San Vito e Salina: per Legambiente, tra le spiagge più belle

Per la sesta volta di seguito San Vito Lo Capo, splendida località balneare nel trapanese, ha conquistato il riconoscimento di 5 vele dato da Legambiente. L’ambito riconoscimento la fa entrare di diritto nella Guida Blu, rinnovata nella grafica e nei contenuti, che descrive e pubblicizza le più belle località costiere italiane che svolgono un turismo ecosostenibile, nel pieno rispetto dell’ambiente. Quest’anno le 5 vele sono state assegnate anche all’isola di Salina, risultata prima in classifica tra le isole minori. Infatti, il 5° posto è toccato a Favignana che ha avuto 4 vele, 8° e 9° posto a Lampedusa e isola di Leni, nel Messinese. La località di San Vito si è invece classificata al quinto posto a livello nazionale con grande soddisfazione del sindaco Matteo Rizzo, che dichiara vincente la scelta di dedicare cura alle coste e all’ambiente.

“La scelta della spiaggia libera coi servizi a monte e poi la zona attrezzata per i diversamente abili, il piano del traffico: tutti impegni che per il Comune rappresentano un investimento in termini di ritorno turistico”: sono queste le parole del sindaco, che si dimostra orgoglioso della presenza di San Vito sulla Guida redatta da Legambiente insieme a Touring Club Italiano, che ha anche aggiunto informazioni sul territorio, sui comuni limitrofi  e su 35 comprensori turistici. Ma la novità di quest’anno è stata l’assegnazione delle vele all’isola di Salina, che ha riempito di felicità il suo sindaco Massimo Lo Schiavo, che ha detto “È la gratificazione di una serie di azioni messe in campo – spiega – raccolta differenziata, una particolare attenzione al Piano Regolatore Generale e la limitazione imposta sulla cementificazione di una zona che si affaccia al porto”.

La sua battaglia per impedire la realizzazione di un lido nella frazione di Lingua, è stata premiata, grazie alla collaborazione di Legambiente e dei funzionari dell’Arpa-Sezione Parchi e Riserve. La cura dell’ambiente è stata ben accolta dai comuni di San Vito Lo Capo e Santa Marina di Salina, che adesso lottano per preservare le zone naturali regalando spazi inediti ai turisti, incontaminati e per questo molto apprezzati. Sono queste infatti le priorità per aumentare il turisomo di qualità, e la Guida Blu indica proprio ai primi posti coloro che hanno avuto cura e rispetto per l’ambiente.