Dopo aver deciso quale sarà la vostra meta turistica, vi consigliamo di prepararvi sempre un mini itinerario per poter vedere più cose possibili ed organizzare al meglio i vostri giorni di meritate vacanze.
Numerosissimi sono i monumenti di Lisbona e gli edifici da visitare quindi a maggior ragione molto utile sarà una mappa con segnati tutti i vari luoghi da non perdersi.

Piazza del Commercio – Arco Trionfale

Partendo dal centro della città portoghese sicuramente imperdibile è la Piazza del Commercio dove nasce tutta Lisbona: essa è infatti sita nella Baixa, quartiere più importante della capitale del Portogallo, dove al centro si innalza una statua che rappresenta Re Josè I. La statua, che raffigura il monarca a cavallo, è fatta di bronzo e misura 200×180 metri. Per poter addentrarsi nel cuore della città dovrete superare l’Arco Trionfale, che vi consentirà di accedere a Rua Augusta, principale via di Lisbona dove sorgono i più raffinati ristoranti e i più importanti negozi di moda.

Piazza del Commercio, entrata del centro di Lisbona
Piazza del Commercio, entrata del centro di Lisbona

Elevador de Santa Justa

Andando per gradi, e proseguendo per Rua Augusta dopo aver visto Piazza del Commercio, si arriva all’Elevador de Santa Justa. Esso viene utilizzato dai turisti e dai portoghesi per poter raggiungere il Chiado: funziona quindi come una sorta di ascensore che, grazie ai suoi 32 metri di viaggio, collega la Baixa con un altro quartiere della città. Ideato e creato nel 1800 da Mesnier de Ponsard, nel 1997 venne dichiarato monumento nazionale per la sua grande importanza. Si narra inoltre che a costruirlo fu anche Eiffel. L’orario di apertura va dalle 9 alle 21 per i giorni feriali, mentre nei giorni festivi la chiusura viene posticipata alle 23.

Elevador de Santa Justa
Elevador de Santa Justa

Il Castello di San Giorgio

Superando il Chiado e approdando nel quartiere dell’Alfama vi scontrerete con una delle più belle costruzioni fatte nell’antica storia di Lisbona: si tratta del Castello di San Giorgio, il quale durante gli anni ha più volte cambiato funzione e soprattutto è stato ricostruito a causa dei vari terremoti che l’avevano danneggiato. Dalla più alta collina della città potrete vedere tutta Lisbona espandersi sotto di voi nonché sorseggiare un buonissimi aperitivo con tanto di tramonto. All’interno del Castello numerose sono le aree da visitare: vi basterà connettervi al sito ufficiale per avere maggiori informazioni o altrimenti cliccare qui.

Il Castello visto dal quartiere della Baixa
Il Castello visto dal quartiere della Baixa

La Torre di Belèm

Ritornando nella parte più pianeggiante della città tramite uno dei tanti mezzi di trasporto a disposizione, scoverete una delle parti più belle di Lisbona. Si tratta del quartiere di Belèm dove sorgono i monumenti più spettacolari della capitale portoghese. Per prima parliamo ovviamente della Torre di Belèm: essa venne fatta costruire da Re Manuel I dopo la scoperta delle Indie fatta da Vasco da Gama. Si narra infatti che il posto in cui sorge la torre sia lo stesso da cui salparono le barche alla ricerca delle Indie. Per darvi un’idea dell’importanza di tale monumento da molti anni da parte del Patrimonio dell’Umanità. Una delle cose più belle che vi consigliamo di fare è quella di salire in cima sul terrazzo dove potrete godere di una vista favolosa sul mare.

Torre di Belem
Torre di Belem

Monastero dos Jeronimos

Altro monumento costruito per ricordare Vasco da Gama e le sue fantastiche scoperte è il Monastero dos Jeronimos: precedentemente nello stesso punto in cui ora sorge il Monastero vi era la chiesetta Ermida do Restelo, luogo dove Vasca da Gama pregò prima di partire per la scoperta delle Indie. Non a casa all’interno di esso si trovano la tomba del navigatore, quella del poeta Luìs de Camões e dello scrittore Fernando Pessoa.

Monasteiro dos Jeronimos
Monasteiro dos Jeronimos

Monumento delle scoperte

Proseguendo nel quartiere di Belèm vi imbatterete in una delle più fantastiche opere costruite in quegli anni: si tratta del “Padrão dos Descobrimentos” tradotto Monumento delle Scoperte. Esso venne eretto per celebrare i 500 anni dalla morte di Enrico il Navigatore e per ricordare tutti i navigatori che hanno lasciato un segno importante nel corso della storia. Costruita interamente in pietra bianca, la caravella raffigura gli scudi portoghesi e i vari navigatori: da fotografare sicuramente la rosa dei venti che tocca i 50 centimetri di diametro dove potrete leggere tutte le rotte compiute dai vari viaggiatori che hanno fatto qualche scoperta importante.

Monumento delle Scoperte
Monumento delle Scoperte

Jardim do Ultramar e Jardim botanico da Ajuda

Dopo aver visitato tutti questi bellissimi monumenti vi consigliamo di fare un giro al Jardim do Ultramar e a quello botanico da Ajuda: il primo è un parco verde costruito nei primi anni del ‘900 per poter effettuare alcune ricerche. Da qui nacque l’idea di dedicare questo parco principalmente agli alberi rari delle regioni tropicali e subtropicali, i quali sono quasi in via di estinzione. Per quanto riguarda il secondo invece esso è un parco dove sono state piantate alcune tipologie di piante provenienti da tre continenti diversi, su volontà di Re Josè I.

Parque das Nações

Reso noto in occasione del’Expo 98, il parco delle Nazioni è il quartiere che si trova nella zona più ad est di Lisbona: all’interno vi potete trovare numerosi monumenti importanti ed anche edifici di nuova costruzione. Stiamo parlando del centro commerciale, del complesso fieristico usato per eventi di grande importanza, degli alberghi e dei casinò.

Tornando ai monumenti troviamo la Torre Vasco da Gama, la quale è una torre alta 145 metri, costruita in acciaio che rappresenta la vela di una caravella. In cima vi è uno dei ristoranti più famosi del posto dove potrete mangiare con una vista mozzafiato sul fiume Tago e sull’intera città.

Parco delle Nazioni
Parco delle Nazioni

Sempre all’interno del Parque das Nações potrete far visita all’Oceanário di Lisbona: esso è un acquario completamente dedicato agli oceani dove sono presenti tutte le specie che vi vivono. Progettato da Peter Chermayeff è costato circa 60 milioni di dollari ma ad oggi è uno sei più grandi al mondo.

Oceanário
Oceanário

Altro pezzo di storia di Lisbona è sicuramente il ponte Vasco da Gama, il quale collega Montijo e Sacavèm. Esso è stato inaugurato il 4 aprile 1998 e misura 17,2 chilometri, grazie ai quali è il ponte più lungo d’Europa. Ideato e creato per poter smaltire il traffico del Ponte 25 aprile, è stato uno dei capolavori di Lisbona.

Il Ponte Vasco de Gama illuminato di notte
Il Ponte Vasco da Gama illuminato di notte

Il Parco delle Nazioni contiene anche il famosissimo Pavilhão do Conhecimento, e cioè il Padiglione della conoscenza, struttura che é stata creata per progettare un percorso dedicato alla scienza ed alla conoscenza. All’interno di esso sarà possibile fare i conti con tutte le leggi della fisica, sia per i bambini che per gli adulti.

Prima di lasciare Lisbona vi consigliamo di fare un giro sulla Teleferica che vi consentirà di vedere la città dall’alto.