Il Palazzo Montecitorio, luogo in cui hanno sede le riunioni dell’Assemblea della Camera dei deputati, rientra a pieno titolo nell’elenco delle attrazioni della città di Roma, per la sua storia e pregio artistico oltre a rappresentare in modo chiaro la Camera.

Dunque, se volete visitare in modo completo la capitale italiana, oltre al Pantheon, ai Fori Imperiali, al Castel Sant’Angelo e le varie piazze di Roma, dovreste anche dedicare una giornata al tour dei Palazzi del Governo, ed in particolar modo Palazzo Montecitorio e il Palazzo Madama.

Storia del Palazzo Montecitorio

Il suggestivo palazzo che oggi possiamo ammirare è stato costruito per volontà del Papa Innocenzo X che ordinò la realizzazione di una dimora per la famiglia Ludovisi. Alla morte del Papa, però, la costruzione del Palazzo Montecitorio si fermò per oltre 30 anni a causa della mancanza di fondi. I lavori ripresero sotto Innocenzo XII, il quale però voleva destinare la struttura alla Curia apostolica.

In realtà, quello che ammiriamo oggi rispecchia ben poco il progetto berniniano, dal momento che il suo successore, l’architetto Carlo Fontana, lo modificò radicalmente aggiungendo alla facciata convessa un campanile a vela. Dovette però rinunciare alla realizzazione di un’unica grande piazza al posto delle due più piccole piazza Colonna e piazza Montecitorio, causa la mancanza di fondi.

Palazzo-montecitorio
L’Aula del Palazzo Montecitorio

Oltre ad aver ospitato i tribunali pontifici, al suo interno ebbero sede anche il Governatorato di Roma e la direzione di Polizia. Dopo l’unità d’Italia ed il trasferimento della capitale a Roma si cercarono luoghi idonei per ospitare i massimi organi del Governo Italiano e, dopo aver scartato il Campidoglio e palazzo Venezia, si individuò il Palazzo Montecitorio come sede ideale.

Ovviamente furono necessari lavori di restauro, affidati ad un ingegnere dei lavori pubblici, Paolo Comotto, che realizzò l’aula dell’Assemblea nel grande cortile del Palazzo Montecitorio. Tale soluzione si mostrò presto inadeguata e dopo il 1918 il Governo ordinò la costruzione di una nuova sede della Camera, affidando i lavori ad Ernesto Basile, che ci ha lasciato il capolavoro che ancora oggi possiamo ammirare.

Quando visitare Palazzo Montecitorio

La prima domenica di ogni mese si svolge la manifestazione Montecitorio a Porte Aperte, che permette ai cittadini di visitare in modo libero e senza prenotazione i luoghi più importanti del Palazzo Montecitorio, come l’Aula dell’Assemblea, il Corridoio dei passi perduti e le sale della Camera dei Deputati.

La visita, in genere, è coadiuvata dal personale addetto che illustrerà le principali tappe storiche e gli aspetti artistici del Palazzo Montecitorio. Inoltre, è possibile assistere anche alle sedute della Camera dei deputati seguendo le istruzioni riportate sul sito ufficiale della Camera.

Palazzo-montecitorio
L’esito di una votazione a Palazzo Montecitorio

Come raggiungere Palazzo Montecitorio

Il Palazzo Montecitorio si trova in Piazza Montecitorio  00186 – Roma ed è raggiungibile con la linea A della metropolitana, scendendo alla fermata Piazza di Spagna, o con una delle linee di autobus che si fermano a Piazza San Silvestro (52, 53, 61, 71, 80, 85, 160, 850) o largo Chigi (62, 63, 81, 116, 116T, 117, 119, 175, 492, 628, 630).

Palazzo-montecitorio
La fila per visitare il Palazzo Montecitorio

Contatti

Telefono: 800-012955
Sito Web: http://www.camera.it/