Il Santuario della Madonna di Monte Berico – la principale patrona di Vicenza dal 1978 -, situato sull’omonimo colle che domina la città di Vicenza, è il frutto dell‘unione di due chiese: una quattrocentesca edificata in stile gotico, l’altra (la basilica) settecentesca in stile barocco.

Secondo la tradizione, la costruzione della prima chiesa è da ricollegarsi a due apparizioni della Madonna (nel 1426 la prima, due anni dopo la seconda) ad una contadina di Sovizzo, un piccolo paese in provincia di Vicenza. Si dice che, dopo la costruzione della chiesa dedicata a Sancta Maria de gratia, la violenta epidemia di peste che in quegli anni si abbatteva sulla popolazione cessò improvvisamente. Nel secolo seguente alla prima chiesa vennero apportate diverse modifiche e furono effettuati numerosi lavori di ampliamento.

In seguito ad una nuova epidemia di peste che colpì la città nel 1630, il Consiglio comunale di Vicenza decise di ingrandire il tempio – che era stato aggiunto alla prima costruzione tra il 1578 e il 1579 ad opera dell’architetto Andrea Palladio – seguendo come idea di base proprio il progetto originario del Palladio, quello che il secolo prima era stato accantonato, forse perché ritenuto ancora ‘troppo moderno’. A partire dal 1780, anno in cui si costruirono i portici progettati dal Muttoni, si diede il via ad una nuova serie di modifiche, l’ultima delle quali è la costruzione della Penitenzieria accanto al campanile che risale al 1972.

Santuario della Madonna di Monte Berico a Vicenza
Vista frontale del Santuario della Madonna di Monte Berico a Vicenza

Descrizione

Le facciate del Santuario della Madonna di Monte Berico sono decorate con numerose statue: la statua della Fede, la statua della Speranza, quella della ‘Vergine che appare a Vincenza Pasini’ (la donna che aveva avuto le visioni della Madonna nel Quattrocento) e diverse statue che rappresentano i santi della tradizione.

C’è poi il piccolo chiostro gotico della basilica, costruito nel 1429, dal quale si accede all’antico refettorio dei frati che presenta al suo interno molte opere d’arte, una tra tutte la ‘Cena di San Gregorio Magno‘ del Veronese.

All’interno del Santuario della Madonna di Monte Berico si trovano, invece, altre importanti opere del Maganza, del Montagna, del pittore veneziano Carpioni, del Gagliardi e del pittore neoclassico François-Guillaume Ménageot. Il coro ricavato dall’abside della chiesa gotica e l‘organo a canne Mascioni sono altri importanti elementi dell’interno della chiesa.

cena-san-gregorio-magno-veronese
La meravigliosa Cena di San Gregorio Magno ad opera di Paolo Veronese

Come arrivare

In autobus

Dal piazzale esterno della stazione ferroviaria di Vicenza prendere l’autobus n°5 verso via Manzoni-Capolinea Ospedaletto e scendere dopo una fermata a Piazzale Castello. Da qui prendere l’autobus n°18  fino a Piazzale della Vittoria Monte Berico (distanza da percorrere: 3 fermate) e proseguire a piedi per poco più di 100 metri fino a Viale Enrico Cialdini, dove si trova il Santuario della Madonna di Monte Berico.

In auto

Arrivando dalla stazione ferroviaria di Vicenza, proseguire in direzione nord verso Viale Milano, prendere Viale Venezia e Viale Risorgimento in direzione Viale Dante Alighieri e svoltare a sinistra in Viale Dante Alighieri.  Continuare su Viale X Giugno e imboccare quindi Viale Enrico Cialdini (sulla destra). Dopo 50 metri sarete arrivati al Santuario della Madonna di Monte Berico.

Orari e prezzi

Il santuario è visitabile gratuitamente tutti i giorni. Il calendario e gli orari delle celebrazioni, invece, possono essere consultati sul sito ufficiale del santuario.

Contatti

Sito web: www.monteberico.it
E-mail: monteberico@monteberico.it
Tel.: 0444-559511
Indirizzo: Viale Enrico Cialdini 2, Vicenza