Il Parco Nazionale del Pollino occupa una superficie di 192.000 ettari tra il sud della Basilicata ed il nord della Calabria ed è l’area naturale protetta più grande d’Italia. Il Parco Nazionale del Pollino abbraccia il gruppo montuoso del Pollino, il più elevato dell’Appennino Meridionale.

Questo suggestivo parco è il luogo ideale per tutti gli appassionati di trekking e di escursionismo, per tutti coloro che amano profondamente il rapporto stretto e diretto con la natura, selvaggia ed indomita.

Visitare il Parco Nazionale del Pollino è un’esperienza unica che non dimenticherete facilmente grazie alla suo territorio solitario il cui silenzio costante e pacioso viene interrotto dalle carezze del vento.

Ritroverete il piacere dell’affetto della natura vera ed incontaminata, scoprirete la cultura antica della popolazione locale, gentile e discreta, il gusto dei sapori veri. Scegliere di visitare il Parco Nazionale del Pollino, significa entrare nell’anima di un luogo apparentemente sospeso nel tempo in cui respirare tranquillità e rilassatezza, nel delicato e avvolgente silenzio che lo circonda.

Parco-nazionale-del-pollino-1
L’incontaminato Parco Nazionale del Pollino, tra Basilicata e Calabria, Italia

Descrizione

Date le sue ragguardevoli dimensioni, il Parco Nazionale del Pollino è senza dubbio il parco più esteso del nostro stivale ed abbraccia, tra il confine delle regioni Calabria e Basilicata, le province di Matera, Potenza e Cosenza, 56 comuni (di cui 32 in Calabria e 24 in Basilicata), 4 riserve orientate e 9 comunità montane. Le vette del Pollino sono ammantate di neve per la maggior parte dell’anno e sono catalogabili tra le più alte di tutta Italia.

Il territorio del Parco Nazionale del Pollino si mostra allo sguardo curioso dei suoi visitatori, ancora perfettamente intatto ed integro nella sua anima e nella sua natura incontaminata e libera, regalando paesaggi, panorami e prospettive davvero uniche e suggestive. Ogni vallata che caratterizzata il Parco del Pollino, possiede peculiarità uniche e personali a livello ambientale, consegnando agli occhi, la possibilità di spaziare tra vette vestite di neve e distese pietrose.

I paesi che puntellano il Parco del Pollino sono permeati di botteghe, piazze che rappresentano il principale punto di aggregazione, chiese e cappelle che documentano la spiccata religiosità del popolo, composto prevalentemente da artigiani, villici, pastori e minoranze etniche, soprattutto albanesi che portano avanti le proprie tradizioni, i propri usi e costumi. Nelle vallate ad alta quota, invece, si possono ammirare splendide foreste di castagno e faggio, coperti da funghi, muschio e nelle cui vesti verdeggianti, vivono lupi appenninici, aquile reali, caprioli, corvi imperiali e maestosi gufi.

Salendo ulteriormente di quota, possiamo trovare nella sua beata e ricercata solitudine, il maestoso Pino Loricato albero imponente ed elegante, di rara bellezza, propaggine dell’ultima glaciazione deve il suo nome alla struttura della corteccia che ricorda le loriche, piastre metalliche delle antiche corazze romane. Dai profili decisamente singolari e curiosi a causa del peso della neve e dei venti dai quali è costantemente intensamente accarezzato, il Pino Loricato simbolo del Parco, può essere considerato per la sua rarità quasi un ‘monumento’, anche dopo la morte il suo tronco perdendo la corteccia resta lì in piedi per anni come un vero e proprio angelo custode del parco.

Parco-nazionale-del-pollino-2
Il Parco Nazionale del Pollino nella sua rara bellezza

Nel territorio del Parco del Pollino, in particolare modo durante i mesi primaverili, si possono osservare splendide e raffinate orchidee, che nascono e respirano insieme a deliziose viole e campanule mentre, nel periodo estivo, sbocciano allegre e profumate le piante aromatiche ed il raro e meraviglioso giglio rosso. Frutti di bosco, come i dissetanti lamponi, le golose more e le deliziose fragoline di bosco, esplodono in estate ed in autunno, dando ulteriore colore al territorio.

La fauna del Parco Nazionale del Pollino è caratterizzata dalla nobile presenza del Gufo Reale, del rumoroso e affaccendato picchio nero, dal maestoso e regale falco pellegrino, del gatto selvatico, del lupo, del cervo e del grifone.

Informazioni utili

E-mail: ente@parcodelpollino.gov.it

Sito web: www.parcopollino.it

Telefono: 0973-66931