Nel sottosuolo di Napoli un’infinita rete di cavità scavate nel tufo custodisce spettacolari ambienti ed architetture greche e romane: è questa la Napoli sotterranea, un’incredibile complesso di cunicoli le cui primissime origini risalgono a circa 5000 anni fa. Nel III secolo a.C. fu la volta dei Greci, che scavarono il sottosuolo napoletano per raccogliere tufo che serviva alla costruzione dei loro splendidi templi e, contemporaneamente, crearono una serie di ipogei funerari che andavano via via prendendo il posto prima occupato dal tufo che era ormai stato estratto.

In epoca romana, lo sviluppo dell’immenso reticolato della Napoli sotterranea subì un’incredibile accelerata grazie ai lavori di costruzione degli acquedotti cittadini che, nel corso dei secoli, non vennero mai abbandonati, ma modificati, ampliati e riutilizzati. Solo agli inizi del XVI secolo, quando ormai non si riusciva più a soddisfare il fabbisogno idrico della città sfruttando le strutture già esistenti, venne costruito un altro acquedotto. I cunicoli e le cisterne della Napoli sotterranea vennero però abbandonati solo nel XX secolo, per essere comunque sfruttati come rifugi antiaerei durante i bombardamenti che colpirono la città durante il secondo conflitto mondiale.

napoli-sotterranea
I meravigliosi cunicoli della Napoli Sotterranea

Descrizione

Ancora oggi non si conosce l’intero complesso di cunicoli, cisterne e catacombe che occupano il sottosuolo di Napoli, ma grandi tratti di questa fitta rete di cavità sotterranee sono visitabili accompagnati da esperte guide. Dall’ingresso alla Napoli sotterranea di Piazza San Gaetano, nei pressi della Basilica di San Paolo Maggiore, è per esempio possibile avventurarsi in un percorso che permette al visitatore di viaggiare nel tempo, dalla Seconda Guerra Mondiale allo splendore dell’epoca romana che ci ha regalato il Teatro di Neapolis, punto d’arrivo di questo emozionante itinerario.

Un’altra incredibile parte della Napoli sotterranea è poi occupata dalle Catacombe di San Gennaro, antiche aree cimiteriali sotterranee risalenti al II secolo e sviluppatesi attorno alla tomba di un’antica famiglia romana. Questi ipogei funerari diventarono uno dei più importanti monumenti cristiani della città quando, agli inizi del ‘400, vi furono sistemate le spoglie di San Gennaro (poi nuovamente spostate); l’ingresso alle catacombe è attualmente collocato nei pressi della Chiesa dell’Incoronata, a Capodimonte.

Per conoscere tutte le altre attrazioni storiche e monumentali della città, potrete consultare la Guida di Napoli.

catacombe-san-gennaro-napoli-sotterranea
Le Catacombe di San Gennaro, una delle maggiori attrazioni della Napoli Sotterranea

Come arrivare

A piedi

L’ingresso della Napoli sotterranea è raggiungibile a piedi in circa 20 minuti dalla stazione centrale di Napoli. Attraversare Piazza Garibaldi e continuare su via Alessandro Poerio, svoltare a sinistra in Vico VII Duchesca e proseguire sullo stesso fino a via Francesco Saverio Siniscalchi. Continuare su via Siniscalchi, svoltare a destra in via Concezio Muzy , poi a sinistra in via del Tribunali e proseguire per 600 metri fino a raggiungere Piazza San Gaetano.

In autobus

Dalla stazione ferroviaria Napoli Centrale raggiungere Piazza Garibaldi e prendere l’autobus R2 verso San Carlo-Galleria Umberto I; scendere quindi alla fermata Umberto I-Denza (distanza da percorrere: 4 fermate) e proseguire a piedi per circa 600 metri fino all’ingresso della Napoli Sotterranea, in Piazza San Gaetano.

In metropolitana

Dalla stazione ferroviaria raggiungere Piazza Garibaldi e prendere la linea L1 verso Piscinola, scendere alla fermata ‘Dante’ (distanza da percorrere: 3 fermate) e da qui camminare fino in Piazza San Gaetano. In alternativa, da Piazza Garibaldi prendere la linea L2 fino a Pozzuoli e scendere alla prima fermata (‘Cavour’) per proseguire a piedi per circa 900 metri fino all’ingresso della Napoli sotterranea in Piazza San Gaetano.

In auto

Dalla zona della stazione Napoli Centrale prendere via Cesare Rosaroll, via Foria e Piazza Cavour in direzione Vico S. Aniello e Caponapoli; prendere quindi via del Sole in direzione via del Tribunali e raggiungere così Piazza San Gaetano.

Napoli-sotterranea
Una sala espositiva della Napoli Sotterranea

Orari

Le escursioni con la guida in italiano nella Napoli sotterranea partono tutti i giorni ogni ora dalle 10.00 alle 18.00; il giovedì, inoltre, è possibile effettuare un’escursione anche alle ore 21.00, ma solo su prenotazione per gruppi di minimo 5 persone. Le escursioni con guida in inglese, invece, partono ogni due ore, dalle 10.00 alle 18.00; anche in questo caso è possibile prenotare un’escursione alle 21.00 il giovedì.

Per i gruppi inferiori a 10 persone non è necessaria la prenotazione, a meno che non si voglia effettuare escursioni in orari diversi da quelli stabiliti o con guide in altre lingue, quando la prenotazione è obbligatoria. L’ingresso è segnalato da bandierine bianche e blu con la scritta “Napoli sotterranea”.

Contatti

Sito web: www.napolisotterranea.org
E-mail: info@napolisotterranea.org
Telefono: 081-296944
Indirizzo: Piazza San Gaetano 68, Napoli