Assicurazione viaggio: cos’è, a cosa serve e costi

Quante volte, alla domanda che ci siamo (o ci hanno) posti della necessità o meno di una assicurazione viaggio ci siamo risposti: e perché mai? Anzi, i più scaramantici avranno anche pensato che, in fondo, partire con queste prospettive possa anche portare un po’ di sfortuna!

Sia che si sia viaggiatori abituali, sia che si sia dei viaggiatori occasionali, comunque, nella maggior parte dei casi la risposta è sempre la stessa: è inutile, diventa solo una spesa in più. Effettivamente, nonostante oggi il viaggiare sia sempre più economico e facile, a nessuno piace spendere soldi extra per una assicurazione di viaggio che difficilmente ci servirà; ma, proprio per ovviare a questa tendenza, oggi le assicurazioni di viaggio sono sempre più accessibili e flessibili, così da invogliare il viaggiatore a stipularla. Vediamo, nel dettaglio, di cosa si tratta.

Assicurazione viaggio: cosa sapere

Oggi, le assicurazioni per il vostro viaggio possono anche essere stipulate per pochi giorni (così come per un anno, per i viaggiatori abituali), così come possono coprire tutti gli aspetti del viaggio o solo alcuni. La domanda che dovremmo porci, per riallacciarci al discorso accennato nell’introduzione, non è “perché fare un’assicurazione viaggio?”, quanto piuttosto “e se qualcosa andasse storto?“.

Se non volete avere spiacevoli conseguenze dagli imprevisti della vostra vacanza, allora una assicurazione di viaggio è quello che vi serve

Una piccola spesa extra, infatti, può farci viaggiare più sicuri, assicurandoci (in maniera letterale, a questo punto!) che se non potremmo più partire, oppure se veniamo derubati, o se per caso dovessero smarrire il nostro bagaglio (solo per citare i casi più frequenti), non resteremmo con le mani in mano a disperarci per il destino avverso!

Stipulando una polizza assicurativa, infatti, ad esempio per il rimborso del biglietto o del soggiorno, o per gli infortuni e le malattie, oppure ancora per i nostri bagagli, capiremmo il vero valore di quei pochi soldi extra, avendo poi un risarcimento per la copertura assicurativa. L’idea di base è che, quando partiamo, dobbiamo pensare proprio a tutto, anche alla eventualità che la nostra vacanza non vada per il verso giusto!

I vari tipi di assicurazione viaggio

Come abbiamo accennato in precedenza, le assicurazioni viaggio sono sempre più flessibili e ‘spacchettate’, per venire incontro alle esigenze dei viaggiatori, che spesso vogliono coprire soltanto una (o comunque non tutte) delle eventualità possibili durante il proprio viaggio.

La polizza annullamento viaggio copre le casistiche generale in cui si ha la necessità di annullare il proprio viaggio

Una delle più comuni è la polizza annullamento viaggio. Se, ad esempio, per un motivo qualsiasi non si può più partire che si fa? Senza assicurazione viaggio, ve lo diciamo noi, si perdono tutti i soldi. Molto spesso, infatti, il nostro viaggio e soprattutto il soggiorno vanno pagati in anticipo, e nel caso non sia più possibile partire (per una eventualità non imputabile a noi) si ottiene il rimborso di quanto pagato.

Ricordatevi, però, che alcune compagnie assicurative rimborsano solo se si è prenotata la vacanza tramite un’agenzia di viaggi organizzata, e non in maniera autonoma. Altro appunto: tenete sotto controllo qual è il tempo massimo che deve passare tra la stipula dell’assicurazione e la partenza; se oltrepassa quel limite, infatti, non vi sarà comunque diritto ad un rimborso.

Bagagli smarriti, rubati o distrutti? In questo caso con la polizza per i bagagli risolvereste i vostri problemi, almeno da un punto di vista economico. Tra l’altro, questo tipo di assicurazione coprirebbe anche la casistica in cui perderemmo il nostro bagaglio prima dell’arrivo! Tendenzialmente è la polizza più stipulata in un’assicurazione di viaggio, e spesso è inclusa in essa, ma controllatene bene i dettagli, così da essere sicuri che si tratti di una offerta vantaggiosa e che copra tutte le casistiche che vi possono capitare.

assicurazione viaggio
Se doveste avere bisogno di un ricovero durante la vostra vacanza, con la polizza sanitaria le spese sarebbero tutte a carico della compagnia assicurativa

Un’altra copertura molto importante è la polizza sanitaria. Essa, infatti, copre tutte le spese sanitarie che potremmo dover sostenere in caso di ricoveri ospedalieri, prestazioni sanitarie o operazioni chirurgiche. Il nostro consiglio è di farla soprattutto se andate in un Paese extra UE, visto che in Europa la nostra tessera sanitaria già copre gran parte delle prestazioni. Al di fuori dell’UE, infatti, sono molti i Paesi che richiedono un esborso di grandi somme di denaro già solo per il ricovero e, senza polizza sanitaria, sarebbero tutte a carico nostro.

Controllate anche qui i dettagli, come ad esempio se dovete anticipare voi i soldi e vi rimborseranno in seguito oppure se le spese mediche saranno pagate direttamente dall’assicurazione. Secondo la nostra esperienza, comunque, una buona polizza sanitaria dovrebbe coprire le spese per un eventuale trasporto d’urgenza in ospedale, il pagamento degli eventuali trattamenti sanitari e anche le spese per il rimpatrio in Italia.

Altra importante tipologia di assicurazione di viaggio è la polizza danni, che di solito copre danni sia a cose che a persone: senza di essa, questi sarebbero tutti a carico nostro. Con una polizza per la responsabilità civile, ad esempio, i danni derivanti dalle nostre azioni sarebbero coperti dall’assicurazione. Se proprio volete il top della polizza danni, allora cercatene una che copra anche eventuali spese legali.

La polizza per il volo copre i casi in cui il volo venga cancellato: qui, la stipula di una polizza o vi rimborsa il volo o vi paga un volo equivalente

Chiudiamo, infine, con le polizze per il volo: queste, di solito, coprono sia l’annullamento del viaggio all’ultimo minuto che una nostra eventuale defezione dell’ultimo momento. In situazioni come queste, senza assicurazione possiamo fare ben poco, mentre con l’assicurazione di viaggio siamo sicuri che la situazione migliorerebbe: grazie ad essa, potrete ottenere ad esempio un rimborso per il volo mancato o una soluzione alternativa con altre compagnie, tra le varie possibilità.

Assicurazione viaggio: altre info utili

Ricordiamoci che, sempre più, le compagnie di assicurazione sono fatte su misura per le esigenze dei viaggiatori. Per cui, ad esempio, potremmo variare il lasso di tempo della sua copertura (un anno, per fare un esempio, se siamo perennemente in viaggio), o comunque possibilità sempre più flessibili per ognuno di noi.

Già dal nome dei vari ‘pacchetti’ si intravedono queste possibilità: viaggio singolo, assicurazione annuale, viaggi per studenti, viaggi per famiglie, solo per citare gli esempi più frequenti. Insomma, come avete visto questo tipo di assicurazioni copre casistiche non molto lontane dalla realtà: è proprio per questo che farle non rappresenterebbe certo uno spreco di denaro!