Soprannominata la Manchester italiana per via della sua grande importanza industriale, Terni è un comune italiano di poco più di 100 mila abitanti. Da quando nel XIX secolo vennero costituite le acciaierie è diventato infatti il centro dell’economia umbra nonché italiana: per questo duranta la Seconda guerra mondiale venne bombardata dagli Alleati.

Oggi il capoluogo di provincia è una città totalmente rinnovata nella quale non mancano punti di attrazione turistica culturali, archeologici e naturalistici.

Guida-di-Terni
Un panorama di Terni

Cenni storici

Sulle rive del fiume Serra e Nera, Terni è la città giusta per coloro che in un viaggio cercano non solo monumenti ma anche paesaggi verdi per rilassarsi. Abitata sin dall’età del bronzo, venne conquistata dai romani e poi dai longobardi.

Nell’anno 1000 divenne un libero comune per poi passare sotto il dominio papale. Annessa al Regno d’Italia nel 1860 vide l’inizio del suo sviluppo industriale che la portò ad essere quello che ancora oggi rappresenta.

Quando visitarla? La città gode di un clima temperato delle medie latitudini con estati calde e inverni freddi: il periodo migliore per organizzare una vacanza qui è quello primaverile ed autunnale, evitando i mesi di novembre e aprile che sono invece i più piovosi.

Guida-di-Terni
Palazzo Bazzani, sede della Provincia di Terni

Cosa visitare

Uno dei monumenti da visitare a Terni è sicuramente il Palazzo Spada, oggi sede dell’amministrazione comunale. In Piazza Europa, nel pieno centro storico della città, è facilmente raggiungibile a piedi o in auto, lasciando la macchina in uno dei parcheggi limitrofi che si trovano in Piazza Tacito, in Piazza Dante, nel viale della Stazione o in Piazza Dalmazia.

Costruito tra il 1555 ed il 1576 è oggi riconoscibile per la sua imponente facciata rinascimentale. Simbolo della città, merita una visita soprattutto per i suoi interni che ospitano affreschi dal Cinquecento in poi. L’attuale aula consiliare, la cosiddetta Sala di Fetonte, è decorata ad esempio con affreschi di Karel van Mander e dei suoi collaboratori mentre in altre stanze potete ammirare affreschi di Sebastiano Flori, un allievo del Vasari.

Guida-di-Terni
Palazzo Spada

Una seconda tappa del tour alla scoperta di Terni non può non essere dedicata alla Basilica di San Valentino, il patrono degli innamorati. Costruita sui resti di un cimitero pagano nel IV secolo, questa chiesa venne poi distrutta dai Goti e ricostruita: quello che si vede ancora oggi è dovuto ai lavori del XVII secolo.

Le reliquie del santo patrono della città vennero trasferite qui nel 1625 mentre l’altare maggiore risale al 1632. L’interno della basilica è ad una navata e ospita diverse cappelle laterali: i resti del santo si trovano nel Coro. La facciata esterna è invece seicentesca. Se siete a Terni a febbraio potrete approfittare delle tante manifestazioni che vengono qui organizzate in memoria di San Valentino.

Guida-di-Terni
La Basilica di San Valentino a Terni

Per godere della città il consiglio che vi diamo è quello di passeggiare per le strade del centro. Percorrete allora Corso Vecchio, Corso Tacito, Via Cavour e Via Roma e potrete scoprire dove si svolge la vita a Terni tra shopping e non solo. In Piazza Tacito ad esempio potrete vedere l’architettura del Ventennio e la Fontana costruita nel 1932 su progetto degli architetti Fagiolo e Ridolfi.

Alla fine di Corso del Popolo potrete, invece, ammirare un’opera di Arnaldo Pomodoro, l’obelisco “Lancia di luce” che rappresenta il progresso tecnologico ed un ammonimento verso lo stesso. Se siete invece amanti della natura non perdete un salto fuori città alla scoperta della meravigliosa Cascata delle Marmore, tra le più alte in Europa.

Guida-di-Terni
La suggestiva Cascata delle Marmore

Soggiornare

L’Umbria è una delle regioni italiane più belle e offre ai turisti una vasta scelta di attrazioni. Se desiderate organizzare una vacanza qui non avrete allora problemi nel trovare diverse opzioni di soggiorno.

A Terni potete ad esempio scegliere tra B&B, hotel e tanto altro. Cliccate sul sito Booking.com e scegliete la soluzione più adatta a voi in base al luogo e al budget. Se preferite dormire in mezzo alla natura potete anche scegliere di dormire fuori città, in uno degli agriturismi della zona.

Guida-di-Terni
Una stanza dell’Hotel de Paris a Terni

Enogastronomia

Cosa mangiare a Terni? Partiamo dal pane senza sale, ancora oggi cotto nei forni a legna e riconoscibile per il suo ottimo profumo. Come antipasto consigliamo una semplice bruschetta con l’ottimo olio umbro per poi continuare con un primo piatto tipico: le Ciriole alla ternana. Sono una sorta di spaghetti di farina e acqua conditi con un semplice sugo di pomodoro, olio, aglio, peperoncino e prezzemolo.

Come secondo potete continuare con la caratteristica carne alla brace e per concludere, se siete qui durante il periodo natalizio, assaggiate il Pampepato, un dolce tipico dal sapore inconfondibile.

Guida-di-Terni
Il tipico Pampepato di Terni

Vita notturna

Terni è un capoluogo di provincia davvero vivace. Se siete in vacanza qui non sarà difficile trovare qualche locale dove trascorrere la serata e anche chi ama ballare potrà scegliere tra molte discoteche.

Se volete segnare in agenda qualche nome date un’occhiata qui. Se invece preferite eventi diversi, durante l’anno si svolgono in città molte manifestazioni; tra le più famose ci sono sicuramente quelle legate a San Valentino ma non mancano festival di musica e non solo durante l’estate.

Guida-di-Terni
La vita notturna a Terni

Come arrivare

Potete raggiungere Terni in auto. Chi arriva da nord può percorrere l’Autostada del Sole A1, uscire a Valdichiana, continuare sul raccordo autostradale Bettole – Perugia e poi sulla Superstrada E45 Perugia – Terni. Chi parte da sud deve invece uscire al casello di Orte e poi prendere il raccordo autostradale Orte – Terni.

Una volta in città potete chiedere informazioni turistiche presso il Servizio Turistico Territoriale del Ternano STT-IAT in via Cassian Bon, 4. Il numero da chiamare invece è lo 0744 423047.