Atlanta è la capitale, nonché la città più popolosa, dello stato americano della Georgia. Pur essendo il capoluogo della contea di Fulton County, la città si estende anche per una piccola parte verso est nella contea di DeKalb County.

Fondata nel 1837 nel punto di intersezione di due linee ferroviarie, Atlanta ha subito uno sviluppo vertiginoso in seguito al termine della guerra civile, diventando un centro di primaria importanza per il commercio nazionale degli Stati Uniti.

Nei decenni successivi alla nascita del ​​movimento per i diritti civili – periodo durante il quale la capitale georgiana si è guadagnata il soprannome di città too busy to hate, che significa “troppo occupata per odiare”, grazie alle idee progressiste dei suoi cittadini e leader -, Atlanta ha velocemente raggiunto livelli di fama internazionale altissimi.

Prima che accadesse tutto ciò, però, la zona in cui ora sorge Atlanta era abitata dalle popolazioni indigene dei Creek e dei Cherokee, i quali si videro costretti a cedere l’area nel 1821; l’anno seguente cominciarono ad arrivare sul territorio i primi coloni europei, i quali continuarono per circa altri tre anni con la rimozione sistematica dei nativi americani dalla parte settentrionale della Georgia, “opera” che era iniziata già oltre 20 anni prima, nel 1802.

Atlanta è oggi divisa in 242 quartieri ufficiali; tra questi sono tre quelli principali attorno ai quali si sviluppa il resto della vasta area metropolitana: Downtown, Midtown e Buckhead, che formano un asse nord-sud situato lungo Peachtree Street, il viale principale di tutta la città. Lo skyline della capitale georgiana, con i suoi inconfondibili grattacieli, è caratterizzato anche da edifici costruiti utilizzando elementi classici, risultato dei modelli architettonici postmoderni adottati da Atlanta a partire dalla seconda metà degli anni Ottanta per la costruzione dei nuovi edifici che caratterizzano ancora oggi il suo paesaggio urbano.

Guida di Atlanta
Panorama di Atlanta

Cosa vedere

Ecco a voi alcune delle attrazioni imperdibili che la città di Atlanta offre ai milioni di turisti che ogni anno vi si recano in visita!

National Center for Civil and Human Rights

Il National Center for Civil and Human Rights è un museo dedicato alla storia e ai successi ottenuti dal movimento per i diritti civili negli Stati Uniti, il più ampio movimento di difesa dei diritti umani di tutto il mondo. Situato nel centro di Atlanta, il centro è nato dall’idea di Evelyn Lowery – moglie di Joseph Lowery – e Juanita Abernathy – vedova di Ralph David Abernathy – insieme con l’ex sindaco di Atlanta Andrew Young, i quali facevano parte del movimento che combatteva per la concessione dei diritti civili agli afroamericani negli anni Sessanta.

A causa della mancanza di fondi sufficienti per la sua fondazione, il National Center for Civil and Human Rights è stato fondato solo nel 2007, dopo che il progetto era stato approvato due anni prima; i lavori di costruzione del museo sono invece iniziati nel 2010, e l’apertura al pubblico è stata finalmente possibile il 27 giugno del 2012. Il centro ospita oggi una serie di mostre, permanenti e temporanee, che non solo raccontano la storia del movimento per i diritti civili negli Stati Uniti, ma spiegano anche come il movimento sia stato di fondamentale importanza per la lotta in favore dei diritti umani anche in tutto il resto del mondo.

Le mostre permanenti ospitate all’interno del museo sono tre: Voice to the Voiceless: 

  • The Morehouse College Martin Luther King, Jr. Collection, una collezione di effetti personali appartenuti al grande Martin Luther King che fa ripercorrere al visitatore la vita dell’uomo, dalla giovinezza al suo assassinio;
  • Rolls Down Like Water: The American Civil Rights Movement, una galleria suddivisa in più sezioni, ciascuna contrassegnata da un evento significativo nel movimento per i diritti civili;
  • Spark of Conviction: The Global Human Rights Movement una galleria incentrata sulle figure di famosi dittatori, come Adolf Hitler e August Pinochet, le quali vengono messe a confronto con le figure di importanti attivisti moderni che combattono ogni giorno per i diritti delle donne e delle persone LGBT in tutto il mondo.
national-center-civil-human-rights-atlanta
L’edificio del National Center for Civil and Human Rights di Atlanta

Georgia State Capitol

Il Georgia State Capitol è uno degli edifici più importanti di Atlanta sia dal punto di vista architettonico che da quello storico. Nominato monumento storico nazionale e quotato nel Registro Nazionale dei luoghi storici, il Georgia State Capitol di Atlanta è il principale edificio governativo dello stato americano della Georgia e ospita al suo interno gli uffici del governatore, quelli del segretario di Stato, la grande sala riunioni in cui si riunisce l’Assemblea Generale e diverse gallerie visitabili.

Progettato – come del resto molti altri campidogli degli Stati Uniti – ispirandosi allo stile architettonico classico del Washington State Capitol -, l’edificio di Atlanta è stato completato nel 1889, e presenta una  facciata caratterizzata da un portico di quattro piani sormontato da un timpano in pietra, il tutto sostenuto da sei colonne corinzie impostate su grandi pilastri, anch’essi di pietra.

Originariamente costruita in terracotta ricoperta di stagno, la grande cupola venne dorata con foglie d’oro provenienti da Dahlonega, in Lumpkin County – sede della prima grande corsa all’oro negli anni Trenta dell’Ottocento – durante il restauro del 1958. All’interno dell’edificio è ospitato anche il Georgia State Capitol Museum, aperto nel 1889 e sede d’esposizione di diverse collezioni incentrate sulla storia naturale e culturale della Georgia.

Guida di Atlanta
Georgia State Capitol ad Atlanta

Centennial Olympic Park

Il Centennial Olympic Park di Atlanta è un parco pubblico di 85.000 metri quadrati costruito dall’Atlanta Committee for the Olympic Games come parte dei miglioramenti delle infrastrutture cittadine messo in atto nel 1996, in occasione del centenario delle Olimpiadi estive.

Il parco, che ospita ogni anno milioni di visitatori provenienti da tutto il mondo, sorge su una zona in precedenza occupata da una serie di magazzini e di edifici industriali per lo più abbandonati ed è stato concepito come postazione centrale di ritrovo per i visitatori e per gli spettatori durante le Olimpiadi, con la possibilità di essere successivamente utilizzato per ospitare concerti, festival ed eventi di vario genere. Il Centennial Olympic Park  è circondato da molti dei principali luoghi d’interesse di Atlanta, tra i quali spiccano il Georgia World Congress Center, il CNN Center, il Georgia Aquarium, il National Civil and Human Rights Museum e il World of Coca-Cola.

Uno degli elementi maggiormente simbolici presenti all’interno del parco è sicuramente la Fountain of Rings, la “fontana degli anelli”, i cui spruzzi d’acqua vengono illuminati con luci colorate che si accendono al ritmo della musica che esce dagli altoparlanti che la circondano; tutt’intorno alla fontana sventolano le bandiere che rappresentano i Paesi che hanno ospitato le Olimpiadi estive precedenti a quelle del 1996, affiancate dalle otto torri di luce, alte ognuna 20 metri.

Altra attrattiva del Centennial Olympic Park è la SkyView Atlanta, una ruota panoramica alta 61 metri che permette ai visitatori di godere di una spettacolare vista dall’alto del parco e di tutta l’area circostante.

Guida di Atlanta
Centennial Olympic Park ad Atlanta

High Museum of Art

L’High Museum of Art di Atlanta è uno dei principali musei dell’area sudorientale degli Stati Uniti, nonché uno dei musei d’arte più visitati del Paese; fondato nel 1905 col nome di Atlanta Art Association, il museo è stato trasferito nella sua sede attuale negli anni Ottanta.

I lavori di costruzione dell’edificio che attualmente ospita l’High Museum of Art di Atlanta, infatti, iniziarono nel 1980 e furono portati a termine nel 1983; l’anno seguente, il progetto per la costruzione del museo – realizzato dall’architetto Richard Meier – vinse il Premio Pritzker per l’architettura.

Attualmente l’esposizione permanente presente all’interno del museo comprende più di di 11.000 opere d’arte, tra le quali sono incluse opere di artisti statunitensi del XIX e del XX secolo, opere di grandi artisti europei, capolavori dell’arte decorativa, opere d’arte moderna e contemporanea e, per finire, lavori di grandi fotografi famosi a livello mondiale.

Tra gli artisti più famosi le cui opere sono esposte nelle sale dell’High Museum of Art troviamo Giovanni Bellini, Albrecht Dürer, Giovan Battista Tiepolo, Antoine-Louis Barye, Claude Monet, Camille Pissarro, Jean-Baptiste Camille Corot, Henri de Toulouse-Lautrec, Martin Johnson Heade, Dorothea Lange, Clarence John Laughlin e Chuck Close.

Guida di Atlanta
High Museum of Art ad Atlanta