Il fascino e il romanticismo dell'isola vulcanica di Santorini

Qualche anno fa sono stato in vacanza per una settimana nella fantastica ed eterna isola vulcanica di Santorini.

La superficie è ridotta e permette con un mezzo di piccole dimensioni di girarla interamente in un paio di ore. Dal punto di vista turistico offre diverse tipologie di attrazioni, partendo dai resti della città, passando per le feste tradizionali greche, per arrivare all’intensa e variegata vita notturna.

Di certo a Santorini non si va per cercare un mare cristallino o delle spiagge bianche, nè per passare serate tra discoteche e pub.

La si può visitare nel corso di tutto l’anno anche se i voli dall’Italia si concentrano nel periodo estivo. Qualora si volesse girarla in altre stagioni è consigliato lo scalo ad Atene per poi cambiare aereo imbarcandosi su voli nazionali interni. Munitevi di ottime macchine digitali con funzione notturna perchè il fascino dell’isola è sia diurno, con panorami mozzafiato e colori sgargianti, sia notturno, con le varie cittadine arroccate che si colorano di migliaia di colori, è stupendo.

Immancabile anche durante i soggiorni brevi è all’appuntamento con il Sunset, ovvero il tramonto più romantico e indimenticabile al mondo, con il sole che scende sull’orizzonte e sparisce dietro il mare Egeo. Personalmente posso consigliarvi di soggiornare per tre giorni che permettono, affittando a prezzi modici uno scooter o eventualmente un quad, di girare l’isola e percorrere ampiamente le stradine ripide e panoramiche dell’isola. Sconsiglio vivamente la macchina per la mancanza di parcheggi e gli spazi ristretti dove poter parcheggiare il mezzo.

Nella zona più alta dell’isola c’è la possibilità, a prezzi modici, di visitare la città vecchia, dove in un paio di ore si riescono a visitare le rovine, dove sono ancora ben conservati bassorilievi, teatro e tanto altro. La sera consiglio vivamente di visitare il capoluogo dell’isola, Thira, cittadina molto viva e contornata di decine di ristoranti, bar, negozi di oreficeria e prodotti tipici o i vari paesini dove con qualche decina di euro si riescono a degustare le prelibatezze a base di pesce pescate nel mare Egeo.

Il fascino e il romanticismo dell'isola vulcanica di Santorini

Santorini è famosa anche per i prodotti tipici, tra i quali sono da provare assolutamente i vini, provenienti da vigne atipiche, poste sul terreno senza capanne e di forma circolare, il liquore di Santorini, le zuppe e i dolci tipici dell’isola.

Tre le spiagge da non perdere: consiglio vivamente la Red Rock, spiaggia rocciosa caratterizzata da rocce rosse vulcaniche e Kamari, spiaggia con un lungomare caratteristico e colmo di ristorantini.

Santorini è sicuramente la tappa più romantica per una coppia e probabilmente poco adatta a gruppi di amici che cercano divertimento. Buon viaggio a tutti.