Anchorage è una città e porto navale dell’Alaska, negli Stati Uniti. Con i suoi poco più di 300 mila abitanti, Anchorage è la città più popolosa dello Stato – oltre il 40% della popolazione dell’Alaska risiede all’interno dell’area metropolitana -, nonché il suo più grande nucleo urbano.

Anchorage è situata nella parte centromeridionale dell’Alaska, in corrispondenza della Baia di Cook, sulla piccola penisola che separa le due appendici in cui si biforca il Cook Inlet, il Kink Arm a nord e il Turnagain Arm a sud; i confini della città si estendono per quasi 2000 chilometri quadrati su un’area che comprende il nucleo urbano vero e proprio, una base militare congiunta, diverse comunità periferiche e quasi tutta l’area occupata dallo Chugach State Park.

Nominata per quattro volte All-America City dalla National Civic League, Anchorage è nata dagli accampamenti di coloni che si sono insediati sul territorio a partire dal 1914, in occasione dell’inizio dei lavori di costruzione del porto-ferrovia per l’Alaska Engineering Commission (fino a due anni prima il territorio era di proprietà della Russia!).

Quando, nel 1968, la compagnia petrolifera americana ARCO trovò i primi giacimenti di petrolio dell’Alaska, Anchorage iniziò un nuovo periodo di incredibile sviluppo economico basato sull’industria petrolifera, ancora oggi principale risorsa del territorio.

Guida di Anchorage
Una spiaggia di Anchorage

Cosa vedere

Ecco a voi alcuni luoghi in cui vi consigliamo di far tappa durante il vostro soggiorno ad Anchorage!

Anchorage Museum

L’Anchorage Museum è situato presso il Rasmuson Center di Anchorage, nel centro della città, ed è nato per celebrare il 100° anniversario dell’acquisto dell’Alaska da parte degli Stati Uniti. Il museo, che occupava inizialmente una superficie di 930 metri quadrati, è stato inaugurato nel 1968 con l’esposizione di 60 dipinti e di una collezione di 2500 oggetti storici e etnografici.

Da allora l’Anchorage Museum è stato ampliato tre volte, l’ultima delle quali nel 2010, quando ha raggiunto una superficie di 16.000 metri quadrati e 25.000 oggetti e 500.000 fotografie storiche sono entrati a far parte delle collezioni esposte al suo interno. Nel 1992, il museo è diventato la sede per il Smithsonian NMNH Arctic Studies Center in Alaska, centro che sostiene la missione del museo attraverso la ricerca, l’educazione e numerose mostre.

Il museo di Anchorage presenta ogni anno al pubblico dalle 16 alle 20 mostre temporanee, accompagnate da programmi e attività di formazione ai quali partecipano un gran numero di studenti e adulti. Oltre alle esposizioni temporanee, l’Anchorage Museum propone ai suoi visitatori alcune gallerie dedicate esclusivamente alla sua collezione permanente, con un focus sulla storia dell’Alaska, sull’arte del Nord e sull’etnografia.

anchorage-museum
L’edificio dell’Anchorage Museum

Alaska Center for the Performing Arts

L’Alaska Center for the Performing Arts si trova nel cuore della città di Anchorage ed ospita ogni anno più di 200.000 visitatori. Inaugurato nel 1988, il centro è composto da tre sale:

  • l’Evangeline Atwood Concert Hall, una sala con duemila posti a sedere, progettata per gli spettacoli dell’Opera, di musica popolare, sinfonica e da camera, ma anche per quelli di danza e per i musical di Broadway,
  • il Discovery Theater, sala dotata di 700 posti a sedere e riservata agli spettacoli teatrali, all’Opera su scala ridotta, alla danza, al cinema e alle presentazioni musicali;
  • il Sydney Laurence Theater, molto più piccolo delle altre due sale, con 340 posti a sedere e adatto per le esibizioni teatrali, le proiezioni cinematografiche e gli spettacoli di musica da camera.

Presso le tre strutture dell’Alaska Center for the Performing Arts si esibiscono spesso le realtà locali dell’Anchorage Symphony Orchestra, l’Anchorage Opera, la Dance Theatre Alaska, l’Alaska Junior Theater, l’Anchorage Concert Association e l’Anchorage Concert Chorus.

discovery-theater-anchorage
Il Discovery Theater, una delle tre sale dell’Alaska Center for the Performing Arts

Kincaid Park

Kincaid Park è un parco comunale di Anchorage che si estende su una superficie di 6,1382 chilometri quadrati, su un’area che è delimitata a sud dal Turnagain Arm, a ovest dal Knik Arm e a nord dal Ted Stevens Anchorage International Airport. Famoso soprattutto per le sue splendide piste da sci nordico, nei mesi in cui non c’è neve il parco è frequentato da ciclisti, escursionisti, istruttori cinofili, amanti del motocross, dei pattini a rotelle e del tiro con l’arco.

Il Kincaid Park è stato creato nel 1978 ed è stato successivamente ampliato per includere la postazione di un ex sito missilistico ormai in disuso; sempre più visitato da turisti e residenti, il parco è in costante ampliamento e in continua evoluzione. Nel 2009, ad esempio, è stata completata la costruzione di un campo da golf a 18 buche che si snoda attraverso l’area boscosa Mize, mentre l’anno seguente sono stati aperti diversi campi da calcio nei pressi dello chalet del parco.

Il Kincaid Park offre ai suoi visitatori scorci spettacolari di Cook Inlet, di Fire Island con le sue turbine eoliche e del Monte Susitna, e nelle giornate più limpide dalle colline del parco è possibile vedere anche il Monte McKinley; il piccolo Campbell Lake, inoltre, offre la possibilità di trascorrere una giornata all’insegna della pesca sul ghiaccio, avvolti da un’atmosfera più unica che rara.

Caratterizzato per la maggior parte da foreste di betulle, pioppi e abeti rossi, Kincaid Park è un vero e proprio paradiso anche per la fauna selvaggia che lo popola, costituita da alci, linci, orsi, volpi, aquile, istrici, gufi e molti altri splendidi animali.

kincaid-anchorage
La suggestiva spiaggia di Kincaid

Alaska Botanical Garden

L’Alaska Botanical Garden è un giardino botanico di Anchorage che ricopre un’area di 44,5 ettari ed è stato inaugurato nel 1993. Il terreno su cui è stato costruito il giardino è naturalmente ricoperto principalmente da foreste di betulle ed abeti, ma ospita oggi moltissime varietà di erbe, piante alpine – oltre 350 specie – e più di 1.100 specie di piante perenni, delle quali sono circa 150 quelle native dell’Alaska.

I visitatori dell’Alaska Botanical Garden di Anchorage possono percorrere la splendida passeggiata tra i fiori selvatici che crescono spontaneamente sul territorio (la Wildflower Trail) e il Lowenfels Family Nature Trail, un percorso di quasi 2 chilometri pensato appositamente per le famiglie e per i piccoli visitatori del parco.

All’interno dell’area – frequentata spesso anche da alci e orsi che vi vagano in libertà – i giardini da visitare sono ben cinque: il Lilie’s Garden con i suoi alberi da frutto, le sue peonie e le sue primule; il Lower Perennial Garden, coloratissimo grazie a papaveri blu dell’Himalaya, peonie e rose; l’Herb Garden, costruito nel 1996 e paradiso per gli amanti delle erbe aromatiche e officinali stagionali e perenni, tra le quali spiccano alcune specie autoctone dell’Alaska; il Rock Garden, un giardino roccioso in cui crescono rigogliose oltre 350 specie diverse di piante alpine provenienti da Alaska, Norvegia, Paesi Scandinavi, Cina e Himalaya; l’Heritage Garden Anchorage, ex giardino perenne su cui è stato recentemente ricreato un classico giardino di Anchorage come sarebbe stato nel 1915-1950.

alaska-botanical-garden-anchorage
L’ingresso dell’Alaska Botanical Garden, il ‘polmone verde’ di Anchorage