Plaza Bolivar è la piazza principale di Bogotà e dell’intera Colombia. Situata in pieno centro storico, intorno a questa grande piazza (quasi 14.000 metri quadri) sorgono alcuni dei principali edifici della città: a nord, il Palazzo di Giustizia; a sud, il Campidoglio; a est la Catedral Primada de Colombia, la Casa del Consiglio Ecclesiastico, la Cappella del Sagrato e il Palazzo Arcivescovile; a ovest, invece il Palazzo Liévano, dove risiede del sindaco di Bogotá. Nel 1995, Plaza Bolivar è stata inoltre insignita del titolo di monumento nazionale.

Cenni storici

L’aspetto di Plaza Bolivar è cambiato notevolmente dagli inizi, quando era circondata da case coloniali e sorgeva un importante mercato ortofrutticolo. Fino al 1583, al centro della piazza era presente una gogna, che fungeva da monito per i criminali che avessero sfidato i coloni spagnoli; in quell’anno, fu sostituita da una piccola fontana pubblica, prima di essere sostituita nel 1681 con un’altra fontana, attualmente custodita al Museo de Arte Colonial; di fatto, l’unica costruzione intorno alla piazza preservata fin dai tempi coloniali è la Cappella del Sagrato.

Dopo l’indipendenza, la piazza ha cominciato ad essere chiamata Plaza de la Constitución, nome ufficiale dal 1821, anche se alcuni riferimenti storici indicano che gli abitanti della vecchia Bogotà la denominavano più spesso Plaza Mayor.

Plaza Bolivar a Bogotà
Il Campidoglio in Plaza Bolivar a Bogotà

Fu il 20 luglio 1846 che il Congresso stabilì di posizionare nel centro della piazza una statua in bronzo del generale Simon Bolivar donata da José Ignacio Paris. Con questo accordo, la piazza assume il nome attuale di Plaza Bolivar. Nel 1880 fu installato un nuovo piedistallo per la statua e si cambiò il suo orientamento, originariamente rivolto a oriente (verso la Cattedrale), per essere posto a nord della piazza (rivolto verso il Palazzo di Giustizia).

Nel 1927, vennero installate quattro fontane e venne sopraelevato il piedistallo della statua di Bolivar, al centro di esse. Le ultime modifiche alla piazza furono eseguite nel 1959, per celebrare il cinquantesimo anniversario della proclamazione di indipendenza, e la piazza divenne esclusivamente ad uso pedonale: l’inaugurazione della nuova Plaza Bolivar avvenne il 16 luglio del 1961.

Descrizione

A nord della piazza si trova il Palazzo di Giustizia, un’enorme edificio moderno in cui si stabilì la Corte Suprema. La storia del Palazzo di Giustizia è molto travagliata, incarnando in un certo senso i problemi della Colombia. Il primo Palazzo di Giustizia venne costruito nel 1921 sulla Calle 11 e venne distrutto da un incendio durante il Bogotazo, delle violente rivolte popolari scoppiate nell’aprile del 1948.

Un nuovo palazzo venne costruito sul lato nord di Plaza Bolivar, ma venne distrutto il famoso colpo di stato al Palazzo di Giustizia da parte del movimento guerrigliero M-19; il governo, decise di demolire completamente l’edificio e di costruirne uno nuovo, l’attuale. A sud della piazza sorge il neoclassico edificio in pietra del Campidoglio, che è la sede del Congresso colombiano; iniziato nel 1848 (nello stesso luogo dove 62 anni sorgeva il palazzo vicereale distrutto da un incendio), l’edificio fu completato solo nel 1926.

Il Campidoglio fu progettato dall’architetto danese Thomas Reed, ma i lavori sono stati successivamente guidati dal colombiano Mariano Sanz de Santamaria, dall’italiano Pietro Cantini e dal francese Gaston Lelarge.

Plaza Bolivar a Bogotà
La Statua di Simon Bolivar in Plaza Bolivar a Bogotà

Sul lato occidentale di Plaza Bolivar è situato il Palazzo Liévano, un edificio in stile rinascimentale francese progettato dall’architetto Gaston Lelarge, attualmente sede del sindaco di Bogotà. Sul lato orientale della piazza, invece, sorge la bellissima Catedral Primada de Colombia, costruita tra il 1807 e il 1823, al fianco della quale è situata la Cappella del Sagrario, costruita alla fine del XVII secolo.

A destra di questi edifici noterete invece il Palazzo Arcivescovile, costruito tra il 1952 e il 1959 per sostituire il vecchio palazzo, distrutto nell’aprile del 1948 durante il già citato Bogotazo. Nell’angolo a nord-est di Plaza Bolivar sorge la Casa del Florero, sede del Museo del 20 de Julio, in cui il 20 luglio del 1810 avvenne il famoso episodio passato alla storia come Grito de Independencia, da cui scaturì la liberazione dai coloni spagnoli.

Infine, nell’angolo sud-est si trova il Colegio Mayor de San Bartolomé, istituzione educativa fondata dai padri gesuiti nel 1604, in cui si sono formate varie personalità di spicco della nazione.

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione centrale in Calle 17, Plaza Bolivar dista circa 4 chilometri, ma è facilmente raggiungibile anche a piedi. Una volta usciti dalla stazione, girate a destra e poi, dopo circa 200 metri, a sinistra su Carrera 32; percorrete altri 350 metri e girate a destra, su Calle 19; proseguite per circa 2 chilometri e mezzo e, una volta all’incrocio con Carrera 10, svoltate a destra; proseguite per circa 800 metri, e svoltate sulla sinistra, imboccando Calle 11; dopo circa 300 metri, troverete Plaza Bolivar sulla vostra destra. Tempo di percorrenza: 50 minuti circa.