La Riserva Cavagrande del Cassibile abbraccia i comuni di Avola, Noto e Siracusa, in provincia di Siracusa in Sicilia.

Istituita nel 1990, la riserva nasce con la volontà e lo scopo di tutelare e salvaguardare il suo territorio estremamente suggestivo sia sotto il profilo naturalistico e paesaggistico che sotto il profilo antropologico ed archeologico.

A conoscere per primi la Riserva Cavagrande del Cassibile furono i Sicani fautori di una necropoli che tutt’oggi risulta ostica da raggiungere. Nel XIII secolo, questo territorio divenne dimora di alcune popolazioni della Sicilia sud-orientale e sono due i villaggi rupestri attualmente noti; in uno di questi villaggi si trova una copiosa quantità di tombe a grotticella tra cui la Grotta dei Giganti.

cavagrande-del-cassibile-siracusa
Particolare della Riserva Cavagrande del Cassibile in provincia di Siracusa

Descrizione

L’altopiano diventa particolarmente suggestivo e panoramico soprattutto dalla parte siracusana grazie alla presenza delle cave, ovvero delle fratture dalla ragguardevole profondità che ne modellano e plasmano i bordi. Queste cave altro non sono che il risultato dell’erosione provocata dai corsi d’acqua.

Cavagrande del Cassibile è indubbiamente la cava più grandiosa, spettacolare e monumentale presente nella riserva, profonda circa 250 metri e lunga 10 km. Le rive del fiume Cassibile sono puntellate di boschi confezionati da pioppi neri e bianchi, salici, tamerici, frassini e maestosi platani. Le sponde del fiume sono oltretutto costellate da splendidi e vividi oleandri che creano, con il loro verde intenso, un contrasto cromatico molto suggestivo con il bianco della roccia calcarea.

Dei sentieri presenti all’interno della Riserva Cavagrande del Cassibile, sono solo due quelli praticabili e percorribili,  ossia Scala Cruci e Sentiero Carrubella.

La vegetazione della riserva, ricca e florida, è caratterizzata anche da specie endemiche, il bucaneve, la felce tropicale e la falsa ortica. A livello faunistico, invece, sono diversi i mammiferi presenti nell’area, come la martora, l’istrice, la raganella e la testuggine terrestre.

cavagrande-del-cassile-siracusa-2
Riserva Cavagrande del Cassile, dipinta dal verde della sua florida vegetazione

Come arrivare

Da Siracusa, per raggiungere la Riserva Cavagrande del Cassibile in auto, bisogna prendere la SS115 fino ad Avola, imboccando poi la circonvallazione e svoltare a destra all’indicazione “Avola Antica”; dopo aver percorso 10 km di tornanti, si arriva all’incrocio con Cavagrande.

Da Siracusa, se si prende la Mare-Monti: dopo aver superato Canicattini Bagni, bisogna imboccare uno svincolo sulla sinistra giungendo quindi nella parete nord sopra la Grotta dei Briganti; oppure, se si vuole andare al Belvedere, si segue la strada per Noto e dopo alcuni tornanti si bypassa il ponte sul fiume Manghisi; dopo alcune centinaia di metri, si imbocca la strada a sinistra per Cavagrande.

Orari

Ingresso alla riserva: apertura alle ore 08:00; chiusura alle ore 18:30.