Taormina è uno splendido comune della Sicilia che si trova in provincia di Messina. Si tratta di un centro turistico molto ambito e frequentato sia a livello nazionale che internazionale. Taormina si trova a 200 metri sul livello del mare, essa offre panorami e colori mozzafiato, in particolar modo regalati dalla prossima presenza del vulcano Etna. Il turismo a Taormina non conosce periodi di tregua, infatti durante tutto l’anno una massiva affluenza di turisti si riversa nelle sue strade.

La bellezza di Taormina non è meramente figlia delle sue maestose offerte panoramiche bensì abbraccia anche la sua ricchezza culturale nonché il savoir faire caloroso ed ospitale dei siciliani che la rendono un posto unico ed inimitabile. Taormina è pervasa da un clima mite e caratterizzata un folta vegetazione e da siti naturalistici quali la Baia di Mazzarò.

taormina
Il duomo di Taormina

Cenni storici

La storia di Taormina è molto ricca e variegata ma non si hanno documentazioni esaustive che attestino a pieno titolo la certezza delle sue origini. Quel che sembra esser indubbio è che la sua storia è stata pervasa da momenti altalenanti che l’hanno vista fiorire e poi deprimere. La sua nascita vede protagonisti dei profughi greci i quali provenivano da Naxos la vicina città greca, una delle più caratteristiche nonché antiche colonie greche.

Originariamente infatti Taormina si chiamava Tauromenion, in cui vennero edificate nel 358 a.C. l’agorà e l’acropoli che fu posta in cima al Monte Tauro. Sempre in questo periodo, precisamente nel III secolo a.C., venne edificato il Teatro Antico, identificato come irrefutabile simbolo della città. Dopo l’iniziale insediamento greco, fu la volta dei romani i quali misero mano sui reperti architettonici lasciati in eredità dai greci.

La prima struttura sulla quale intervennero i romani fu proprio il suddetto Teatro Antico; quest’ultimo subì una metamorfosi che lo fece diventare un anfiteatro. Fu grazie ai romani se oggi esiste uno dei più rilevanti nonché grandiosi monumenti della città: le “Naumachie”. Successivo a questo periodo di sviluppo e di floridezza, ne seguì uno oscuro e triste causato dall’alleanza di Taormina con Sesto Pompeo contro Ottaviano. Quando Taormina passò all’egemonia bizantina tornò a vedere la luce. Dopo il dominio bizantino iniziò il dominio arabo che si estende dal 902 al 1079 e che tinse di pece la storia di Taormina. Dopo l’avvento arabo giunsero in loco i Normanni con i quali torna a fiorire il Cristianesimo con la conseguente nascita di Conventi.

taormina
Il Teatro Greco di Taormina

Cosa vedere

A Taormina sono numerose le cose da vedere, le meraviglie che l’occhio umano può immagazzinare. A distanza contenuta dal Teatro Greco di rara bellezza, si trovano resti di un tempio antico ed un Antiquarium, custode di reperti archeologici di notevole pregio. L’Antquarium presenta al suo interno due stanze nelle quali si trovano due pilastri di grande importanza appellati rispettivamente “Tavola degli Strateghi” e “Tavola dei Ginnasiarchi“. Altra bellezza storica da non perdere è indubbiamente il Palazzo Corvaia, un vero e proprio castello. Infine va menzionato il Duomo di Taormina di architettura medievale risalente al XIII secolo.

Le spiagge di Taormina

Le spiagge di Taormina sono conosciute per essere caratterizzate da una bellezza indiscutibilmente rara e per elargire centri balneari tra i più rinomati della Sicilia. Taormina offre generosamente lingue di sabbia sconfinate e calette dalla magia caratteristica, nascoste da occhi indiscreti e cinte da un tranquillo e pacioso abbraccio che le rende oasi di silenzio e pace.

Spiaggia Isola Bella: questa è la spiaggia più conosciuta di Taormina ed è ubicata in una posizione fortemente panoramica sulla Baia di Taormina. Si tratta di un litorale risultato di una fusion di ghiaia e ciottoli che, bypassato il tratto attrezzato da stabilimenti balneari, si stempera con ben due km di spiaggia libera. Questa edenica spiaggia viene accarezzata da onde di un mare adamantino con fondali di suggestiva bellezza.

Spiaggia di Mazzarò: questa spiaggia è caratterizzata da ciottoli, una baia fortemente caratteristica e splendida abbracciata tra due promontori verdeggianti. La spiaggia di Mazzarò non è una spiaggia brulla o selvaggia bensì attrezzata con lettini ed ombrelloni durante l’intero periodo estivo offrendo ai suoi visitatori ogni tipo di comodità oltre al mare cristallino ed azzurro che la bagna dolcemente.

taormina
Una delle spiagge di Taormina

Spiaggia di Villagonia: si tratta di uno splendido golfo di ghiaia e roccia che estende la sua bellezza sino a lambire i confini delle spiagge candide e fini di Giardini Naxos. Essa si trova ai piedi dell’isola di Taormina.

Spiaggia di Spisone: si tratta di una spiaggia sita all’interno della baia di Taormina; la sua precipua caratteristica risiede nella suggestione provocata dagli isolotti di pietra che respirano dolcemente dalle acquee del mare turchese.

Come arrivare a Taormina

Da Catania

In aereo: l’aeroporto di Catania è il più importante della Sicilia ed è il punto di arrivo dei visitatori di Taormina e dintorni.

In treno: dalla stazione centrale di Catania si raggiunge la stazione di Taormina-Giardini in poco più di un’ora. Giunti alla stazione si prende un autobus o un taxi.

In auto: percorrendo l’autostrada A18 Catania-Messina, a circa 60 km dalla città di Catania, si raggiunge Taormina in circa un’ora. L’autostrada ha un pedaggio di euro 1,50.

Da Messina

In auto: per raggiungere Taormina si percorre l’autostrada A18 Messina-Catania a pagamento, il costo del pedaggio è di euro 1,80.

In autobus: prendendo l’autobus da Messina sarete condotti direttamente nel centro di Taormina