Gerusalemme è una delle più antiche città al mondo nonché città santa per le tre grandi religioni monoteiste, ovvero ebraismo, cristianesimo e islam. Si trova su un altopiano che separa la costa orientale del Mediterraneo dal Mar Morto. A est si trova la città di Tel Aviv e a sud di Ramallah, a ovest di Gerico e a nord di Betlemme.

La città si divide in due: una parte più recente ed una più antica, la città Vecchia. Le sue mura sono considerate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO e al suo interno sono raccolte le più importanti strutture religiose per i cristiani, gli ebrei e gli islamici. Nel corso della sua storia la città è stata distrutta e ricostruita due volte e assediata e conquistata almeno una decina di volte.

Nel 1967 è stata occupata dallo stato di Israele e nel 1980 il parlamento israeliano approvò la cosiddetta legge fondamentale ritenuta nulla e priva di validità dall’ONU. A livello geografico la città si estende per una superficie di 125 kmq e si trova a circa 760 metri sul livello del mare.

La città è nota per essere stato il luogo di morte di Gesù Cristo sotto il governo di Ponzio Pilato. Oggi ci sono molti problemi legati alla rivendicazione continua del territorio da parte delle grandi potenze Israeliane e Palestinesi.

Gerusalemme è la capitale di Israele e vanta una storia magnifica alle sue spalle
Gerusalemme è la capitale di Israele e vanta una storia magnifica alle sue spalle

Cosa vedere

La città di Gerusalemme è una culla di arte e civiltà. Oltre ad essere uno dei posti più simbolici per la religione cattolica, è anche un luogo sacro per ebrei e islamici. Ecco quali sono le principali attrazioni.

Yad Vashem

Questo museo è stato costruito per ricordare i grandi massacri che il popolo ebreo ha dovuto sopportare lungo la sua storia, con particolare riferimento al periodo della seconda guerra mondiale. Il museo propone molte foto e alcune bellissime opere che sono simbolo di questo memoriale.

Tunnel di Ezechia

Questo tunnel è molto importante per la storia della città. Infatti questo luogo è stato ricavato durante i vari assedi che sono stati compiuti nei confronti di Gerusalemme, al fine di poter garantire acqua fresca al popolo. Si tratta, quindi, di una sorta di acquedotto che veniva usato però come passaggio, in quanto collegava il centro della città con un’oasi poco fuori dalle antiche mura cittadine.

Muro del Pianto

Il Muro del Pianto è il simbolo della spiritualità odierna. Si narra che questo muro sia quello che è rimasto dell’antico tempio del re Salomone, e che la preghiera in questo luogo porti ad una spiritualità maggiore rispetto ad una preghiera solitaria. Per la religione islamica questo è il luogo in cui il profeta Maometto arrivò sul dorso del suo cavallo alato e lo legò al ridosso di questo muro, rendendo questo posto molto sacro.

Il muro del pianto è uno dei luoghi più incredibili della città dove le tre grandi religioni si fondono
Il muro del pianto è uno dei luoghi più incredibili della città dove le tre grandi religioni si fondono

Bet Guvrin-Maresha National Park

Il Bat Guvrin-Maresha è un grande parco nazionale che racchiude al suo interno le antiche rovine della città di Maresha. Al suo interno, è possibile visitare tombe non solo ebree ma anche di origine islamica e di tradizione cattolica. Vi sono anche i resti di una grandissima chiesa che è stata costruita in occasione delle Crociate del XII secolo.

Monte degli Ulivi

Questo luogo, che si trova poco fuori dalla città Vecchia, racchiude uno dei momenti più importanti della spiritualità cattolica, in quanto secondo le sacre scritture fu il luogo in cui il Cristo fu colto dall’Agonia prima del tradimento infertogli da Giuda e l’arresto. Per la tradizione ebraica questo luogo è il posto dove riposano alcuni dei suoi più importanti rabbini e sovrani antichi.

Basilica del Santo Sepolcro

La basilica del Santo Sepolcro è il luogo dove si sostiene che il Cristo sia stato sepolto e poi sia risorto. Oltre a questo si identifica una zona della chiesa come il luogo della crocifissione. La chiesa esternamente si presenta molto semplice, richiamando quello che era lo stile romanico unito a quello bizantino, internamente le decorazioni sono totalmente di ordine bizantino e sono di grandissimo pregio.

Cupola della Roccia

La cupola della Roccia è conosciuta anche come la moschea della roccia, e si presume sorga nel luogo in cui una volta era ubicato il primo tempio della città. La sua cupola dorata è inconfondibile ed è il simbolo di questa città che rende possibile la sua vista da ogni angolo. Questa moschea si trova dopo il Muro del Pianto e al suo interno è custodita una parte di una Roccia che è considerata sacra da parte di tutte e tre le grandi religioni monoteiste.

Scorcio di Gerusalemme
Scorcio di Gerusalemme