Fu re Carlo Felice a dare vita al Museo Egizio nel 1824, dopo aver acquisito una collezione di ben 5628 reperti egizi riunita dal famoso collezionista d’arte Bernardino Drovetti.

Drovetti era il console generale di Francia durante l’occupazione d’Egitto: fu proprio durante tale periodo che collezionò l’enorme quantità di preziosissimi pezzi tra statue, sarcofaghi, mummie, papiri e oggetti vari.

La prima sede del museo si trovava presso il palazzo noto come “Collegio dei Nobili”, realizzato nel XVII secolo su progetto dell’architetto Michelangelo Garove e che nel XVIII secolo era diventato sede dell’Accademia delle Scienze.

Museo_Egizio_e_Galleria_sabauda_Torino
L’ingresso del Museo Egizio

Percorso del Museo Egizio

Il Museo Egizio si articola attraverso un percorso museale diviso in tre aree principali. Il percorso inizia dal Piano Ipogeo – L’arte e i Saperi degli antichi Egizi, attraversando il cortile del palazzo che porta alla grande hall dove potrete ammirare un’ampia esposizione di stele policrome molto diverse tra loro per tipologia e stile di esecuzione.

Il piano Ipogeo del Museo Egizio di Torino
Il piano Ipogeo del Museo Egizio di Torino

L’Ipogeo è un grande ambiente di circa 1000 mq in cui è possibile ammirare tantissimi oggetti di uso quotidiano e legati alla vita religiosa degli antichi egizi, un insieme di reperti che vuole sottolineare la varietà e la ricchezza tecnica ed artistica raggiunta da questo affascinante popolo.

Sul lato opposto della sala è situata la “Tomba di Ignoti”, mentre nella sala principale all’interno delle vetrine potrete vedere oggetti provenienti dal I Periodo Intermedio all’epoca romana. La visita continua salendo verso il primo piano nelle sale dedicate al Periodo Predinastico e alla Tomba di Kha.

Tomba di Kha nel Museo Egizio di Torino
Tomba di Kha nel Museo Egizio di Torino

Il Piano Terra è dedicato ai corredi funerari: le sale propongono una straordinaria sequenza di oggetti, tra cui vasi dipinti, tavolozze funerarie in forma animale e avori, il tutto preceduto dall’affascinante ricomposizione di una sepoltura.

Questi oggetti, provenienti dall’Antico Regno, sono fondamentali per comprendere la nascita di oggetti simbolo dell’arte e della cultura funeraria egizia, ovvero i sarcofagi e le “false porte” che permettevano il contatto tra la vita terrena e il mondo dei morti.

Qui potrete vedere la Tomba di Kha con i caratteristici modellini funerari e, nella grande sala, il nuovo allestimento della tomba dell’architetto Kha e Merit.

Kha e Merit, Museo Egizio, Torino
Kha e Merit, Museo Egizio, Torino

Sempre al piano terra vi attende lo spettacolo meraviglioso dello Statuario; un allestimento unico e molto suggestivo vi accompagnerà alla scoperta dei più importanti capolavori scultorei della civiltà egizia, come le statua di Iside di Coptos e quella del sacerdote astronomo Aanen, la famosissima statua giubilare di Ramesse II e il colosso di Sethy II.

Per concludere la vostra visita potrete ammirare lo splendido tempio di Ellesija, donato dal Governo Egiziano in segno di gratitudine per il lavoro svolto dagli italiani, all’epoca della costruzione della diga di Assuan.

Orari e prezzi

La visita del Museo Egizio di Torino è disponibile dal martedì a domenica, dalle 8:30 alle 19:30 (ultimo ingresso alle 18.30).

Le tariffe per la visita delle sale espositive del Museo Egizio sono le seguenti: Intero € 7,50; Ridotto € 3,50; per minori di 18 anni gratis.

Contatti

Telefono: 011 561 7776

Indirizzo: Accademia delle Scienze, 6 – Torino

Sito Web: http://www.museoegizio.it