L’isola di Pantelleria palpita nel muscolo vitale del Mar Mediterraneo, nelle vicinanze dell’Africa e della Sicilia da cui è distante 110 km. Pantelleria venne “partorita” circa 300.000 anni fa da un vulcano della fossa tettonica albergante tra la Sicilia e l’Africa; altresì definita “Perla Nera” ha una nascita databile all’epoca terziaria.

La precipua caratteristica di Pantelleria, oltre a quella di essere il prodotto di un “parto” vulcanico, è quella di essere “coccolata” da un vento che si alza estemporaneamente, in particolare lo scirocco (vento molto caldo) nei mesi di Luglio ed Agosto.

Pantelleria, questo delizioso gioiello vestito elegantemente di nero, è accarezzata fortemente dal verde delle viti, vigilata dalla limpidezza celeste del cielo e baciata dalle acque profonde del Mediterraneo; un vero dipinto sul mare che consegna ai suoi visitatori scenari unici ed irripetibili, colori sognanti e sospesi.

pantelleria-1-trapani
Pantelleria abbracciata da acquee dal colore profondo e stemperato

Cenni storici e descrittivi

Pantelleria è un’isola di grande bellezza ed indiscussa unicità; l’isola documenta la presenza dei Sesi, un’antica civiltà, risalente all’età neolitica. Il carattere “fumantino” dell’isola è evidente anche grazie alla presenza di numerosi crateri di vulcani inattivi e dall’esistenza di sorgenti termali, altresì dette “acque calde”, sia nel Lago che nel mare e le “favare” ovvero vapori uscenti dalle rocce dell’isola. I bagni termali nel lago di Venere portano sinceri benefici a coloro che scelgono di immergersi in queste calde acque.

La poliedricità dell’isola di Pantelleria si manifesta nella diversità paesaggistica che propone, nel suo volto proteiforme che incanta in ogni sua sfumatura, dalle grotte marine, alle coste, alle insenature dalle forme peculiari e caratteristiche, ai faraglioni; il mare di Pantelleria rappresenta un altro punto di forza di questa perla nera del Mediterraneo, limpido, terso, i cui fondali pullulano di pesci di diverso colore e forma.

Ma la ricchezza suggestiva di Pantelleria non si limita al mare ed a ciò che lo cinge, bensì trascende, si spinge oltre; ad impreziosire ulteriormente la meravigliosa isola sono il Lago di Venere, le colline coltivate ad uva da cui nasce il tanto amato Passito di Pantelleria (vino dolce e liquoroso) e la Montagna Grande pennellata di verde e fortemente panoramica.

Pantelleria
Le suggestive acque di Pantelleria

Spiagge di Pantelleria

Data l’attività vulcanica dell’isola di Pantelleria, non vi sono vere e proprie spiagge dalla sabbia bianca e fine; l’isola infatti è caratterizzata da colori più scuri e densi. Tra le spiagge rocciose di Pantelleria vanno sicuramente ricordate:

Arco dell’Elefante

Si tratta di una delle maggiori attrattive dell’isola data la sua facilità d’accesso, i suoi colori unici e la sua singolare forma; un promontorio a forma elefantiaca che si disseta nel mare.

Cala Levante

Questa spiaggia unita a quella dell’Arco dell’Elefante costituisce una delle spiagge più frequentate ed ammirate; accedervi è semplice ed il fondale presente scivola lentamente e con dolcezza, consentendo anche ai neofiti nuotatori di potersi immergere in acque adamantine. Da Cala Levante si può ammirare la bellezza del vicino Faraglione.

Martingana

Per tutti gli appassionati di immersioni, questo tratto di costa frastagliato e brullo è il posto ideale. L’accesso a Martingana è più ostico rispetto alle suddette spiagge ed i sentieri da percorrere consigliano scarpe comode. Una volta affrontato l’irto tragitto lo scenario marino che si paleserà ripagherà la difficoltà del raggiungimento.

Cala Cinque Denti

Si tratta di una baia deliziosa baciata da un mare policromatico, foriero infatti di sfumature che si alternano il turchese ed il verde smeraldo. L’accesso è ripido, conseguentemente è più semplice giungervi per mare.

arco-elefante-pantelleria-2
L’Arco dell’Elefante a Pantelleria, suggestivo ed unico nella sua particolare e caratteristica forma

Come arrivare

Pantelleria, l’isola del vento, è raggiungibile tutto l’anno sia via mare che in aereo.

In aereo

Dall’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo e dall’aeroporto Trapani-Birgi di Trapani, la Darwin Airline effettua tre voli al giorno.

Voli charter diretti da: Bergamo, Milano, Roma, Verona e Venezia

Voli di linea da: Roma Fiumicino, Lugano, Milano Linate e Malpensa

In nave

Nave Siremar da Trapani: tutti i giorni, escluso il sabato, partenze dal porto di Trapani alle ore 23.59. Dal primo di Giugno anche il sabato.

Nave “Traghetti delle isole”: tutti i giorni, esclusi il mercoledì ed il sabato, partenza dal porto di Trapani ore 14.00.