Place Bellecour di Lione è la più grande piazza della città, grazie ai suoi 62.000 metri quadri di superficie, e la terza piazza più grande di Francia, ed è la più grande piazza pedonale in tutta Europa.

Place Bellecour è indiscutibilmente uno dei simboli principali della città, ed è ricca di attrattive per i turisti, che qui si recano in migliaia ogni giorno. La piazza è situata nel 2° arrondissement di Lione, in una zona, quindi, compresa tra la Saona e il Rodano; è, inoltre, il punto di snodo di tre delle vie principali di Lione: Rue de la République, che vi porta al Municipio e all’Opera, la Rue Victor Hugo, che porta verso Perrache, e la Rue du Président Edouard Herriot, con un’alta concentrazione di negozi d’alta moda, che vi conduce verso la bellissima Place des Terreaux.

Se avete deciso di trascorrere una vacanza a Lione, Place Bellecour è sicuramente uno di quei posti che non potrete non visitare!

Cenni storici

Durante l’epoca romana, l’attuale Place Bellecour era una zona paludosa, che venne in seguito trasformata in un importante luogo di scambi commerciali, ricche di capanne che servivano ai commercianti per conservare i propri prodotti. Per un breve periodo, grazie all’arcivescovo di Lione (che nel frattempo era entrato in possesso dell’area), nel XII secolo questa zona venne ‘riqualificata’, grazie alla coltivazione di un vitigno; in pochi anni, però, il terreno viene di nuovo abbandonato a se stesso. Nel 1604 comincia una lunga battaglia legale tra gli eredi dell’arcivescovo e il re di Francia Enrico IV, che spinge affinché questo terreno diventi di proprietà comunale; bisognerà aspettare oltre 100 anni (1708) affinché l’area entri effettivamente in possesso del re, che in quel momento era Luigi XIV.

Place Bellecour
Monumento equeste di Luigi XIV a Place Bellecour

Nel 1715, sette anni dopo l’acquisizione da parte di Luigi XIV, quest’area diviene la Place Royale (chiamata anche Place Louis-le-Grand), e viene posta al centro una statua del re stesso, realizzata da Martin Desjardins. Vengono costruiti, inoltre, una serie di edifici tutti attorno alla piazza, per mano dell’architetto regio Robert de Cotte. Durante gli anni della Rivoluzione francese, la piazza viene ribattezzata Place de la Fédération, quando viene collocato in essa un altare della Libertà (1790); tre anni dopo, al momento della distruzione della statua raffigurante il Re Sole, la piazza cambia nuovamente nome: diventa Place de l’Égalité.

Col passaggio di Napoleone a Lione (1800), si passa quindi al nome di Place Napoléon, per poi tornare ad essere Place Louis-le-Grand dopo la Restaurazione, anno in cui viene collocata una nuova statua di Luigi XIV, questa volta ad opera dello scultore Lemot. Fu solo con la nascita della Terza repubblica che la piazza assunse l’attuale denominazione di Place Bellecour, non prima di aver vissuto un quinquennio (1940-45) da Place Pétain, in onore del famoso maresciallo francese.

Cosa vedere

Al centro della piazza, come detto è situata la statua di Luigi XIV, ad opera di François-Frédéric Lemot (che, quindi, va a sostituire quella realizzata da Desjardins e distrutta durante la Rivoluzione); ai suoi piedi, due statue che raffigurano la Saona e il Rodano, ad opera dei fratelli Coustou. La statua di Lemot fu in realtà costruita a Parigi, e trasportata in dodici giorni a Lione; al suo ingresso in città, la accolse la folla festante con una grande cerimonia.

Place Bellecour
Un particolare della Statua Equestre di Luigi XIV

All’angolo di Rue Gasparin, è posto invece il Mémorial du Veilleur de Pierre (letteralmente: “Memoriale del Guardiano di Pietra”), nello stesso luogo dove il 26 luglio del 1944 esplose una bomba piazzata dalla resistenza lionese, e dove furono poi giustiziati i responsabili dell’attentato: la bomba, infatti, esplose proprio nei pressi del “Moulin à Vent”, locale frequentato dalla Gestapo tedesca; progettato dall’architetto Louis Thomas e dallo scultore Salandre, il memoriale reca una suggestiva scritta: “Passant, va dire au monde qu’ils sont morts pour la libertè” (“Passante, dici al mondo che essi sono morti per la libertà”). Infine, notiamo la statua di Saint-Exupéry seduto di fronte al Piccolo Principe, che fu posta in Place Bellecour nel 2000, in occasione del centenario della nascita del celebre scrittore lionese.

Numerosi, inoltre, sono gli eventi che si svolgono in Place Bellecour. In inverno, ad esempio, viene installata una pista di pattinaggio, e si tengono diversi concerti ed eventi culturali, come l’annuale Fiera del Libro. Luogo simbolico per i lionesi, è da qui che partono (e che arrivano) tutte le grandi manifestazioni studentesche e sindacali di Lione; fino a pochi mesi fa, in Place Bellecour era posta anche una grande ruota panoramica, disinstallata per lavori. Allo stato attuale, sono in cantiere diversi progetti: la costruzione di diversi chioschi, la ristrutturazione di un parco giochi, una nuova illuminazione a LED, e la piantagione di nuove siepi ed alberi al suo interno.

Place Bellecour
Dettaglio di una statua di Place Bellecour

Come arrivare

A piedi

Dalla stazione ferroviaria di Lyon-Perrache, Place Bellecour dista poco più di un chilometro, ed arrivarci sarà davvero facilissimo! Una volta usciti dalla stazione, procedete in direzione nord-est fino ad incrociare, dopo circa 400 metri, Rue Victor Hugo; proseguite per circa 700 metri, e sarete arrivati in Place Bellecour, che troverete di fronte a voi. Tempo di percorrenza: un quarto d’ora circa.

In metro

Le linee A e D della metro fermano direttamente in Place Bellecour, per cui è questo il modo più veloce per giungere a destinazione!