Una vacanza a Parigi, fatta di storia, Senna e boulevards fioriti, non può di certo definirsi tale se si va via dal capoluogo francese senza aver visitato il simbolo principale della città: la magnifica Tour Eiffel.

La storia

Fu costruita grazie a Gustave Eiffel, da cui prese il nome, per l’Esposizione Universale del 1889 e per celebrare il centenario della Rivoluzione francese. L’idea iniziale era quella di una struttura temporanea che dimostrasse al mondo la potenza e la versatilità delle strutture reticolari metalliche, senza immaginare che quell’insieme di travi e bulloni, assemblato in soli  2 anni, 2 mesi e 5 giorni, battezzato Tour Eiffel, sarebbe diventato l’emblema parigino dal peso di circa 10 mila tonnellate.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Prime fasi delle costruzione della Tour Eiffel

L’ingegnere Gustave Eiffel aveva già lavorato in passato ad opere importanti come la struttura interna della Statua della Libertà, oltre ad aver realizzato ponti stupefacenti ma, a differenza di quanto si possa pensare, la Tour Eiffel non è stato frutto del suo genio, ma Eiffel fu solo il suo finanziatore.

Il progetto, infatti, nasce nel 1884 dalle menti di Emile Nouguier e Maurice Koechlin, due ingegneri che immaginarono una torre su piloni (specialità della società che costruiva ponti), alta almeno 300 metri. Nacque così la bozza di un pilone centrale a base quadrata, realizzato da quattro tralicci che si congiungevano verso l’alto, sostenuti da travi orizzontali. Grazie all’architetto Sthephen Sauvestre, la Tour Eiffel si vestì d’eleganza, con l’aggiunta degli archi di base e la realizzazione dei piani calpestabili.

La Torre fu utilizzata nei primi tempi come stazione meteorologica, per fare esperimenti sulla resistenza dell’aria ed anche come imponente antenna radiofonica. Infatti, non fu subito chiaro né ai costruttori, né ai cittadini parigini, il valore di quella struttura e lo charme che stava regalando alla città, tanto che durante la sua costruzione molti furono i nomignoli dispregiativi della Tour Eiffel, come scheletro sgraziato, ammasso di ferro o candeliere vuoto.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Foto storica della costruzione del secondo piano della Tour Eiffel

Oggi, invece, la Tour Eiffel è una delle mete turistiche più affollate, con 8 milioni di persone che ogni anni non vedono l’ora di poter entrare nel vivo della torre, con i suoi ristoranti, boutique e vista dall’ultimo piano mozzafiato. Il suo fascino è ormai consolidato da 120 anni di foto, occhi sgranati e bocche aperte, sia di giorno ma anche di notte, quando la Tour Eiffel si illumina di scintille nei primi 5 minuti di ogni ora, grazie a 20 mila lampadine. La sommità della Tour Eiffel, ancora oggi, ospita le antenne di decine di emittenti radiofoniche e televisive.

Non esiste il luogo migliore per ammirare la Tour Eiffel, alta ben 324 metri (considerando le antenne). Da ogni parte della città la si può guardare in modo diverso ma comunque affascinante, con un gioco di geometrie e prospettive davvero unico. Però, si consiglia di non perdersi la vista mozzafiato dalla Terrazza del Trocadéro, sita di fronte la torre.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
La Tour Eiffel vista dalla Terrazza del Trocadéro

Cosa fare sulla Tour Eiffel

La prima cosa da fare una volta saliti sulla Tour Eiffel è ammirare lo stupendo panorama parigino dalla piattaforma superiore all’aperto del secondo piano ed immortalare quei momenti con centinaia di foto e video ricordo. Di certo, non bisogna perdersi la salita verso la cima con l’ascensore panoramico, che farà trattenere il fiato anche alle persone più spavalde ed amanti dell’avventura.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Panorama di Parigi dal secondo piano della Tour Eiffel

Al primo piano è possibile visitare un tratto della scala originaria utilizzata da Gustave Eiffel per raggiungere il suo ufficio in cima alla torre, oltre all’osservatorio dei movimenti della cima, che aiuta a comprendere i movimenti compiuti dalla cima della Tour Eiffel in funzione del gradiente termico e del vento. Sempre al primo piano e lungo le scale sono presenti più di 100 pannelli illustrati che raccontano i 120 anni di storia della torre. Bisogna, poi, assolutamente visitare il Pavillon Ferriè, con tante curiosità ed una mostra con più di 300 riproduzioni della Tour Eiffel di varie forme e misure, oltre alle opere degli artisti che hanno raffigurato a modo loro la “signora di ferro”. Inoltre, è previsto un percorso per bambini dai 6 ai 10 anni, in modo tale che possano divertirsi sulla torre in massima sicurezza.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Il Pavillon Ferrié al primo piano della Tour Eiffel

Per una pausa sulla Tour Eiffel ci si può recare al Bar a Champagne, per apprezzare pregiate bollicine con un panorama suggestivo, oppure nei vari buffet presenti in ogni piano della torre, mentre per chi desidera una cena trendy può sedersi al nuovo ristorante 58 Tour Eiffel. Non mancano ovviamente i negozi di souvenir, per portare in Italia un pezzo unico della Tour Eiffel.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Il nuovo ristorante 58 Tour Eiffel
La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Un buffet all’interno della Tour Eiffel

 Orari di apertura

La Tour Eiffel è aperta tutto l’anno a turisti e visitatori secondo il seguente calendario ed orari, anche se possono subire variazioni in base all’afflusso di persone ed alle condizioni meteorologiche:

      Ascensore        Scale
dal 1° gennaio al 14 giugno   dalle 9.30 alle 23:45 dalle 9.30 alle 18:30
dal 15 giugno al 1° settembre   dalle 9.00 alle 00.45 dalle 9.00 alle 0.45
dal 2 settembre al 31 dicembre   dalle 9.30 alle 23.45 dalle 9.30 alle 18:30

Si ricorda, inoltre, a chi non volesse perdersi l’ebbrezza di salire sulla torre, che l’ultima risalita degli ascensori è prevista 45 minuti prima dell’orario di chiusura, mentre per l’ultima corsa per l’ultimo piano è alle ore 23.00 nel periodo estivo, mentre negli altri due periodi è previsto per le 22.00. Infine, per chi sceglie di salire a piedi i 704 gradini fino al secondo piano, le scale consentiranno l’ultimo accesso a mezzanotte nel periodo estivo ed alle 18:00 durante tutto il resto dell’anno.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Una vista notturna della Tour Eiffel

Come arrivare alla Tour Eiffel

La Tour Eiffel è facilmente raggiungibile da ogni parte di Parigi grazie al fitto sistema di trasporti urbani.

Metro Bir-Hakeim, Trocadéro, Ecole Militaire
RER Ligne C – Station Champ de Mars-Tour Eiffel
Bus 22,30,32,42,63,69,72,80,82,87
BatoBus Escale Tour Eiffel, port de la Bourdonnais
La-Tour-Eiffel-di-Parigi
La Tour Eiffel vista dall’alto

Tariffe per visitare la Tour Eiffel

Ecco uno schema dettagliato delle tariffe dei ticket per le varie aree della Tour Eiffel, valide dal 2 Gennaio 2014:

           Adulti         Giovani  Tariffa Ridotta
Biglietti d’ingresso con ascensore(per il secondo piano) € 9,00 € 7,50 € 4,50
Biglietti d’ingresso per ascensore(per l’ultimo piano) € 15,00 € 13,50 € 10,50
Biglietto per le scale(per il secondo piano) € 5,00 € 4,00 € 3,00

Per “giovani” si intende una persona di età compresa fra i 12 ed i 24 anni, mentre la tariffa ridotta è riservata ai bambini dai 4 agli 11 anni, oltre che ai disabili e l’accompagnatore. I bambini con meno di 4 anni entrano gratuitamente. Sono, inoltre, previste agevolazioni per gruppi di adulti e scolaresche, con prenotazione necessaria in entrambi i casi.

La-Tour-Eiffel-di-Parigi
Una prospettiva interna della Tour Eiffel

Contatti

Telefono: + 33 (0)892 701 239
Ufficio Vendite: + 33 (0)892 700 016 (aperto tutti i giorni dalle 9 alle 22)
Sito ufficiale:  www.tour-eiffel.fr
Social: https://www.facebook.com/TourEiffel