Data e durata:
September 201828 giorni
Tipologia di vacanza:
Arte e Cultura
Persone:
1
Costo a persona:
300€
Mezzi di trasporto:
Aereo, Treno, Pullman
Tappa 1

La magnifica capitale andalusa

Tra le tante esperienze che ho potuto vivere durante gli anni delle scuole superiori, c’è anche la mia esperienza di stage nella città di Siviglia. Ho trascorso un mese assieme ad altri 10 colleghi studenti nello splendido capoluogo dell’Andalusia. Alloggiavamo presso famiglie autoctone e dividevamo la giornata tra lavoro e tempo libero. Non voglio concentrarmi però sull’aspetto tecnico dell’esperienza, bensì su ciò che essa mi ha lasciato e soprattutto sulla bellezza dei luoghi che ho avuto l’opportunità di vedere.

Ho soggiornato in un quartiere della città di Siviglia che si trovava a 5 minuti a piedi dalla stazione del treno Sevilla-Santa Justa e a circa 20 minuti a piedi dal centro storico della città, nonché sede del mio lavoro.

La città di Siviglia è fornita da un efficiente servizio di trasporti pubblici e anche i taxi sono quasi sempre facilmente reperibili (e nemmeno troppo costosi!).

La quantità di musei e luoghi di interesse che la città offre è impressionante: Torre de Oro, Giralda, Plaza de España, las Setas deSevilla… Solo per citare i più celebri!

Las Setas de Sevilla, una delle più importanti e famose attrazioni di Siviglia

Un’altra chicca è il Parque de María Luisa, il celebre parco che funge da polmone verde della città. All’interno di esso si possono trovare ponticelli, piccole cascate e tantissimi patii, nonché bar e giochi per i più piccoli.

Un posto speciale, che ritengo un po’ come un tesoro nascosto, si trova all’ultimo piano del Corte Inglés: si tratta di una terrazza appartenente ad un bar della parte ristorazione dell’edificio. Da qui si può ammirare la città con una diversa prospettiva: assolutamente da non perdere al tramonto, sorseggiando magari una bevanda ghiacciata!

Bellissimo tramonto durante un viaggio in autobus

Da non perdere, inoltre, il Barrio Judío e il Barrio de Triana, due quartieri molto diversi che hanno segnato particolarmente la storia della città e dell’intera regione.

La città di Siviglia ha inoltre un’università molto importante all’interno del panorama accademico spagnolo: oltre ad offrire ottimi insegnamenti, la sede de la Universidad de Sevilla è famosa per essere stata precedente un’importante fabbrica di tabacco. Attualmente è anche aperta al pubblico per le visite o semplicemente per leggere un libro in biblioteca.

Le persone sono super amichevoli e socializzano davvero con moltissima facilità, rendendo il soggiorno più piacevole e lasciandoti sempre con un sorriso sul volto.

Tappa 2

La città bianca nel colore andaluso

Durante il soggiorno a Siviglia, i miei amici ed io decidiamo di avventurarci alla volta di Cádiz (Cadice), soprannominata la città bianca della regione dell’Andalusia: la maggior parte delle case sono infatti dipinte di bianco, in modo da impedire che il calore del sole (che d’estate azzarda a raggiungere i 50°) riscaldi troppo in fretta l’interno delle abitazioni. 

Cádiz è una città sul mare, non è molto grande e dista poco meno di 2 ore di treno dal Capoluogo di regione (Siviglia appunto).

La piazzetta del mercato di Cádiz

Una delle spiagge più famose (e più piccole) della cittadina è Playa la Caleta: si trova circa al centro della città ed è isolata dalle altre spiagge.

Playa la Caleta, una delle più famose spiagge di Cádiz

Nelle vicinanze della playa è possibile gustare dal pesce fritto al più tipico piatto spagnolo: la paella!

La Torre Tavira è uno dei più interessanti musei di Cádiz, nonché una delle 126 torri presenti nella città. Al suo interno si trova la conosciuta Cámara Oscura, una serie di lenti e specchi che, giocando con la luce e la prospettiva, mostrano una particolare visione della baia di Cádiz.

Cádiz, la città bianca tra i colori dell’Andalusia

La città non essendo grandissima è visitabile in uno o due giorni, pieni di divertimento e, si spera, sole!

Cosa mi è piaciuto

Questo viaggio per me è stata un’esperienza speciale e che ripeterei anche subito! La città di Siviglia è quella che più ho apprezzato di tutti (è anche quella che meglio sono riuscita a visitare): è unica nel suo genere, con moltissima storia, cultura e tradizione che si respirano anche solo passeggiando tra le strade della magnifica capitale andalusa. Le persone sono sempre state super gentili e ho avuto una costante sensazione di sicurezza girando e visitando.

Cosa non mi è piaciuto

Ciò che non mi è piaciuto è sicuramente una minima parte rispetto a tutto ciò che invece ho pienamente apprezzato. Purtroppo ho alloggiato presso una famiglia autoctona, la quale non è stata esattamente sinonimo di cordialità e disponibilità. Un’altra pecca di questo viaggio è stata la sua durata: troppo corto!

Sara Gagliardi

I consigli di Sara Gagliardi

Consiglierei a chiunque, se ne si ha la possibilità, di intraprendere un viaggio del genere e soprattutto in questa particolare e meravigliosa regione della Spagna. Se si è interessati a visitare dei musei, consiglio vivamente di informarsi per tempo sui costi dei biglietti: ci sono giorni alla settimana in cui le entrate vengono scontate di una somma considerevole! Una tip che mi sento di dare da avventuriera, è quella di non fermarsi a visitare solo il cuore della città: ogni singolo vicolo ha dettagli unici… Sarebbe un peccato perderseli!

Voto al viaggio
Lo consiglierei? Si