Pamukkale è una particolarissima località turca, tra le più famose e frequentate della nazione:  si trova nella regione interna Egea, nella bella valle del fiume Menderes.

Il suo nome significa, letteralmente, “castello di cotone” e deriva dalla particolare conformità del sito che è ricoperto da spessi strati bianchi di calcare e travertino che, scendendo attraverso il pendio della montagna, la fanno sembrare simile ad una fortezza ricoperta di cotone.

Pamukkale è un sito termale di grande importanza che attira numerosi visitatori. La sua particolare bellezza lo ha fatto rientrare tra i siti ritenuti Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO.

L’area del “castello di cotone” copre una superficie di 2700 metri di lunghezza e 160 d’altezza ed è talmente ampia da poterla vedere da grande distanza, anche dal lato opposto della vallata.

In epoca antica sulla sommità del castello sorgeva la città di Hierapolis che, dalla sua posizione, dominava la valle del fiume Lyko. Purtroppo, nel tardo ventesimo secolo, alcuni hotel furono costruiti sopra al sito in cui sorgeva la città distruggendo parte dei resti delle architetture.

pamukkale-423481_1280
Le rovine di Hierapolis

Le devastazioni avvennero realizzando le tubature che incanalavano l’acqua termale verso le strutture ricettive, le acque delle piscine si riversarono sul sito contribuendo in maniera determinante alla sua rovina. Anche le antiche vasche furono rovinate soprattutto perché cominciarono a perdere il loro caratteristico colore bianco.

Grazie all’intervento da parte dell’UNESCO furono eseguiti alcuni lavori di recupero, molti hotel, sorti in luoghi inappropriati, furono demoliti e le parte scure delle vasche furono sbiancate mediante un particolare sistema di riempimento e svuotamento.

Dell’antica città rimangono un teatro romano, con circa 12.000 posti, molto ben conservato, una vasta necropoli e il martyrion dell’apostolo Filippo che occupa l’intera la collina che sovrasta la città.

pamukkale-14983_1280
Le vasche con acqua termale

Le fonti termali di Pamukkale

Le fonti termali sono generate da un’attività vulcanica sotterranea che permette anche all’anidride carbonica di fuoriuscire generando un fenomeno chiamato “Plutonium”.

Il centro della città di Pamukkale sorge nell’area pianeggiante, davanti al “castello di cotone” ma la maggior parte dei turisti arriva a Pamukkale per vedere le Vasche di travertino e le Cascate calcaree. Queste scenografiche formazioni non sono solo un piacere per la vista ma anche per il corpo, infatti ci si può immergere a piedi scalzi per assaporare il tepore dell’acqua termale.

Le zone in cui scorre l’acqua sono comode per camminarci, dovrete fare invece attenzione a dove l’acqua è ferma perché il fondo è meno liscio e si rischia di tagliarsi, mentre, durante il periodo invernale le  vasche più a valle, quelle lontane dalla fonte, sono decisamente più fredde. Il sito è visitabile anche in notturna.

All’interno di quella che era l’antica piscina si trova una struttura termale con molti servizi. L’ingresso è a pagamento e consente di immergersi nelle acque calde di Pamukkale per un paio d’ore. Dentro la struttura termale ci sono delle vasche un po’ particolari che contengono una moltitudine di pesciolini che vi faranno il peeling ai piedi. Con l’accesso alle cascate avrete anche la possibilità di visitare le rovine di Hierapolis.

pamukkale-14964_1280
Una vista sulla vallata

Informazioni utili

Se intendete organizzare la vostra visita a Pamukkale nel mese di settembre, troverete ad aspettarvi l’International Pamukkale Music and Culture Festival, una bella manifestazione musicale che ospita artisti  e cantanti provenienti da tutto il mondo. Questo evento fu inaugurato nel 1995 e venne organizzato per sostenere la lotta al degrado del sito; visto il grande successo, da allora ogni anno, la manifestazione viene riproposta.

Se siete particolarmente avventurosi a Pamukkale potrete  fare un bel giro col parapendio, in coppia con un maestro: potrete organizzarlo appoggiandovi ad una delle tante agenzie locali; sarà un modo unico e davvero spettacolare di ammirare il “castello di cotone” dall’alto.

A Pamukkale potrete fare anche dei bei acquisti, infatti tutta quest’area è famosa per la lavorazione del cotone e la realizzazione di oggetti per la casa. Troverete tanti tipici souvenir, prodotti dagli artigiani locali, a prezzi davvero convenienti. A Pamukkale troverete, soprattutto in alta stagione, molti locali e ristoranti in cui fermarvi per pranzo o cena e in cui assaggiare alcune prelibatezze locali.

In particolare vi consigliamo di non andare via prima di aver assaggiato il borek, le famose frittelle turche, accompagnato dal vino prodotto in città. Troverete molti ristoranti e piccole pensioni che si affacciano sulla vallata, dove consumare un buon pasto davanti ad un bel panorama.