insieme ad una nuova “Ala delle feste”, una nuova facciata sul mare e gigantesche statue dei re di Napoli posizionate nelle nicchie esterne dell’edificio, volute da Umberto I nel 1888.

Palazzo Reale di Napoli
Il Palazzo Reale di Napoli

Descrizione

All’esterno, la facciata lunga ben 169 metri ha conservato quasi del tutto la struttura classicheggiante ed è decorata con gli stemmi reali e vicereali; archi e nicchie contenenti le statue dei capostipiti delle dinastie dei sovrani che hanno regnato sulla città si alternano, in un percorso che racconta la storia della successione dei vari sovrani di Napoli, le cui statue sono posizionate in ordine cronologico: Ruggero il Normanno, Federico II di Svevia, Carlo I d’Angiò, Alfonso V d’Aragona, Carlo V d’Asburgo, Carlo III di Spagna, Gioacchino Murat e Vittorio Emnuele II.

Entrati nel palazzo si ha accesso al Cortile d’Onore – dove è possibile ammirare la fontana con la statua della Fortuna – collegato, a sua volta, al Cortile delle carrozze, al Cortile del belvedere e al Giardino d’Italia; al primo piano dell’edificio, invece, si trovano gli splendidi giardini pensili da cui è possibile godere la splendida vista sul porto di Napoli e sul Vesuvio.

statua-carlo-angio-palazzo-reale-napoli
La statua di Carlo I d’Angiò

Proprio dal Giardino d’Onore si accede al Palazzo Reale attraverso il monumentale Scalone d’Onore in marmo bianco e rosa. Splendide statue di gesso rappresentanti la Fortezza, la Giustizia, la Clemenza e la Prudenza accompagnano il visitatore fino al grande Ambulacro, inondato dalla luce che entra dalle grandi vetrate ottocentesche.

Gli eleganti corridoi dalle decoratissime volte conducono alle sale del palazzo, in ognuna delle quali è praticamente impossibile non trovare un dipinto o una tela di qualche importante artista del periodo della Napoli borbonica. L’Appartamento Reale, adibito a museo dal 1919 con il nome di Appartamento Storico, conta 30 sale tutte visitabili, tra cui quella del Teatrino di corte, la Sala del Trono, il Salone degli Ambasciatori, lo Studio del Re, il Salone d’Ercole e la Cappella Reale.

ingresso-scalone-palazzo-reale-napoli
L’ingresso e lo scalone del Palazzo Reale

Come arrivare

A piedi

Uscendo dalla stazione ferroviaria Napoli Centrale dirigersi verso piazza Garibaldi e imboccare poi l’omonimo corso. Continuare su Corso Umberto I, alla rotonda prendere la seconda uscita per via Agostino Depretis e continuare su Piazza Municipio; percorsa la piazza svoltare a destra in via Vittorio Emanuele III e continuare su via San Carlo. Svoltare quindi a sinistra in Piazza Trieste e Trento, ancora a sinistra in Largo di Palazzo e giungere così al Palazzo Reale.

In autobus

Dal Piazza Garibaldi (a 5 minuti dalla stazione Napoli Centrale) prendere il bus R2 in direzione San Carlo-Galleria Umberto I e scendere al capolinea (distanza da percorrere: 9 fermate), Da qui camminare per un paio di minuti fino a raggiungere il Palazzo Reale. In alternativa prendere il bus n°151 sempre da Piazza Garibaldi in direzione Giulio Cesare-Tecchio, scendere alla fermata Acton (distanza da percorrere: 9 fermate) e raggiungere il Palazzo Reale con una breve camminata.

In auto

Dalla zona della stazione ferroviaria Napoli Centrale, è possibile raggiungere il Palazzo Reale in auto prendendo Corso Umberto I, poi via Cardinale Guglielmo Sanfelice infine via Medina in direzione di Piazza Trieste e Trento. In alternativa, imboccare via Gennaro Serra, proseguire su via Monte di Dio, poi su via Egiziaca a Pizzofalcone ed infine su via Gennaro Serra in direzione di Piazza Trieste e Trento.

Informazioni utili

Telefono: 081-580 8111
Orari: tutti i giorni 9-20, tranne mercoledì, il 1° gennaio, 25 aprile, 1 maggio e 25 dicembre
Prezzi: 4 € biglietto intero, 2 €
Indirizzo: Piazza del Plebiscito 1, 80132 Napoli