Piazza Skanderbeg è la più grande (circa 5 ettari di superficie) e importante delle piazze di Tirana e dell’intera Albania. Dedicata all’eroe nazionale Giorgio Castriota Skanderbeg, l’omonima piazza rappresenta il centro ideale della città e della nazione, ed è il luogo che più incarna il patriottismo e il nazionalismo albanese.

Chiamata semplicemente Sheshi Skënderbeu dagli albanesi, le sue grandi dimensioni sono conseguenza della volontà, da parte del governo comunista, di mostrare al resto del mondo la propria potenza e il proprio prestigio; le spettacolari parate militari della lunga fase (1945-1992) comunista sono state scenario ancora oggi ricordato dalla gran parte degli albanesi.

Situata, come detto, al centro della città, Piazza Skanderbeg sarà una delle mete imprescindibili durante il vostro soggiorno a Tirana.

Cenni storici

La piazza, come già accennato in precedenza, è legata al personaggio storico più conosciuto in Albania: Giorgio Castriota Skanderbeg, che per più di due decenni riuscì a respingere gli attacchi dei turchi ottomani durante il XV secolo; la sua fama è dovuta, oltre che al suo genio militare, anche e soprattutto alla sproporzione che vi era tra le due forze in campo: da una parte la potenza militare degli Ottomani, dall’altra la tenacia e la voglia di non piegarsi del popolo albanese, guidato appunto da Skanderbeg, che risvegliò un fortissimo sentimento nazionale.

Piazza Skanderbeg a Tirana
Vista panoramica della Piazza Skanderbeg a Tirana

La Piazza Skanderbeg prese l’attuale denominazione nel 1968, quando qui fu collocata la statua equestre in bronzo del patriota albanese, ad opera di Odhise Paskali. Prima la piazza, che si andò ampliando soprattutto sotto la dittatura fascista prima, e sotto il regime comunista poi, conobbe il suo periodo di maggiore espansione negli anni ’20, quando re Zog I e i fascisti italiani (che avevano l’Albania sotto il loro diretto controllo) ne costruirono le fondamenta; coi comunisti, invece, Piazza Skanderbeg assunse la disposizione attuale fortemente ‘geometrica’, com’era tipico delle grandi piazze dei paesi comunisti.

Cosa vedere

Ecco una lista dei luoghi di interesse principali che affacciano sulla splendida Piazza Skanderbeg di Tirana.

La statua equestre di Giorgio Castriota Skanderbeg

Inaugurata il 27 ottobre del 1940, alla presenza di Benito Mussolini e delle ‘alte gerarchie’ albanesi ed italiane, la statua equestre di Giorgio Castriota è il monumento che troneggia all’interno della piazza che porta il suo nome. Il nomignolo Skanderbeg (che può essere tradotto come ‘Alessandro Magno’) gli fu, peraltro, affibbiato proprio dagli avversari turchi, per sottolinearne il valore militare. Realizzata dallo scultore Romano Romanelli, dietro alla statua noterete il giardino triangolare (un tempo chiamato Cestio) che è un altro dei punti fondamentali della piazza.

Piazza Skanderbeg a Tirana
La statua equestre di Giorgio Castriota

Il Museo storico nazionale

Il Museo storico nazionale di Piazza Skanderbeg è il più grande museo dell’intera Albania. Al suo interno, il museo contiene circa 3600 reperti, che raccontano la storia dell’Albania a partire dal Paleolitico fino ad arrivare ai giorni nostri. All’esterno noterete, proprio in corrispondenza dell’ingresso del museo, un enorme mosaico (intitolato ‘Gli albanesi’) realizzato da alcuni tra i principali artisti locali, mentre all’interno il museo è diviso in 8 padiglioni, ognuno con reperti appartenenti a diversi periodi storici.

La Moschea di Et’hem Bey

Tra i luoghi di culto musulmani presenti a Tirana, la Moschea di Et’hem Bey in Piazza Skanderbeg è senza dubbio il più conosciuto e il più rappresentativo della città. Tra l’altro si tratta della prima moschea anche in ordine di tempo: fu costruita infatti nel 1789 sotto il governo di Molla Bey e terminò sotto il suo figlio e successore Haxhi Ethem Bey nel 1823. Pur chiusa durante il periodo comunista, la Moschea di Et’hem Bey rimase comunque intatta in quanto monumento nazionale, a testimonianza del grande valore che questo edificio riveste per il popolo albanese.

Piazza Skanderbeg a Tirana
Il Museo storico nazionale di Piazza Skanderbeg

La Torre dell’Orologio

Indubbiamente, la Torre dell’Orologio di Piazza Skanderbeg è uno dei monumenti simbolo della città e dell’intera Albania. Situata affianco alla moschea, la Torre dell’Orologio (conosciuta anche come Kulla e Sahatit) venne costruita a partire dal 1821 e fu terminata con il determinante aiuto economico delle famiglie facoltose di Tirana, secondo la tradizione della cultura musulmana. La torre subì un aumento di ben 35 metri nel 1928, quando venne posto sulla cima un orologio (proveniente dalla Germania). Il monumento, danneggiato durante la Seconda Guerra Mondiale, fortunatamente fu ben presto ricostruito.

La Nuova Cattedrale Ortodossa

La Nuova Cattedrale Ortodossa fu inaugurata di recente, nel 2011, dopo dieci anni di lavori, e si trova a pochi metri dalla piazza. Consacrata ufficialmente il 24 giugno del 2012, la Nuova Cattedrale è oggi la cattedrale dell’arcidiocesi di Tirana, Durazzo e di tutta l’Albania. La costruzione della Nuova Cattedrale si rese necessaria a causa del fatto che il regime comunista, fortemente laico, aveva di fatto totalmente distrutto la vecchia cattedrale ortodossa per erigere al suo posto l’Hotel Internazionale Tirana; dopo la fine del regime, vi è però stato questo intervento volto a ripristinare un importante luogo di culto dell’antica identità religiosa albanese.

Piazza Skanderbeg a Tirana
La Moschea di Et’hem Bey

Il Teatro dell’Opera e Danza

Si tratta del più grande teatro dell’Albania, ed è al centro di una rete collaborativa con i principali teatri dell’Europa Centrale ed Orientale. Edificato nel 1953, il teatro contribuì (e contribuisce tuttoggi) ad incrementare la vita culturale della città, con numerosi eventi che sono concentrati tutti qui; il Teatro dell’Opera e Danza, infatti, è l’unica struttura adibita a tale funzione in tutta la capitale.

Come arrivare

Piazza Skanderberg dista dalla stazione ferroviaria di Tirana meno di un chilometro, quindi potrete tranquillamente percorrere il tragitto a piedi raggiungendola in 10 minuti circa. Dalla stazione procedete in direzione sud su Bulevardi Zogu I fino alla fine della via, dove si aprirà davanti a voi l’enorme piazza.

Contatti

Museo storico nazionale

Sito web: www.hist.tirana.cchnet.it; www.mhk.gov.al
E-mail: muzeutr@yahoo.com
Tel.: +355 4 222 3446
Indirizzo: Sheshi Skënderbej, Tirana
Orari: martedì-sabato h.10.00-17.00, domenica h.9.00-14.00; chiuso il lunedì.
Prezzi: il costo del biglietto intero è di 300 lek (2,15€ circa). I cittadini albanesi pagano 100 lek e i pensionati 50 lek.

TKOB – Teatro Opera e Balletto

Sito web: tkob.gov.al
E-mail: marketing.koordinim@tkob.gov.al
Tel.: +355 4 222 7471; +355 4 222 4753
Indirizzo: Sheshi Skënderbej, Tirana