Il Parco Nazionale di Yellowstone (Yellowstone National Park) è un famoso parco nazionale statunitense, situato a Nord-Ovest dello Stato del Wyoming e sconfinante negli Stati di Montana ed Idaho. Si tratta del cuore stesso dell’ecosistema di Yellowstone, uno dei maggiori ecosistemi della zona temperata della Terra, ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCO nel 1978. Il Parco di Yellowstone è diviso in cinque regioni, e comprende un’ampia zona delle cosiddette Montagne Rocciose, una delle catene montuose più vaste dell’intero pianeta.

Cenni storici

Le zone comprendenti l’attuale Parco di Yellowstone sono state abitate inizialmente dagli aborigeni americani circa 11.000 anni fa, ma è solo nel 1871 che iniziò la storia vera e propria del parco attuale, grazie soprattutto a Ferdinand Vandeveer Hayden. Vandeveer Hayden, all’epoca ex professore di mineralogia all’Università della Pennsylvania, condusse proprio in quell’anno una seconda spedizione nelle regioni dell’odierno Parco di Yellowstone (undici anni dopo il fallimento della prima), forte anche del sostegno del Governo. Il materiale raccolto dallo studioso, corredato dalle fotografie di William Henry Jackson, convinsero il presidente Ulysses Simpson Grant a dichiarare la zona Parco Nazionale il 1° Marzo 1872.

Il Parco di Yellowstone cominciò a fiorire grazie soprattutto al lavoro di Philetus Norris e Harry Yount. Norris fu secondo supervisore del parco (dopo il licenziamento di Nathaniel Langford nel 1877), il quale iniziò a ricevere dal Congresso statunitense i primi fondi per ampliare gli ingressi, costruire sentieri ed erigere alcune strutture utili al mantenimento della zona; ad Yunt invece viene accreditato il titolo di primo ranger del parco (1880), e lo Younts Peak, situato proprio alla sorgente del Fiume Yellowstone, porta ancora oggi il suo nome. Nel 1880 la Northern Pacific Railroad costruì una stazione ferroviaria a Livingston, Montana, collegata all’ingresso più a Nord del parco.

Parco di Yellowstone
Benvenuti al Parco di Yellowstone, uno dei più spettacolari ed affascinanti parchi naturali della Terra

Nel decennio successivo, i nativi americani furono cacciati dal territorio del Parco di Yellowstone, con la promessa comunque di poter continuare ad usare le foreste della zona come territorio di caccia (un accordo poi mai effettivamente mantenuto dal governo statunitense). Il bracconaggio ed il vandalismo crearono seri problemi durante gli ultimi anni del XIX secolo, al punto che nel 1886 venne mobilitato l’esercito americano, che stabilì una base a Mammoth Hot Springs, chiamata Camp Sheridan. Nei 22 anni successivi vennero erette un gran numero di strutture permanenti dagli stessi membri delle forze armate statunitensi, e Camp Sheridan prese il nome di Forte Yellowstone.

Le strutture del parco vennero ulteriormente ampliate tra il 1933 ed il 1942 dai membri dei Civilian Conservation Corps, che si occuparono anche della riforestazione dell’area, dell’allestimento dei campeggi e di ridurre il rischio di incendi. Grazie al nuovo boom di visite, venne lanciata negli anni ’50 la “Mission 66”, una grande opera di rimodernizzazione delle strutture del parco. Nel 1959, Yellowstone venne sconvolto da forti scosse di terremoto magnitudo 7,5 (scala Richter), mentre nel 1988 il parco venne devastato dalla più devastante serie di incendi della sua storia, che interessarono un’area di 321,272 ettari (il 36% della superficie totale del parco).

Il 26 Ottobre 1976 Yellowstone venne classificato “Riserva Internazionale della Biosfera“, mentre l’8 Settembre 1978 divenne Patrimonio dell’Umanità UNESCO.

Cosa vedere

Il Parco di Yellowstone si estende per 8.983 chilometri quadrati, e poggia su nove altopiani di origine vulcanica con un’altitudine media di circa 2.400 metri sopra il livello del mare, compresi nell’enorme Altopiano di Yellowstone. Il 96% della sua superficie totale è compresa nello Stato del Wyoming, mentre le aree rimanenti sono divise tra Montana (3%) ed Idaho (1%). Il 5% del suo territorio è coperto da distese acquatiche, tra le quali spicca il Lago di Yellowstone, profondo fino a 117 metri e comprendente 176 chilometri di coste; proprio qui sfocia il fiume Yellowstone, che dà il nome al parco stesso, e che lo attraversa interamente da Nord a Sud. L’80% della sua area è invece ricoperta da foreste. La strada principale del parco è invece chiamata Grand Loop, ha la forma di un otto ed è lunga circa 228 chilometri.

Parco di Yellowstone
L’Altopiano di Yellowstone venne creato da tre cicli di eruzioni vulcaniche, l’ultimo dei quali è datato 630.000 anni fa

Il punto più elevato dell’intero parco è Eagle Peak, che raggiunge i 3.462 metri, mentre il più basso, Reese Creek, si ferma a 1.610 metri sopra il livello del mare. L’intero Parco di Yellowstone è suddiviso in cinque regioni:

Mammoth Country: famosa area termale della zona di Mammoth Hot Springs, a Nord-Ovest del parco. Qui l’acqua calda, unita al biossido di carbonio, ha formato grandi quantità di acido carbonico che ha disciolto le rocce calcaree della zona, creando una visione mozzafiato di terrazze di travertino caratterizzate dalla presenza di alghe colorate. Tra i percorsi più gettonati della Mammoth Country vi sono l’Upper Terrace Drive (2,5 chilometri, da affrontare in automobile) ed il Lower Terrace Trail (leggermente più corto, da fare a piedi vista anche la presenza di passerelle di legno). Da citare anche la Cleopatra Terrace, con le sue meravigliose sculture naturali di roccia calcarea dalle tonalità giallo-aranciognole. In ultima, qui sorge il Museo dei Ranger, dedicato alla storia dei guardiani del parco.

Roosevelt Country: situata nella zona centro-orientale, si tratta di una delle aree più selvagge del Parco di Yellowstone, nella quale si possono avvistare in grandi quantità cervi e mandrie di bisonti ed ascoltare i coyote ululare di notte; qui si trova inoltre un antico sentiero indiano. Si tratta dell’area del parco che si è mantenuta più fedele agli storici paesaggi del cosiddetto “Vecchio West”. Un suggerimento: ogni anno nel Parco di Yellowstone vengono ferite più persone dai bufali che dagli orsi. Per questo, il regolamento del parco vieta di avvicinarsi a più di 25 yards (22,8 metri) da questi massicci bovini.

Geyeser Country: questa è probabilmente l’area più famosa del parco, ed è divisa in tre sezioni distinte: l’Upper Geyser Basin, il Midway Geyser Basin ed il Lower Geyser Basin. La prima zona è molto ben fornita in materia di alberghi, ed è certamente la più turistica. All’interno del Geyser Country si possono trovare attrazioni come la Crested Pool, costantemente in ebollizione ed il Castle Geyser, un geyser millenario che erutta ciclicamente ogni 13 ore e mezzo. Particolarmente suggestivi sono anche il Grand Geyser, il Sawmill Geyser ed il Chromatic Pool, una spettacolare hot spring che offre a chi la osserva un meraviglioso tripudio di colori: si va dal verde acceso del centro all’oro, all’arancione, fino al marrone scuro dei bordi.

L’attrazione più famosa dell’area rimane comunque l’Old Faithful, probabilmente il geyser più famoso al mondo, nonché il primo in tutto il parco a ricevere un nome. L’Old Faithful erutta ad intervalli di 65-92 minuti, e spara getti d’acqua fino a 55 metri.

Parco di Yellowstone
L’Old Faithful, il geyser più famoso dell’intero pianeta

Canyon Country: qui si trovano numerose fumarole, nonché stagni di fango acido (mug pots) e verdi praterie attraversate dalle placide acque del fiume Yellowstone. Il nome a quest’area è dovuto alla presenza del Grand Canyon di Yellowstone, ed i punti più suggestivi sono l’Artist Point e le due cascate: la Lower Falls (alta 94 metri, quasi il doppio rispetto a quelle del Niagara) e la Upper Falls.

Lake Country: quest’area comprende il Lago di Yellowstone, che occupa un antico cratere vulcanico e risulta spesso ghiacciato anche durante la stagione estiva, vista l’altitudine (2357 metri sopra il livello del mare). Oltre al fantastico lago, da queste parti troviamo il West Thumb Geyser Bacin, conosciuto per i suoi colori spettacolari, ed alcuni geyser situati proprio sotto la riva del lago come il Lakeshore Geyser, il Fishing Cone (sul quale un tempo i pescatori cucinavano le trote appena pescate) ed il Big Cone. Da citare anche la Abyss Pool, una sorgente i cui colori variano dal turchese allo smeraldo, profonda 16 metri ed inattiva dal 1991, e la Black Pool, che a causa dell’aumento della temperatura dell’acqua nel 1991 si presenta oggi di uno splendido colore azzurro cristallino.

Parco di Yellowstone
Il Big Cone emerge dal Lago di Yellowstone, il più grande lago al di sopra dei 2.100 metri d’altitudine di tutto il Nord America

Come arrivare

Il Parco di Yellowstone è dotato di 5 ingressi, dei quali 2 dislocati nel Wyoming, e 3 nel Montana. Ecco come raggiungere ognuno di essi:

West Entrance: vi si arriva mediante la US-20, ed è aperta da metà Aprile a metà Novembre (l’ingresso da metà Dicembre a metà Marzo è consentito unicamente ai veicoli attrezzati per lo spostamento sulla neve). Da questo ingresso si accede a Geyser Country;

South Entrance: vi si accede attraverso il Grand Teton Park, ed è aperta da metà Maggio ai primi di Novembre (l’ingresso da metà Dicembre a metà Marzo è consentito unicamente ai veicoli attrezzati per lo spostamento sulla neve);

East Entrance: l’ingresso migliore per arrivare al Lago di Yellowstone, situato in prossimità della città di Cody. Aperto da metà Maggio ai primi di Novembre (l’ingresso da metà Dicembre ai primi di Marzo è consentito unicamente ai veicoli attrezzati per lo spostamento sulla neve);

North-East Entrance: qui si accede nelle vicinanze del Grand Canyon di Yellowstone, la città più vicina è Cooke City.

North Entrance: si tratta dell’unico ingresso che rimane aperto tutto l’anno, ed è situato nei pressi della città di Gardiner.

Si può arrivare al Parco di Yellowstone anche in autobus da Bozeman (servizio disponibile tutto l’anno), dall’Idaho (servizio limitato ai mesi estivi), da Cody (servizio limitato ai mesi estivi) e da Jackson (servizio limitato ai mesi estivi). Per raggiungere il parco in aereo, gli aeroporti più vicini sono quelli di Cody, Jackson, Bozeman, Billings ed Idaho Falls.

Parco di Yellowstone
La Abyss Pool, una delle hot springs più suggestive del parco

Orari e tariffe

Il Parco di Yellowstone è aperto tutto l’anno, sebbene alcune strade possano rimanere chiuse durante il periodo invernale. Per maggiori informazioni, fare riferimento al sito ufficiale dell’US National Park Service.

Il prezzo del biglietto è di 25 dollari per l’ingresso in automobile, 20 dollari per l’ingresso in moto e 12 dollari per ogni visitatore sopra i 16 anni che vi acceda senza mezzi motorizzati. Il biglietto è valido per 7 giorni, e comprende l’accesso al Grand Teton National Park. I visitatori al di sotto dei 15 anni possono accedere al Parco di Yellowstone gratuitamente.

Contatti

Indirizzo (postale): Yellowstone National Park PO Box 168 WY, 82190-0168
Telefono: 307 344 7381
Sito web: http://www.nps.gov/yell/index.htm