Data e durata:
March 20174 giorni
Tipologia di vacanza:
Arte e Cultura
Alloggio:
Hotel
Persone:
3
Costo a persona:
400€
Mezzi di trasporto:
Aereo

Bucarest, Brasov e Bran

Era da tempo che pensavo di visitare la Romania, onestamente sono partito pieno di pregiudizi, credevo ci fossero delle strade sporchissime e che non ci fosse molto da vedere. Mi sono dovuto ricredere non appena ho messo piede nell’aeroporto Otopeni. Ho visto una città pulitissima e una grandissima cordialità delle persone rumene. Ho visitato come prima cosa il Palazzo del Parlamento che è veramente imponente, infatti è secondo solo al Pentagono, e poi è lussuosissimo.

Palatul Camerei Deputaților

Subito dopo sono passato al Palatul Patriarhiei che è il centro della religione ortodossa in Romania.
Se decidete di visitare la Romania passate anche a dare un’occhiata al villaggio di legno Dimitrie Gusti, che troverete dentro il Parco Herăstrău, dove c’è anche una lapide commemorativa in onore di Michael Jackson, apposta là dopo la sua prematura scomparsa.

Dimitrie Gusti village museum

Bucarest è anche piena di deliziosi ristoranti e locali, dove potrete assaggiare i piatti tipici della cucina rumena, con costi veramente bassi. Io sono stato a mangiare al Caru cu Bere dove vengono organizzati spettacoli di danza o musicali, ma anche al Hanul lui manuc, locale antichissimo e molto raffinato.

Prima di andare via sono andato a Curtea Veche, antica residenza del conte Vlad III, meglio conosciuto come il conte Dracula.

Curtea Veche

Cosa mi è piaciuto

Mi è piaciuta molto la pulizia della città e la cucina tipica rumena, veramente ottima; la città è molto economica quindi è possibile sbizzarrirsi nello shopping. Mi è piaciuta molto anche la grande cordialità dei rumeni che, al contrario di quello che si crede in Italia, sono una popolazione molto calorosa.

Cosa non mi è piaciuto

Non mi sono piaciuti affatto i cocktail, li ho trovati molto, anzi troppo leggeri. Non mi sono trovato benissimo con i mezzi di trasporto, infatti si viaggia velocemente solo in taxi; i tassisti però, se sentono che siete stranieri, aumentano i prezzi. Per quanto riguarda la cucina avrei preferito ci fossero più piatti vegetariani.

Antonio Amadeo

I consigli di Antonio Amadeo

Consiglio veramente a tutti questo viaggio, e consiglio sempre di prendere un hotel vicinissimo al centro in modo tale da non dover prendere molti taxi, anche se non sono poi così tanto costosi. Oltre ai due locali che ho menzionato sopra nel mio riassunto del viaggio, consiglio anche Exalibur, vi farà tornare indietro al periodo di Lancillotto.

Voto al viaggio
Lo consiglierei? Si